Roland Garros 2020, tabellone femminile: analisi e possibili incroci. Williams ed Azarenka sul cammino di Halep, Muguruza con Pliskova

Comincia oggi la corsa al Roland Garros 2020 di Simona Halep. La romena è certamente la principale favorita per la vittoria finale nello Slam parigino. Dopo al ripresa la numero 2 del mondo ha vinto sulla terra rossa di Praga e poi si è ripetuta anche a Roma e vuole mantenere la sua striscia di imbattibilità anche in queste due settimane parigine. Difficile davvero trovare chi possa fermare Halep, anche se il sorteggio non ha aiutato molto la romena.

Halep, essendo la testa di serie numero 1, è stata inserita nella parte alta del tabellone, quella sicuramente più combattuta. Per la romena ci potrebbe essere un possibile ottavo di finale con la ceca Marketa Vondrousova, semifinalista degli ultimi Internazionali d’Italia; mentre nei quarti dovrebbe affrontare una tra Kiki Bertens o Johanna Konta, anche se quest’ultima avrà un primo turno complicato contro l’americana Cori Gauff.

Altro quarto di finale nella parte alta è quello tra Elina Svitolina e Serena Williams, ma il cammino di entrambe è ricco di numerose insidie. Per l’ucraina ci potrebbe essere all’orizzonte un ottavo di finale con la belga Elise Mertens, mentre per l’americana prima un secondo turno contro la vincente del match Pironkova-Petkovic e poi soprattutto l’ottavo di finale con Vika Azarenka, in una rivincita della semifinale degli US Open.

Nella parte bassa le due principali candidate alla semifinale sembrano essere Karolina Pliskova e Garbine Muguruza. La ceca, però, è ancora alle prese con il recupero dall’infortunio muscolare patito nella finale di Roma e sul suo cammino potrebbe incrociare Sloane Stephens al terzo turno e poi la croata Petra Martic agli ottavi. Per la spagnola possibile sfida agli ottavi con la bielorussa Sabalenka e poi un quarto di finale contro l’americana Sofia Kenin o la kazaka Rybakina, finalista del torneo di Strasburgo.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DEL TENNIS

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

NASCAR Xfinity Series, Chase Briscoe padrone a Las Vegas

Biathlon, Coppa del Mondo 2020-2021: le prime quattro tappe accentrate in due sole località