Basket, Supercoppa Italiana 2020: Virtus vittoriosa nel derby di Bologna, Fortitudo al top per due quarti, poi assolo bianconero


Il derby numero 107 a livello ufficiale della storia della pallacanestro italiana è della Virtus Bologna. La formazione di Sasha Djordjevic sconfigge per 73-87 la Fortitudo, che pure nei primi due quarti mostra le cose migliori prima di ritrovarsi imbrigliata dalla difesa virtussina della seconda metà di partita (oltre a subire il calo delle percentuali da tre: da 5/9 a 8/28, ma soprattutto c’è il 39% da due contro il 62.5% delle V nere). Per i bianconeri 16 punti e 10 rimbalzi di Julian Gamble, 12 a testa di Milos Teodosic e Amar Alibegovic, ma gran partita da 7 e 6 rimbalzi anche di Alessandro Pajola, motore del recupero. Per i biancoblu di Meo Sacchetti 16 di Adrian Banks, che cala alla distanza, 14 di Pietro Aradori, 13 di Matteo Fantinelli, 12 di Todd Withers, 10 di Ethan Happ.

I primi due minuti, conditi da tanti errori e da un unico semigancio di Tessitori, sembrano dire che la Virtus, in difesa, ne sappia avere di più rispetto a una Fortitudo in difficoltà nel costruire i primi attacchi. La realtà, però, è ben presto svelata: sono gli uomini di coach Sacchetti a prendere in mano la situazione, con Aradori e Fantinelli che siglano il 13-4. Teodosic, da solo o quasi, in un lampo riporta la Segafredo a tiro (13-11), ma è un fuoco di paglia, con Withers e Fantinelli che in un attimo ristabiliscono le distanze (21-11). La Virtus tenta un altro recupero fino al -4, ma la schiacciata quasi sulla sirena di Happ chiude il primo quarto sul 24-18 Fortitudo.

Loading...
Loading...

La situazione, per i colori biancoblu, diventa anche più favorevole: se Gamble e Ricci riavvicinano i bianconeri fino al -2 (26-24), è la coppia Fantinelli-Totè, in collaborazione con Aradori, a riportare la Fortitudo sulle dieci lunghezze di vantaggio. Il momento di Banks, a lungo atteso, arriva, ed è un uragano che s’abbatte su una Virtus che tante volte perde palloni anche piuttosto banali. Due volte quella che, stasera, è la squadra di casa si issa sul +13, in qualche modo gli odierni ospiti fanno sì che il punteggio all’intervallo sia di 46-35 con 6 palle perse a 16 in favore della Effe e 6/16 contro 1/10 da tre ancora in favore dell’Aquila.

Il terzo quarto vede cambiare fondamentalmente tutto: Pajola si rende protagonista sia nell’una che nell’altra metà campo, Gamble sfrutta i problemi di falli dei lunghi fortitudini e in un lampo la partita si riapre. La Virtus impatta a quota 53 con la tripla dall’angolo di Alibegovic, poi ancora Gamble trova il gioco da tre punti del sorpasso, avviando anche qualche schermaglia col pubblico di fede biancoblu. Anche Hunter offre il suo contributo per quello che diventa un periodo da 11-31 nel punteggio a favore delle V nere, che entrano negli ultimi dieci minuti sul 57-66.

Che la Fortitudo abbia speso tantissimo nei primi due quarti si vede, che la Virtus abbia alzato i giri del motore anche nella propria metà campo è ugualmente vero. Adams fa toccare il +14 ai bianconeri sul 57-71, ma in qualche modo è Aradori ad alimentare le speranze della Effe, che comunque non riescono mai a rientrare davvero in partita pur con un ritardo che, a 5’28” dalla fine, diventa di 7 punti (66-73). Alibegovic rimette distanza sul 69-80, poi è Teodosic, con la tripla del 73-85 a due minuti dal termine e poco meno, a mettere la parola fine sul derby. Finisce 73-87, la Virtus è sempre più vicina alle Final Four casalinghe.

FORTITUDO 103 BOLOGNA-VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA 73-87 (24-18, 46-35, 57-66)

FORTITUDO – Banks 16, Aradori 14, Mancinelli ne, Simon ne, Dellosto, Fletcher 2, Palumbo, Fantinelli 13, Happ 10, Withers 12, Totè 6. All. Sacchetti

VIRTUS – Tessitori 4, Deri, Abass 3, Pajola 7, Alibegovic 12, Markovic 7, Ricci 9, Adams 3, Hunter 8, Weems 7, Teodosic 12, Gamble 15. All. Djordjevic

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL BASKET

federico.rossini@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credit: Ciamillo

Loading...

Lascia un commento

scroll to top