Show Player

F1, Helmut Marko: “Un mistero che Leclerc abbia trovato tutta questa velocità, se si valuta quanto ha fatto Vettel”



Alle ore 15.10 scatterà il GP di Gran Bretagna, quarto round del Mondiale 2020 di F1. Sul tracciato di Silverstone le due Ferrari del monegasco Charles Leclerc e del tedesco Sebastian Vettel prenderanno il via, rispettivamente, dalla quarta e decima piazzola.

Ha stupito, tenuto conto delle tante problematiche della SF1000, la prestazione di Leclerc. La scuderia di Maranello ha deciso di puntare su un assetto molto scarico aerodinamicamente, per avere più velocità sul dritto, e quindi difendersi nelle zone di accelerazione pura. Questo ha permesso a Charles, che predilige una vettura sovrasterzante e probabilmente anche un set-up di questo genere, di tirar fuori il 101% dalla vettura. Discorso diverso per Sebastian, che ha definito “non sua” la Ferrari di ieri. Indubbiamente, nel risultato del teutonico hanno inciso i tanti contrattempi che hanno costellato il suo fine settimana: dall’avaria all’intercooler al pedale del freno che fa i capricci.

Loading...
Loading...

A fornire, però, un’interpretazione di quanto è accaduto nel team di Maranello è stato il consulente della Red Bull Helmut Marko. Intervistato da F1-insider.com, infatti, Marko è stato sorpreso dal riscontro del 22enne nativo del Principato, specie se rapportato a quello di Seb: È un mistero per noi dove Leclerc possa aver trovato questa velocità. Nei rettilinei era più veloce della nostra macchina. Abbiamo visto, poi, questa velocità solo nella monoposto di Leclerc e non in quella di Vettel“.


Allusioni quelle del buon Helmut a un modo di lavorare nel team italiano ormai tutto concentrato su Charles, visto che Vettel a fine anno andrà via? Indubbiamente, considerazioni che possono far discutere.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DELLA F1

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top