NASCAR Cup Series, Kevin Harvick sempre più leader prima di Richmond

Con la Southern 500 al Darlington Raceway sono ufficialmente iniziati i NASCAR Playoffs 2020. In South Carolina. Kevin Harvick (Haas) ha strappato il successo e di conseguenza si è garantito l’accesso al ‘Round of 12’, la seconda delle quattro fasi che compongono le 10 gare più importanti della stagione.

Il primo superspeedway della storia lascia spazio al Richmond Raceway, un impianto totalmente diverso e considerato come uno short-track. A differenza di quanto accade solitamente, nel 2020 si svolgerà una sola manifestazione della Cup Series in questo tracciato, un fatto sicuramente inusuale. Il catino, aperto nel 1946, presenta una metratura di 1 chilometro e mezzo ed è composto da quattro curve. Ognuna di esse ha una pendenza di 14° gradi.

Sono molti i piloti che potrebbero primeggiare in una pista così particolare. Il primo nella lista, 22° a Darlington, è Martin Truex Jr. Il campione 2017, a segno in questo anno nella prima night race di Martinsville dello scorso giugno ha vinto entrambe le prove di Richmond del 2019. Tra i piloti presenti all’interno dei Playoffs, Denny Hamlin detiene il record di successi in questa manifestazione. Il #11 di casa Gibbs è entrato per tre volte nella victory lane della Federated Auto Parts 400, gara che si svolge annualmente dall’autunno 1958.

Kevin Harvick, #4 di Haas, ha colto il successo per due volte (2006-2011), mentre sono cinque coloro che vantano una singola affermazione. Oltre al già citato Truex (2019), sottolineiamo i successi di Kyle Busch (2018), Brad Keselowski (2014), Clint Bowyer (2012) e Kurt Busch (2005).
Al momento, a due gare dalla prima eliminazione (dopo tre gare gli ultimi quattro piloti della classifica vengono definitivamente esclusi dai Playoffs), Clint Bowyer (-0), Cole Custer (-3)., Matt DiBenedetto (-17) e Ryan Blaney (-17) sono virtualmente esclusi dalla lotta al titolo 2020. 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE SULLA NASCAR

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Tour de France 2020: Romain Bardet non ripartirà a causa di una commozione cerebrale

Ginnastica artistica, Elisa Iorio si è infortunata: lesione dei legamenti della caviglia, servono l’operazione e un lungo recupero. Tegola per l’Italia