Show Player

MotoGP, Valentino Rossi: “Ho esultato sotto la curva, ma era vuota! Un abbraccio virtuale ai miei tifosi”



Valentino Rossi ha fatto saltare il banco a Jerez de la Frontera e ha conquistato un meraviglioso terzo posto nel GP di Andalusia 2020, seconda tappa del Mondiale MotoGP che si è corsa oggi pomeriggio sul circuito spagnolo. Il Dottore ha stravolto il set-up della sua Yamaha rispetto a settimana scorsa, ha guidato benissimo per tutto il weekend e il risultato conclusivo lo ha premiato con pieno merito. Il nove volte Campione del Mondo, reduce dal ritiro nell’esordio di questa tormentata stagione, è riuscito a salire sul podio a oltre un anno di distanza dall’ultima volta (17 Gran Premi).

Al termine di una gara durissima e molto sofferta anche a causa del caldo rovente, Valentino Rossi ha parcheggiato la propria moto in pista ed è corso velocemente verso una tribuna. A quel punto è salito sulle protezioni e ha iniziato a esultare in maniera sfrenata, ma c’era qualcosa che stonava: non c’era il pubblico sugli spalti! Ovviamente la gara si è disputata a porte chiuse a causa della pandemia e il centauro di Tavullia non ha potuto festeggiare con i tifosi, ma si è inventato uno dei suoi proverbiali numeri per esultare.

Loading...
Loading...

A Jerez de la Frontera ebbero luogo alcune delle esultanze più celebri della carriera del Dottore, tra cui quelle del bagno chimico (1999) e dei birilli (2007). Valentino Rossi ha commentato così il suo gesto ai microfoni di Speedweek, ridendo in maniera spassionata: “Jerez è il luogo di alcune delle mie più grandi esultanze e quindi ho pensato di rallegrare gli spettatori anche oggi. Il problema è che la situazione era strana perché non c’erano tifosi. Tuttavia è stato molto divertente, diciamo che è stato come un abbraccio virtuale per tutti i fan“.

 

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI MOTOGP

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top