Ciclismo, niente quarantena per i 38 italiani del Sibiu Tour: l’elenco completo, c’è Rebellin

I cittadini provenienti dalla Romania e diretti verso l’Italia avranno l’obbligo di sottoporsi a una quarantena una volta che entreranno nel nostro Paese. Roberto Speranza, Ministro della Salute, ha firmato l’ordinanza che prevede l’isolamento per 14 giorni per le persone provenienti da quella Nazione. Il provvedimento non avrà però delle conseguenze per i 38 ciclisti italiani impegnati al Sibiu Tour.

I 38 uomini non dovranno sottoporsi alla quarantena come ha precisato una nota del Governo. Inizialmente si pensava che questi atleti non avrebbero potuto gareggiare fino a martedì 11 agosto, saltando Strade Bianche, Trittico Lombardo, Milano-Torino, Milano-Sanremo e altri eventi in programma nelle prossime settimane. Tra loro anche il quasi 49enne Davide Rebellin, ieri splendido settimo nel tappone con arrivo in salita. Di seguito l’elenco dei 38 corridori in gara al Sibiu Tour. La breve corsa a tappe si concluderà domenica 26 luglio.


CICLISTI ITALIANI AL SIBIU TOUR:

Riccardo Stacchiotti, Simone Bevilacqua, Leonardo Tortomasi, Luca Wackermann, Francesco Manuel Bongiorno e Matteo Busato (Vini Zabù-Ktm); Luca Covili, Nicolas Dalla Valle, Filippo Fiorelli, Iuri Filosi e Matteo Pelucchi (Bardiani-Csf); Federico Zurlo, Andrea Guardini ed Emanuele Onesti (Giotti-Victoria); Davide Bais, Filippo Ferronato, Martin Nessler, Andrea Pietrobon e Gabriele Petrelli (Cycling Team Friuli); Michael Bresciani, Luca Raggio, Nicholas Rinaldi, Nicolas Nesi, Ivan Martinelli e Valter Ghigino (D’Amico-Tools); Davide Appollonio, Marco Tizza, Antonio Zullo, Riccardo Marchesini e Andrea Meucci (Amore&Vita-Prodir); Davide Rebellin (Meridiana-Kamen); Paolo Totò, Dario Puccioni, Raul Colombo, Federico Burchio, Antonio Santoro e Matteo Rotondi (Work Service).

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pattinaggio artistico: l’Autumn Classic International 2020 rinviato a data da destinarsi

NASCAR Truck Series, Austin Hill vince in Kansas