F1, Lewis Hamilton: “Devo migliorare nel T1, al momento Bottas e Verstappen sono più veloci”

Lewis Hamilton non avrà chiuso al comando il venerdì del Gran Premio di Toscana 2020 della Formula Uno, ma ha comunque impressionato con la sua W11. Le due sessioni, dopotutto, hanno visto il suo compagno di scuderia Valtteri Bottas davanti a tutti, ma il campione del mondo ha mosso passi interessanti sia sul giro secco, sia nella simulazione di passo gara. L’inglese, infatti, ha dimostrato di avere ancora qualcosa nel taschino nel time attack, mentre quando si è concentrato sul ritmo, la sua Mercedes ha realizzato tempi davvero eccellenti con le gomme hard, mentre gli altri facevano poco meglio con le medie. In poche parole il campione del mondo si sta mettendo nelle condizioni migliori per fare suo il nono appuntamento del campionato, che andrà a concludere il terzo trittico di questa annata.

Il nativo di Stevenage inizia la sua analisi post-prove libere parlando della pista toscana, che non aveva mai conosciuto di persona. “Mi piace come tracciato, è veloce – spiega a gpblog.com – Non è facile trovare il giro perfetto con queste curve così complicate. Si tratta di una bella sfida, non sono ancora perfetto, ma sto lavorando per trovare il giusto feeling con la mia vettura”. Secondo il sei volte campione del mondo, soprattutto il T1 potrebbe essere migliore nel suo caso. “Sto cercando di migliorarmi nella prima fase del giro dove lascio qualche decimo di troppo. Nel T3, invece, sono cresciuto e ho già trovato il limite”.

Si annuncia una doppietta Mercedes al Mugello? “Non la farei così semplice. Al momento Valtteri Bottas e Max Verstappen sono più veloci, per cui studierò i loro giri nel corso della serata per capire meglio dove e come spingere al massimo. Come detto in precedente tra T1 e T2 posso ancora fare meglio, spero di invertire la tendenza già domani nella FP3”.

 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SULLA FORMULA UNO

alessandro.passanti@oasport.it

Twitter: @AlePasso

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tour de France 2020, Egan Bernal: “Gli avversari sono stati più forti. Spero di rifarmi nelle prossime tappe”

Tennis, ATP Kitzbuehel 2020: Djere elimina Schwartzman e vola in semifinale. Avanti anche Kecmanovic