Show Player

MotoGP, Francesco Bagnaia e Franco Morbidelli: quando il sogno diventa incubo. Podio ad un passo, poi il cedimento dei motori



Passare da un sogno a un incubo è davvero un attimo. Prima stai toccando il cielo con un dito e tutto sembra così incredibilmente bello, un istante dopo crolli nel baratro e speri che tutto non sia vero. Questa è la brutta sensazione che accomuna Francesco Bagnaia e Franco Morbidelli al termine della gara di Jerez de la Frontera: entrambi si stavano esaltando nel corso del GP d’Andalusia 2020 ma poi i motori dei loro mezzi li hanno traditi proprio sul più bello, lasciandoli a piedi nel momento cruciale della seconda tappa del Mondiale MotoGP.

Bagnaia era magnifico secondo quando mancavano sei giri al termine. Il ribattezzato Pecco, scattato dalla terza piazzola grazie a una splendida qualifica, aveva ingranato dopo una partenza un po’ sottotono ed era riuscito a infilare con grande classe le due Yamaha ufficiali: prima Maverick Vinales e poi Valentino Rossi si erano dovuti inchinare al cospetto del piemontese. Il già Campione del Mondo della Moto2 aveva fatto il vuoto nei confronti delle due moto di Iwata e stazionava comodamente in piazza d’onore, a debita distanza dal leader Fabio Quartararo. Sembrava una cavalcata trionfale ma poi, all’improvviso, la Ducati Pramac ha incominciato a fumare da dietro. La moto cliente di Borgo Panigale non ha terminato la gara in una domenica nera per la casa italiana (il miglior risultato è il sesto posto di Andrea Dovizioso).

Loading...
Loading...

Morbidelli si trovava in quarta posizione a nove giri dal termine, in piena lotta per il podio con Valentino Rossi. Il romano della Petronas sembrava avere il passo per superare il Dottore e puntare alla top-3 ma all’improvviso la sua Yamaha lo ha abbandonato sul rettilineo: è lo stesso identico problema occorso settimana scorsa al fuoriclasse di Tavullia, la moto in piena accelerazione ha fatto un motore sordo e ha poi perso potenza, obbligando al parcheggio forzato in fondo al dritto. C’è un problema importante sul fronte motori in casa Yamaha: Vinales ne ha già usati cinque, quattro a testa per Rossi, Morbidelli, Quartararo e questa criticità andrà risolta rapidamente. Una cosa è certa: l’appuntamento con il podio è soltanto rimandato ai prossimi appuntamenti sia per Bagnaia che per Morbidelli, se continueranno a guidare con questa costanza e a essere supportati da buoni mezzi.

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI MOTOGP

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top