Show Player

Tennis, seeding regale per l’Open di Palermo, primo torneo ufficiale da marzo. E Pliskova…



Due campionesse Slam; una finalista dell’ultimo Roland Garros; tante top 20 del ranking mondiale attuale. Il prossimo Open di Palermo (WTA) si appresta a essere il migliore della storia, almeno per partecipazione. E’ notizia recente l’aggiunta di Simona Halep alla presenza già sicura di Jelena Ostapenko (vincitrice a Parigi nel 2017) e Markéta Vondroušová, finalista sempre al Roland Garros, ma un anno fa.

Il direttore del torneo, Oliviero Palma, gongola in un’intervista concessa ad Andrew Dampf, collega di stanza da anni a Roma, dell’AP, Associated Press: «Un’entry list incredibile. Praticamente, è come quella di un Premier». Non mancheranno nemmeno Johanna Konta, Petra Martić e Maria Sakkari, tra le altre. La ragione di questa parata di stelle per un torneo della portata di quello di Palermo è dovuta anche al fatto che le competizioni in Sicilia, in programma dal 3 al 9 agosto prossimo, di fatto segnano il ritorno del tennis ai livelli pre-pandemia, dopo oltre cinque mesi di pausa.

Loading...
Loading...

Il WTA di Palermo sarà infatti il primo torneo ufficiale, uomini o donne non fa differenza, dai primi di marzo. «Sarà certamente un grande onore, per noi – prosegue Palmama ovviamente anche un’enorme responsabilità. Saremo i primi al mondo a ripartire e quindi anche i primi a testare le nuove regole». Mica poche, tra l’altro: i giocatori dovranno gestire i propri asciugamani invece di essere assistiti dai bambini-raccattapalle; nessuna stretta di mano alla fine delle partite; nessun autografo o foto con i fan; niente docce per i giocatori sul posto. I tennisti e chiunque venga in contatto con loro verranno sottoposti al test del tampone nasale prima della loro partenza per Palermo, all’arrivo e poi di nuovo ogni quattro giorni. Finora, il problema maggiore per il torneo non sono stati i test positivi, ma le restrizioni di viaggio, che hanno portato al ritiro di Svetlana Kuznetsova, tra le altre, limitando poi il campo ai giocatori esclusivamente europei.


«Sapevamo quando abbiamo deciso di andare avanti con il torneo che ci sarebbero stati sviluppi inaspettati – continua Palma -. Tutto quello che possiamo fare è incrociare le dita. Palma ha rivelato che Karolína Plíšková, n° 3 al mondo, ha fatto sapere che prenderà parte al torneo… solo se l’US Open verrà annullato!. «Altrimenti andrà negli Stati Uniti all’inizio di agosto», le parole di Palma. «Questi tornei diventeranno più simili agli eventi regionali in tali condizioni. Ci sarà un circuito americano e un circuito europeo». Mentre l’Italia è stata l’epicentro quasi globale del virus a marzo e ha registrato oltre 35.000 decessi, la Sicilia non è stata colpita duramente e ha contato solo 163 casi positivi nel suo ultimo rapporto. Un numero limitato di fan sarà autorizzato a partecipare al torneo, con 280 spettatori ammessi per ogni sessione, portando il numero totale di persone all’interno del campo dello stadio da 1.500 posti – inclusi i giocatori – a 327. Anche i fan e tutti gli altri partecipanti verranno testati per il virus. Con un minor numero di biglietti venduti, il montepremi del torneo è stato ridotto da $ 250.000 del 2019 a $ 222.500 del 2020. «Una giocatrice tra le prime 10 al mondo se ne può fregare tranquillamente del montepremi, qui –  conclude Palma -. Verranno solo perché vogliono giocare e tornare alle loro vite normali».

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI TENNIS

gianmario.bonzi@gmail.com

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Shutterstock

Loading...

Lascia un commento

scroll to top