Show Player

Nuoto, Gabriele Detti: “Alle Olimpiadi voglio battere tutti! 400 e 800 al top. Paltrinieri mi manca”



Gabriele Detti è reduce da un’annata un po’ sottotono per i suoi standard visto che ai Mondiali 2019 si è dovuto accontentare del bronzo sui 400 metri stile libero, dopo che nel 2017 si era laureato Campione del Mondo sugli 800 e alle Olimpiadi di Rio 2016 aveva firmato una doppietta di bronzio su 400 e 1500. L’allievo di Stefano Morini guarda con grande ottimismo al futuro e sogna in grande in vista delle prossime Olimpiadi come traspare in un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport: “Se faccio due gare individuali punto al top su entrambe: 400 e 800. I 1500? Non lo so, vedremo, se ne occuperà il Moro“.

Il 25enne si sofferma sugli allenamenti attuali: “Vanno molto bene, sto lavorando meglio di quanto pensassi: è bastato poco per riprendere il ritmo lungo. Solo da un paio di settimane abbiamo ricominciato a girare su un chilometraggioo un po’ più alto. Sono contento di arrivare a fine giornata con i dolori, almeno vuol dire che sto facendo qualcosa“. Il ritorno in gara è fissato per il Trofeo Settecolli a metà agosto: “Sarà l’unico obiettivo fino a ottobre-novembre. Psicologicamente è un test che serve. La Champions Isl? Penso ad altro, se ci sarà una proposta la valuterò“.

Loading...
Loading...

Il nuotatore ha parlato della sua vita senza avere accanto Gregorio Paltrinieri: “Penso che ognuno debba fare le proprie scelte, in ambito lavorativo e nella vita: se non ti trovi bene a lavorare lì è giusto che cerchi un’altra soluzione. Umanamente mi è dispiaciuto, anzi ho patito un vero crollo emotivo: nei primi giorni guardavo la corsia a fianco in piscina e mi dava fastidio non vederlo, sentivo che mi mancava qualcosa. Ma sono cose che capitano: è stato come perdere un fratello che cambia posto dopo dieci anni… Con Greg abbiamo condiviso tutto“.

Il toscano guarda ovviamente al futuro: “Il nuoto è bello perché è uno sport individuale. Io devo pensare a me stesso, devo pensare in grande. Ho ottimi compagni di allenamento, ci divertiamo e possiamo andare forti tutti lo stesso. Con Paltrinieri ci parliamo spesso, ci mandiamo messaggi, ci siamo sentiti più volte: mi ha detto che nel nuovo gruppo si sta trovando bene. L’importante è quello, ma è ovvio che l’affetto l’uno per l’altro resta. Alle fine si è solo spostato, ma non sono cambiati gli obiettivi. Per entrambi resta la voglia di stupire e salire ancora sul podio insieme come abbiamo fatto alle Olimpiadi di Rio“.

L’assenza alle Olimpiadi di Tokyo del cinese Sun Yang, squalificato per doping, potrebbe cambiare qualcosa?: “Non cambia niente: quando si arriva a una finale olimpica ci sono 8 atleti che vogliono spaccare il mondo e vincere. Sono convinto che a parte i soliti nomi, da Horton a Romanchuk e Rapsys, usciranno anche dei giovani. Magari De Tullio, finalista ai Mondiali. Per diventare numero 1, devi allenarti come se tu fossi il numero 2. E io voglio andare alle Olimpiadi e battere tutti“.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI NUOTO

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top