MotoGP: tante le novità post pandemia. Test, app e mascherine

Tutto si avvicina a tornare alla normalità, o quasi. Almeno potranno ripartire le gare, anche se a porte chiuse. Il Mondiale di MotoGP dovrebbe prendere il via nel mese di luglio, ma tantissime saranno le novità in seguito alla pandemia da Coronavirus, racchiuse in un documento di 30 pagine. Andiamo a scoprirle, come riportate dalla Gazzetta dello Sport.

Il numero massimo di persone presenti nel paddock sarà di 1600: 860 tra team e fornitori, 250 dello staff della Dorna, 40 giornalisti delle televisioni e 450 membri del circuito. Le squadre della MotoGP potranno disporre di 45 persone, quelle di Moto 3 e Moto 2 di 12. Da capire la situazione delle mascherine, ma molto probabilmente per lo staff saranno obbligatorie le FFP2.

L’accesso al paddock sarà consentito solamente a chi avrà, 4 giorni prima dell’evento, effettuato un tampone (risultato negativo ovviamente) ed il test sierologico. Presente la misurazione della temperatura corporea. Tutti i test dovranno essere inviati tramite un’App specifica alla Dorna.

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Mondiale MotoGP 2020

ultimo aggiornamento: 06-06-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Jean Alesi: “La gestione dei piloti in Ferrari sarà ora molto più semplice. Vettel ha fallito ma non è stata colpa sua”

Atletica, i record del mondo: Elena Isinbayeva, la farfalla russa che volò a 5,06 nel salto con l’asta