Tennis, US Open 2020: Berrettini e Caruso vincono e convincono, sognando un derby azzurro all’orizzonte

Il tennis italiano sogna un ottavo di finale tutto azzurro allo US Open 2020. Matteo Berrettini e Salvatore Caruso, infatti, potrebbero incrociarsi nella seconda settimana dello Slam americano in caso di vittoria di entrambi nel loro prossimo match di terzo turno. Il romano scende in campo da favorito contro il norvegese Casper Ruud, mentre il siciliano avrà bisogno di una  grande prestazione contro il russo Andrey Rublev.

Un match dal sapore della rivincita per Berrettini, perché contro Ruud è arrivata la sconfitta più brutta dello scorso anno per il numero otto del mondo. Era il secondo turno del Roland Garros ed il romano non riuscì davvero mai ad entrare in partita, finendo per perdere tre set a zero. Certo ora sarà un match diverso, anche perché si gioca sul cemento e soprattutto perché Berrettini è totalmente diverso rispetto a quello della terra rossa parigina.

Matteo ha ormai raggiunto una certa consapevolezza, quella che hanno solo i più forti. Innegabile che questa sfida sarà sicuramente più complicata delle prime due con Soeda ed Humbert, ma è l’autorità con cui Berrettini ha vinto che lascia ben sperare. Il romano sta servendo benissimo, sia per potenza (punte anche vicino ai 230 km/h) sia per precisione, come dimostrano i 17 ace nel match di ieri contro il francese. Servirà tutto questo per disinnescare Ruud e per prendersi una personale rivincita.

Come detto Berrettini non è solo al terzo turno, ma con lui ci sarà un coriaceo Salvatore Caruso. Il siciliano replica il match dell’esordio contro l’australiano Duckworth e si ripete con l’americano Ernesto Escobedo. Primo set perso, ma poi tre set giocati molto bene e portati a casa con ampio merito. Un traguardo che il nativo di Avola ha saputo raggiungere con merito, sfruttando l’occasione di un tabellone certamente favorevole, ma questi treni vanno presi e bisogna essere bravi a salirci in corsa.

Adesso con Rublev il compito è sicuramente molto arduo, ma non impossibile. Salvatore ha il gioco per mettere in crisi il russo e soprattutto ha la pazienza di aspettare, di lottare su ogni punto e di restare comunque sempre nel match. Poi può sempre capitare che Rublev sia in una di quelle sue pazze giornate (non è ancora capitato) e nel caso Caruso è certamente pronto a sfruttare l’occasione, sognando con tutti noi un derby azzurro.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL TENNIS

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tour de France, la tappa di oggi Millau-Lavaur: percorso, favoriti, altimetria. Tornano in scena i velocisti

US Open 2020, il prossimo avversario di Matteo Berrettini. Casper Ruud e quel conto in sospeso da risolvere…