Cancellazione Indian Wells 2020, le reazioni dei giocatori. Nadal: “Molto triste, state al sicuro”. Zverev: “Senza parole”



La cancellazione del torneo combined di Indian Wells, Masters 1000 per l’ATP e Premier Mandatory per la WTA, ha già iniziato a scatenare un numero non indifferente di reazioni tramite social. Uno stop, questo, che ai tennisti costerà due settimane di impegni sui campi e che, a questo punto, pone dei seri interrogativi anche sulla possibilità di giocare il secondo evento del marzo americano, a Miami.

Rafael Nadal (Spagna): “La notizia l’avete probabilmente sentita tutti. Indian Wells cancellato. Siamo qui e stiamo ancora decidendo cosa fare. Molto triste per quello che sta succedendo a causa di questa situazione nel mondo. Spero che le autorità troveranno presto soluzione. State tutti bene e al sicuro“.

Loading...
Loading...

Alexander Zverev (Germania): “Senza parole“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

No words ??

Un post condiviso da Alexander Zverev (@alexzverev123) in data:

Naomi Osaka (Giappone) su Twitter esprime semplicemente tristezza, al pari di Belinda Bencic (Svizzera).

Steve Simon (presidente WTA): “Prima di tutto, non c’è nulla di più importante della protezione della salute delle nostri giocatrici, dello staff, dei volontari e dei fan che assistono ai nostri eventi. Basandosi sull’allerta medica ricevuta l’8 marzo, è con rincrescimento che il BNP Paribas Open 2020 non sarà tenuto come previsto in questo marzo. La WTA si unisce agli affetti dal coronavirus nella regione e in tutto il mondo. Siamo dispiaciuti che i nostri fans non saranno in grado di uscire e vedere l’evento e le nostre giocatricisono anche loro dispiaciute di non poter competere nelle prossime due settimane, assieme agli sponsor che supportano l’evento. Ad ogni modo, capiamo la decisione che è stata fatta nell’interesse della salute e sicurezza pubblica, la priorità in questo momento. Ora è troppo presto per speculare su quello che accadrà nei prossimi tornei. Continueremo a monitorare attentamente la situazione. Salute e sicurezza verranno sempre per primi“.

Diego Schwartzman (Argentina) esprime un pensiero più lungo, anche in risposta al collega doppista Jamie Murray (Gran Bretagna).

Schwartzman: “Avrebbe fatto bene l’ATP Tour a comunicare un po’ meglio ai giocatori una sospensione di un torneo come questo quando siamo tutti qui… scoprirlo dai social o da Whatsapp è abbastanza triste“.

Murray: “Non è un bel segnale per il tour se Indian Wells è stato cancellato per un caso confermato nella Coachella Valley. La contea di Broward (casa del Miami Open) ha più casi confermati. Monte Carlo confina con il nord dell’Italia attualmente sotto blocco. Il Masters di Roma? Il Roland Garros? Wimbledon?!!

Schwartzman: “La situazione è perfettamente comprensibile. Il modo di informare, semmai, lascia molto a desiderare. Si dovrebbero avere più informazioni sui prossimi tornei che sono anch’essi in città e Paesi colpiti“.

Denis Shapovalov (Canada): “Sono sconvolto

Johanna Konta (Gran Bretagna) in risposta alla connazionale Heather Watson: “Veramente“.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL TENNIS

federico.rossini@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Jimmie48 Photography / Shutterstock.com

Loading...

Lascia un commento

scroll to top