Volley, uno sport considerato a più alto contagio Covid-19 rispetto al calcio. Discutiamone…

Parliamone. Chi ha praticato, pratica, è un semplice appassionato, amatore o ha in qualche modo a cuore la pallavolo, non avrà certo sorvolato sulle tabelle apparse in questi giorni su giornali e social che pongono il volley tra gli sport più pericolosi (se non addirittura il più pericoloso) del panorama delle discipline sportive (olimpiche e non) a livello italiano.

Cosa c’è sotto lo scopriremo solo vivendo, anche se la decisione categorica dell’interruzione di tutti i campionati, compresi quelli della massima serie, da parte della Federvolley che ha provocato una rottura più o meno sanguinolenta (che potrebbe anche tradursi in una rottura definitiva) con le Leghe maschile e femminile, a qualcuno ha fatto accendere una lampadina, visto che a compilare il questionario sono stati i funzionari/dirigenti/consiglieri della Fipav stessa che, secondo le malelingue (da quanto si commenta su social e media), in qualche modo doveva giustificare una decisione drastica e presa ancora in una fase in cui la spinta emozionale per la diffusione del virus poteva andare oltre un razionale esame approfondito della situazione che sarebbe potuto scattare, ad esempio, la prossima settimana con un quadro meno drammatico della situazione.

Detto che la Fipav aveva comunque tutte le motivazioni per prendere la decisione di chiudere la stagione e che non è l’unica Federazione (anche a livello internazionale) ad essere andata in quella direzione, quindi si potrà discutere sulla tempistica ma difficilmente sul merito della decisione, resta da capire se il volley è sport così pericoloso (ancora più di rugby o calcio) oppure se qualcuno ha calcato un po’ troppo la mano, esagerando nella pericolosità e nelle precauzioni, in uno sport che è sempre stato visto come “di non contatto”, a tal punto da essere additato come disciplina non adatta (terminologia che un pallavolista avrà sentito almeno cinquanta volte in carriera, spesso in modo scherzoso, quando si confronta con atleti di altre discipline) a “uomini veri”, in cerca di scontro fisico ed emozioni forti.

Vediamoli questi numeri. Secondo la Fipav, la pallavolo esprime il massimo della pericolosità di contagio (in una valutazione che va da 4 a 0) quindi valore 4 negli ambiti. Sito sportivo: vicinanza-contatto atleti, spogliatoi e servizi: numero, dimensioni e bagni, ambiente chiuso, dispositivi di protezione (possibilità utilizzo), digitalizzazione: telemedicina, telecoaching, spettatori.

Sito di allenamento: vicinanza-contatto atleti, ambiente chiuso, dispositivi di protezione (possibilità utilizzo), digitalizzazione: telemedicina, telecoaching, spettatori.

Sito di gara/evento: vicinanza-contatto atleti, vicinanza contatto pubblico/accompagnatore/genitori, spogliatoi e servizi: numero, dimensioni e bagni, ambiente chiuso, dispositivi di protezione (possibilità utilizzo), Digitalizzazione: telemedicina, telecoaching, spettatori.

Evento/pubblico: vicinanza-contatto atleti, vicinanza contatto pubblico/accompagnatore/genitori, spogliatoi e servizi: numero, dimensioni e bagni, ambiente chiuso, dispositivi di protezione (possibilità utilizzo), Digitalizzazione: telemedicina, telecoaching, spettatori.

Il valore 3 è stato assegnato invece negli ambiti. Sito sportivo: vicinanza contatto pubblico/accompagnatore/genitori, numerosità atleti in azione, personale di supporto: giudici, cronometristi, raccattapalle, ecc.

Sito di allenamento: vicinanza contatto pubblico/accompagnatore/genitori, vicinanza-contatto tecnici, numerosità atleti in azione, personale di supporto: giudici, cronometristi, raccattapalle, ecc.

Sito di gara/evento: vicinanza-contatto tecnici, personale di supporto: giudici, cronometristi, raccattapalle, ecc.

Evento/pubblico: vicinanza-contatto tecnici, personale di supporto: giudici, cronometristi, raccattapalle, ecc.

Un solo ambito di valore 2 nel Sito sportivo per la vicinanza-contatto tecnici.

Insomma una disciplina dalla pericolosità di contagio elevatissima, così come si evince anche dalla ricerca fatta (questa volta sì, con parametri che dovrebbero essere uguali per tutte le otto discipline prese in considerazione) dal Politecnico di Torino e commissionata dal Ministero con Delega allo Sport proprio per la valutazione della ripresa delle varie discipline. Secondo questo studio (utilizzati gli stessi criteri numerici di valutazione da 0 a 4) le uniche due voci in cui non c’è valutazione 4 sono Contatto tecnici e personale di supporto: giudici, cronometristi, raccattapalle, ecc. dove la valutazione è 3. 

Mettersi a discutere e a fare confronti risulterebbe lungo e noioso ma ogni lettore, a questo punto, ha le giuste conoscenze per fare le proprie valutazioni. Quello che è certo è che siamo di fronte a una stortura, analizzando anche solo un dato di questa ricerca su cui poi, si spera, chi dovrà decidere sulla ripartenza delle diverse discipline, farà la giusta tara. Non può esistere che il volley nella voce vicinanza-contatto atleti sia valutato con maggiore pericolosità di contagio rispetto a calcio e rugby. Tutto il resto viene di conseguenza.

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI PALLAVOLO

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto Cev

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Serie A1 2019-2020 volley femminile SuperLega 2019/2020 volley

ultimo aggiornamento: 02-05-2020


Subscribe
Notificami
1 Comment
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Nany74
Nany74
8 mesi fa

Siamo davvero alla frutta, ma cosa dico frutta, siamo al Fernet offerto al banco prima di uscire dal ristorante (quanti bei ricordi in tempo di lockdown…). Alcune decisioni possono essere discutibili, come leggeto, più sulla tempistica che sulla sostanza, ma che qualcuno si presti deliberatamente a fare la figura del pirla, solo per sparare numeri a caso che giustificano una scelta un po’ troppo emozionale, questo fa davvero tanto “repubblica delle banane”. Solo leggendo le motivazioni viene da ridere: palazzetti “stretti”? Spogiatoi e docce troppo vicine? Ma scusate, sarà mica colpa del volley in generale, se a disposizione ci sono solo palazzetti di merda, per altro a norma di legge? Che strano: quando vai a costruire un palazzetto (vedi quello della Lube), rispetti tutte le regole ecc per poi scoprire che è uno dei fattori che determina la pericolosità di questo sport? Mannaggia, c’è di che sentirsi in colpa per i prossimi 6000 anni!! Da ex praticante di volley (ma anche di calcio e arti marziali), posso dire che la pallavolo a livello 4, significa che gli altri due sport che ho citato devono essere a livello 15…Per favore, invece di fare queste figure barbine, non sarebbe stato meglio dire tranquillamente: “Si, è vero, abbiamo preso una decisione dettata dall’emozione, ma comunque non si sarebbe potuto ricominciare a giocare lo stesso”. Tanto sarebbe bastato per ammettere di essere umani e comunque confermare una decisione tutto sommato giusta e cautelativa. Tutto il resto sono solo cavolate che fanno arrabbiare tutti quanti. Mi associo all’indignazione del Maestro Velasco. Buffoni!

F1, GP Ungheria 2020 a porte chiuse per l’emergenza sanitaria

Tennis, gli organizzatori dello US Open annunciano: “La decisione definitiva sarà presa a metà giugno”