Show Player

Pagelle Tour de France 2020, 17a tappa: Landa, che disastro! Lopez salva la Colombia, Roglic consolida



PAGELLE TOUR DE FRANCE 2020, 17A TAPPA

Primoz Roglic, 8: era la tappa meno congeniale alle sue caratteristiche e, Lopez a parte, ha nuovamente guadagnato su tutti. Riesce a gestirsi in maniera ottimale in ogni frangente della corsa. Ha provato in tutti i modi a riprendere Lopez per vincere la tappa, ma senza riuscirci: anche lui è umano…Se supererà indenne anche la giornata di domani, il Tour sarà suo, perché sabato dovrebbe andare a nozze nell’amata specialità della cronometro.

Tadej Pogacar, 7.5: anche oggi terzo all’arrivo, è ormai un grande del ciclismo. Chi si aspettava che potesse attaccare e staccare Roglic, tuttavia, è rimasto deluso. A 5 km dall’arrivo ha chiesto al gregario De la Cruz di accelerare in testa al gruppo maglia gialla. Sembrava il preludio di un attacco, che però non è arrivato. Oggi il giovane della UAE Emirates è apparso meno brillante rispetto alle precedenti apparizioni in montagna e forse ha pagato dazio ai 2300 metri di altitudine. Il distacco nei confronti di Roglic è salito a 57″ ed il sogno maglia gialla diventa sempre più lontano. A questo punto la sensazione è che possa sperare solo in una ‘giornata no’ del connazionale.

Loading...
Loading...

Miguel Angel Lopez, 8.5: si sapeva che la frazione odierna e quella di domani sarebbero state le sue tappe. Ha sfruttato al meglio l’involontario assist di Kuss, guadagnando terreno nei confronti di Roglic e incrementando ulteriormente nel finale. Si è esaltato con le pendenze più arcigne e anche domani potrà divertirsi sul Montée du plateu des Glieres, 6 km micidiali all’11,2% di pendenza media! Ora è terzo in classifica generale con 1’39” nei confronti di Richie Porte: dovrà guadagnare ancora per non rischiare la beffa nella cronometro di sabato. Di sicuro sta salvando l’onore di una Colombia che era partita con ben altre ambizioni.

Mikel Landa, 5: ha ragione Damiano Caruso, chi non risica non rosica. Ma lo spagnolo ha messo in atto un vero e proprio suicidio tattico. Ha spremuto la squadra come un limone, tenendo l’andatura alta sin dal Col de la Madeleine. Ha mietuto vittime e fatto selezione. Ma, alla resa dei conti, non solo non ha attaccato, ma è stato uno dei primi a staccarsi. Potrebbe ancora concludere nella top5, ma questo Tour sta dimostrando una volta di più come il basco sia un ottimo corridore, ma non un campione.

Richie Porte, 6: non era la sua tappa e non lo sarà neppure quella di domani. Su queste pendenze soffre, ma non si arrende e limita i danni. Resta in corsa per il podio, ma non potrà permettersi di perdere altri secondi da Lopez.

Sepp Kuss, 7.5: quarto all’arrivo a 56″ da Lopez, non male per un gregario che, ad un certo punto, ha ottenuto anche il via libera dal capitano per giocarsi la tappa. Nei prossimi anni l’americano potrebbe ambire a fare classifica in proprio in un grande giro.

Enric Mas, 7: non è un fenomeno, ma sta salendo progressivamente di colpi in questo Tour. Consolida l’ottavo posto in classifica.

Simon Yates, 5,5: si stacca e arriva con Landa. Ma almeno non aveva fatto fuoco e fiamme come lo spagnolo…

Rigoberto Uran, 4,5: sprofonda e perde in un colpo solo 1’59” da Lopez. Non è mai stato brillante, ma sino a ieri si era salvato con l’esperienza. Oggi ha alzato bandiera bianca, precipitando al sesto posto nella generale.

Richard Carapaz, 7: il gruppo non ha lasciato spazio alla fuga, ma l’ecuadoriano è stato l’ultimo ad arrendersi, dimostrando di essere un grande scalatore. Che non ha vinto un Giro d’Italia per caso.

Nairo Quintana, 4: in crisi nera, arriva al traguardo 25 minuti dopo Lopez. Probabile che, come Bernal, decida di dire “basta”.

Damiano Caruso, 7: guadagna un’altra posizione in classifica, pur sacrificandosi per il “capitano” Landa. Per la top10 è durissima, ma gli va fatto solo un colossale applauso per come sta con orgoglio difendendo l’onore di un’Italia che sta recitando un anonimo ruolo da comparsa.

LA CRONACA DELLA TAPPA DI OGGI

L’ORDINE D’ARRIVO DELLA TAPPA DI OGGI

federico.militello@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top