Settimana Internazionale Coppi&Bartali 2020: Andrea Bagioli trionfa sull’ascesa di Sogliano al Rubicone

Andrea Bagioli vince la seconda frazione della Settimana Internazionale Coppi&Bartali 2020. Tappa e maglia per il giovane corridore della Deceuninck-Quick Step che si impone in volata sull’ascesa di Sogliano al Rubicone, battendo Jhonatan Narvaez (Ineos Grenadier) e Nicola Conci (Trek-Segafredo).

Al quattordicesimo chilometro dopo la partenza da Riccione arriva il primo allungo di giornata, ad opera di Umberto Marengo (Vini Zabù KTM), Jon Irisarri (Caja Rural Seguros) e Jesus Ezequerra (Burgos BH), a cui ben presto si aggiungono anche Maurice Ballerstedt (Jumbo-Visma) e Antonio Di Sante (Sangemini Trevigiani MGKVIS). La fuga dura a lungo, con i battistrada che arrivano a un vantaggio di circa 3′ sul gruppo. Al km 115 si staccano Marengo e Ballerstedt, per cui in testa alla corsa rimangono solo in tre.

A circa 30 chilometri dall’arrivo vengono ripresi anche Irisarri, Ezquerra e Di Sante: il gruppo si ricompatta. A tentare un attacco sono Mikkel Honorè (Deceunick Quick Step) e Jacopo Mosca (Trek Segafredo), ma il plotone riesce a bloccarlo sul nascere. Il gruppo prosegue dunque a velocità sostenuta verso il traguardo, con gli uomini della UAE Emirates a dettare l’andatura.

La salita finale, con pendenze anche al 17%, provoca selezione, con Jefferson Cepeda (Caja Rural Seguros) in leggero vantaggio su tutti. L’ecuadoriano viene ripreso a 900 metri dall’arrivo e ad imporsi di prepotenza è Andrea Bagioli, che chiude davanti a Narvaez e Conci. Piazzamenti nella top-5 per Diego Ulissi e Mauro Finetto.

Il capitano della Deceuninck Quick-Step, grazie agli abbuoni e con la cronometro a squadre vinta ieri dalla propria compagine vola anche in vetta alla classifica generale.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

antonio.lucia@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Deceuninck-Quick Step

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, Mondiali 2020: il percorso di Imola ai raggi X e l’altimetria. Tracciato per scalatori

Calcio: tre giocatori del PSG positivi al Coronavirus, dovrebbe esserci anche Neymar