MotoGP, GP Emilia-Romagna 2020: Yamaha con tante novità tecniche in vista del 2° round a Misano

Novità a pioggia per la Yamaha in vista del prossimo round del Mondiale 2020 di MotoGP sul circuito di Misano. I test che si sono tenuti ieri sempre sul tracciato dedicato a Marco Simoncelli sono serviti alla scuderia giapponese per provare tanto materiale. Il box di Valentino Rossi e dello spagnolo Maverick Vinales, come non mai, era ricco di nuovi componenti da verificare. L’intenzione della casa dei tre diapason è molto chiara: vincere e approfittare dell’assenza dell’infortunato Marc Marquez, che stando ad alcune indiscrezioni ha ripreso ad allenarsi.

Per questo sono state testate diverse soluzioni: uno scarico maggiorato, un nuovo telaio in carbonio, modifiche al telaio e novità sulla leva del freno posteriore a indice. Non si sono di sicuro annoiati Vinales e Valentino, con l’iberico che reduce dal deludente riscontro del primo appuntamento in terra romagnola di tornate ne ha messe insieme 91, riuscendo a siglare il proprio miglior crono di 1’31″532 al 77° passaggio. Soddisfatto anche Rossi, compiaciuto dell’impegno dei tecnici nipponici e desideroso di centrare il bersaglio grosso tra le “mura amiche” nel fine settimana che verrà.

La Yamaha, che non potrà intervenire in termini di sviluppo sui motori da regolamento, cerca vie alternative per dare una mano ai propri centauri afflitti da problematiche in termini di accelerazione. Il nuovo scarico rappresenta uno step importante per l’erogazione della potenza, ma oltre questo non dà ulteriori benefici, mentre le novità riguardanti il telaio non hanno dato i risultati sperati. Si guarda, quindi, al prossimo weekend iridato con la voglia di far bene in un campionato nel quale può accadere di tutto e in cui sette piloti sono racchiusi in 19 punti, con il ducatista Andrea Dovizioso al comando.

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL MOTOMONDIALE

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, Giovanni Aleotti: “Stimolante trovare Sagan alla Bora-hansgrohe. Il primo anno dovrò fare esperienza”

Calcio a 5: Max Bellarte è il nuovo ct della nazionale italiana di Futsal