Sci alpino, Alexis Pinturault cerca l’assalto alla Coppa, e va “All in” a Kranjska Gora

Aleksander Aamodt Kilde 1202 punti. Alexis Pinturault 1148. La situazione della Coppa del Mondo di sci alpino maschile 2019-2020 è tutta qui. Non ce ne voglia Henrik Kristoffersen (1041 punti) ma saranno i primi due a contendersi la Sfera di Cristallo, la prima del post-Marcel Hirscher con il suo dominio durato ben otto stagioni. Per il norvegese la notizia della cancellazione delle Finali di Cortina d’Ampezzo è stata una mazza alle già scarse speranze di vincere il titolo.

Tutto, quindi, si deciderà a Kranjska Gora. Un gigante (sabato) e uno slalom (domenica) sulla pista denominata Podkoren, assegneranno gli ultimi 200 punti dell’annata e eleggeranno il campione. Sono 54 i punti che separano il leader della classifica generale dal quasi ventinovenne nativo di Moutiers (li compirà il 20 marzo). Il francese, dopo una stagione vissuta tra alti (non troppi a dire la verità) e bassi, ha cambiato marcia proprio al momento giusto.

La doppietta di Hinterstoder ha permesso a Pinturault di tornare in piena corsa per una Coppa del Mondo che appariva sempre più lontana, con Aamodt Kilde che, invece, iniziava a commettere qualche errore, mentre la cancellazione del SuperG di Kvitfjell è stata vera manna dal cielo per il transalpino che, quindi, nelle due ultime prove della stagione non dovrà fare i salti mortali per sopravanzare il diretto concorrente.

Sappiamo perfettamente che il norvegese in gigante abbia migliorato molto le sue prestazioni, ma sarà lo slalom probabilmente a fare la differenza. Se, infatti, Aamodt Kilde fosse in grado di limitare i danni tra le porte larghe, tra i paletti non avrà voce in capitolo. Scenderà, ovviamente, ma pensare di conquistare punti sarà davvero complicato. Starà a Pinturault, quindi, non sbagliare il colpo. Con molta probabilità non dovrà nemmeno puntare ai 100 punti per alzare al cielo la Sfera di Cristallo, per cui potrà stare lontano dai rischi. Sarà davvero così, o questa stagione ci regalerà ancora sorprese? Non ci rimarrà che attendere il weekend e gustarci le due ultime gare. Di una cosa siamo sicuri: la Podkoren ci dirà chi succederà a Marcel Hirscher, per l’inizio di una nuova era del Circo Bianco.

alessandro.passanti@oasport.it

Twitter: @AlePasso

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, la Federazione invita i corridori a non allenarsi all’aperto

Sci alpino, ‘Slalom Parallelo’ Varettoni-Alfieri: “Brignone, puoi farcela! Pinturault favorito, a Kilde serve l’impresa in gigante. Non è impossibile”