Sci di fondo, Coppa del Mondo: lo Ski Tour 2020 affronta l’iconica Storlien-Meråker

Lo Ski Tour 2020 è giunto al suo giro di boa e si appresta ad affrontare la tappa più lunga del suo programma. Giovedì è infatti programmata una mass start di 38 km che attraverserà simbolicamente il confine tra Svezia e Norvegia. Le tre tappe svedesi disputate tra Åre e Östersund sono andate in archivio e, dopo un giorno di riposo, la carovana dello sci di fondo si trasferirà in Norvegia. Non lo farà tuttavia con mezzi motorizzati, bensì con i propri sci ai piedi!

Infatti giovedì sia gli uomini che le donne affronteranno una mass start di 38 km a skating che partirà da Storlien (Svezia) e terminerà a Meråker (Norvegia). Le due località non sono scelte a caso. Anzi, al contrario hanno un grande valore simbolico.
Sin dal medioevo le valli Stjørdalen e Verdal erano un’arteria fondamentale per il commercio tra la regione dello Jämtland (dove si trovano Östersund e Åre) e quella del Trøndelag (la cui città principale è Trondheim, dove lo Ski Tour terminerà nel weekend).

Nella seconda metà del XIX secolo venne poi costruita una ferrovia, la cosiddetta Meråker Line, che ebbe un notevole impatto positivo sulla crescita economica dell’area. In particolare il paese di Storlien fu uno di quelli che beneficiarono maggiormente della strada ferrata, poiché divenne la stazione di confine tra Svezia e Norvegia (all’epoca temporaneamente unite sotto un’unica bandiera, ma di fatto culturalmente separate).
Ancora oggi Storlien è un crocevia fondamentale per chi passa dalla Meråker Line, poiché è dove i viaggiatori devono cambiare treno in quanto la parte norvegese della ferrovia tuttora non è elettrificata.

Dunque la Storlien-Meråker di sci di fondo è stata concepita proprio in onore degli antichi sentieri tra i boschi che attraversavano il confine e collegavano la regione dello Jämtland, in Svezia, e quella del Trøndelag, in Norvegia.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI SCI DI FONDO

paone_francesco[at]yahoo.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tiro a segno, Europei 2020: le carte olimpiche ancora a disposizione. Il regolamento e i pass gara per gara

Volta ao Algarve 2020, Elia Viviani: “Fisicamente ora sto bene, sono qui per vincere”