Show Player

Vincenzo Nibali: “Giro d’Italia più corto? Sarebbe un mezzo Giro. Olimpiadi importanti, programma da riscrivere”



Vincenzo Nibali si sta allenando in Svizzera, lo Squalo sta facendo i conti con l’emergenza coronavirus e purtroppo deve limitarsi a qualche uscita fuori casa visto che le corse sono ferme almeno fino a inizio maggio. Il siciliano aveva incominciato al meglio la stagione con delle prestazioni convincenti tra Volta ao Algarve e Parigi-Nizza, sembrava essere in ottima forma e pronto per il Giro d’Italia ma chiaramente la pandemia ha rivoluzionato i piani del nostro portacolori che non potrà dare la caccia alla maglia rosa nel mese di maggio. Oggi l’alfiere della Trek-Segafredo ha parlato in una conferenza stampa tramite Facebook e ha risposto a svariate domande.

Negli ultimi giorni si è parlato della possibilità di un Giro d’Italia più breve, magari in autunno: “Non sarebbe un Giro, ma un mezzo Giro. I tre grandi giri devono restare tutti della stessa durata. Capisco che possa essere una soluzione per salvare l’appuntamento, ma non mi piacerebbe proprio”. Il 2020 è un anno importante per lo Squalo ma ora la situazione è cambiata: “Sono rimasto senza parole quando è scoppiato il caso, avevo iniziato da poco a correre, sentivo che la condizione cresceva e stavo bene, ho finito quarto la Parigi-Nizza e se non avessi avuto il calo nella crono avrei potuto salire sul podio. La preparazione per il Giro procedeva regolarmente, per me come per tutti i miei compagni che preparavano le classiche. So che che gli organizzatori si stanno muovendo per cercare di darci delle date, ma non è facile per nessuno. So che ci saranno delle inevitabili sovrapposizioni, ma in questo momento non c’è nulla di certo“.

Loading...
Loading...

Il 35enne si è soffermato anche sulle Olimpiadi e sul suo programma: “Le Olimpiadi sono un appuntamento importante, che arriva ogni quattro anni e quindi merita un’attenzione particolare. Quanto al programma, sarà da riscrivere con Luca Guercilena e con i tecnici quando si potrà ripartire. Ci può stare un rinvio, al 2021, anzi forse sarebbe una soluzione…“. Come sempre l’età è soltanto un numero: “Perché, 35 anni sono troppi? Sicuramente non sfuggiranno, quest’anno o il prossimo le Olimpiasi si disputeranno e quindi le metterò nel mirino“.

Domani lo Squalo correrà la Milano-Sanremo virtuale: “Sì, ci sarò anch’io: ieri ho testato tutti i collegamenti, anche se non amo molto i rulli e l’home training. Capisco anch’io, naturalmente, come in questo momento sia una soluzione utilissima. La simulazione della Sanremo nasce dalla collaborazione tra Garmin e Rcs Sport, speriamo che sia un bel modo per divertirci in maniera virtuale tutti insieme“. Per quanto riguarda gli allenamenti: “Non ci sono programmazioni definite, sono in contatto con Paolo Slongo, ci sentiamo e ci confrontiamo ma non possiamo fare più di tanto. Esco in bici, qui in Ticino possiamo farlo, ma preferisco la mountain bike, facendo un paio d’ore molto intense e andando naturalmente a passo d’uomo in discesa per evitare cadute. In questo momento gli allenamenti sono blandi per me come per tutti i miei amici e colleghi delle due ruote. Tutti ci facciamo la stessa domanda, a tutti noi sembra di allenarci senza senso, ma è il nostro mestiere”.

Il messaggio finale di Vincenzo Nibali: “Mi rende ottimista il fatto di vedere che tutti hanno colto l’importanza dei messaggi che ci sono arrivati da chi ci governa. Non è facile mandare un messaggio agli italiani, ma come ho detto ai miei amici, dobbiamo approfittare di questo periodo per goderci la nostra famiglia. Vivere delle giornate diverse e riscoprire tante cose che di solito trascuriamo

 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Trek

Loading...

Lascia un commento

scroll to top