MotoGP, Valentino Rossi continuerà nel 2021? Uccio Salucci: “Il futuro è in Yamaha, mi piacerebbe Morbidelli come compagno”

Valentino Rossi si ritirerà al termine di questa stagione o proseguirà la propria avventura in MotoGP anche nel 2021? Questa è una delle grandi domande che si stanno facendo tutti gli appassionati di motociclismo in attesa che il Mondiale incominci visto che la stagione non è ancora partita a causa dell’emergenza coronavirus (si scenderà in pista a giugno?).

Uccio Salucci, l’uomo più vicino al Dottore, ne ha parlato in un’intervista concessa a GP One: “Parlo con Vale un paio di volte al giorno, è fortunato perché ha una palestra in casa e si allena regolarmente. Difficile dire quale sarà la sua decisione sul futuro, l’idea è quella di fare alcune gare e vedere la situazione. Se si sente competitivo allora continuerà, altrimenti si dedicherà a qualcosaltro. Non è una persona che ama riposarsi, sicuramente troverà un’attività in cui impegnarsi se deciderà di smettere. Ha 40 anni ma ha lo spirito e la voglia di un ragazzo di 28 anni. Cambiare la moto in questo momento sarebbe difficile, il futuro di Vale sarà sempre in Yamaha se deciderà di proseguire“.

Dunque un futuro in Yamaha Petronas visto che il 2020 sarà il suo ultimo anno con la M1 ufficiale. Questa l’ipotesi più quotata e Uccio parla anche di un possibile compagno di squadra: “Mi piacerebbe vederlo con Morbidelli ma è soltanto un’opinione personale. Max Biaggi è stato il rivale “più divertente“, Casey Stoner il “più difficile da battere, un talento cristallino difficile da decifrare“, il GP del Sudafrica con la Yamaha è la gara preferita di Uccio che si sofferma anche sul flop in Ducati: “Qualcosa è andato storto e non posso dire esattamente cosa, la moto era difficile e la scintilla non si è mai accesa“.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI MOTOGP

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tiro a segno, Tokyo 2020: tutti i pass già assegnati per le Olimpiadi 2021, nazione per nazione. 5 pass per l’Italia

Boxe, Joshua non sfiderà Pulev a giugno. Possibile maxi-sfida con Fury per l’unificazione del Mondiale dei massimi?