NASCAR Cup Series, Go Bowling 235: una nuova sfida a Daytona

La NASCAR Cup Series si prepara, finalmente, per la prima competizione non ovale del 2020. In seguito alla cancellazione della corse di Sonoma (California) e di Watkins Glen (New York) la serie ha deciso  di svolgere l’unico atto su un road course all’interno del Daytona International Speedway, nella pista che ogni gennaio ospita la mitica 24 Ore di Daytona.

La sede dell’opening round dell’IMSA WeatherTech SportsCar Championship, la massima serie a stelle e strisce per le GT ed i prototipi, è una sfida per tutti i piloti della NASCAR che non hanno mai corso con una stock car in questa pista. Per ragioni di sicurezza (le alte velocità e la tenuta dei freni) al disegno originale del circuito è stata aggiunta una chiane tra l’uscita della curva 4 dell’ovale alla linea del traguardo. Sono intatte invece le altre famose zone dell’impianto che prevede passaggi unici come la ‘bus stop’ o le importanti staccate dei due (horseshoe) e di curva 1.

Attiva ora il tuo abbonamento a 9,99€/mese.

In una location dove nessuno ha mai corso con una Cup Series, senza prove libere, qualifiche o test privati tutti possono vincere. La competizione di domenica, inseme alla 400 miglia che si svolgerà sempre a Daytona a fine mese sull’ovale, sono le ultime due corse ‘Jolly’ per tutti coloro che vogliono strappare un pass certo per i Playoffs.

Al momento sono cinque i piloti che passerebbero alla fase cruciale del campionato con i punti raccolti fino ad ora. Aric Almirola (+158), Kyle Busch (+140), Kurt Busch (+137), Clint Bowyer (+60) Matt DiBenedetto (+57) e William Byron (+26) sono al momento qualificati per contendersi il titolo. Daytona potrebbe essere l’occasione per strappare definitivamente il pass per i Playoffs in una gara dove l’esperienza e la destrezza sui road course potrebbe fare la differenza.


Tra coloro che potrebbero mettersi in luce c’è senza dubbio Jimmie Johnson (Hendrick). Il sette volte campione della Cup Series non vince dall’evento di Dover del 2018 e quella di domenica potrebbe essere l’occasione per spezzare questo lunghissimo digiuno ed accedere a quelli che dovrebbero essere gli ultimi Playoffs della carriera.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE SULLA NASCAR

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

MotoGP, GP Austria 2020: possibile maltempo a scombussolare la corsa? La previsioni meteo e cosa può cambiare

MotoGP, GP Spagna 2020: la KTM può ripetere la clamorosa vittoria di Brno? L’analisi del venerdì di Binder e compagni