Pattinaggio artistico, Rika Kihira domina nel singolo femminile alla Challenge Cup 2020. Terzi Ghilardi-Ambrosini

Rika Kihira ha vinto con ampio margine la Challenge Cup 2020, competizione internazionale di pattinaggio artistico andata in scena questa settimana presso il centro sportivo De Uithof de L’Aia, in Olanda. La nipponica ha stracciato la concorrenza delle avversarie sfoggiando una prestazione di altissimo livello, priva di sbavature degne di nota.


Nello specifico l’atleta allenata da Mie Hamada ha fatto il vuoto sia sul fronte tecnico che in quello delle componenti del programma realizzando due tripli axel, uno singolo e l’altro in combinazione con il doppio toeloop, oltre che due tripli lutz, il primo eseguito singolarmente e il secondo combinato con il doppio toeloop e il doppio rittberger. Ruotando inoltre il triplo salchow, il triplo rittberger e la combinazione triplo flip/triplo toeloop la vincitrice dell’ultima edizione dei Four Continents ha ottenuto nel segmento un punteggio di 156.38 (85.10, 71.28) per un totale di 230.65. Al posto d’onore si è posizionata con 141.27 (75.03, 66.24) per 214.56 la connazionale Yuhana Yokoi, già seconda dopo lo short, anche lei autrice di una prova pulita macchiata esclusivamente da una chiamata di salto sottoruotato nel triplo lutz agganciato al doppio rittberger. A distanza siderale si è piazzata infine in rimonta la canadese Madeline Schizas, quinta dopo il segmento più breve e terza nella classifica finale con il punteggio di 115.24 (59.74, 55.52) per 175.56.

Buona terza posizione nelle coppie d’artistico per gli azzurri Rebecca Ghilardi-Filippo Ambrosini che, malgrado alcune imprecisioni, in particolare nel triplo lutz lanciato e nel doppio axel in combinazione eseguito con caduta, hanno difeso la terza piazza ottenuta nel programma corto realizzando tre buoni sollevamenti, valutati con un GOE positivo, e un buon triplo rittberger lanciato, ricevendo una valutazione di 102.48 (49.80, 53.68) per 162.97 piazzandosi alle spalle degli austriaci Miriam Ziegler-Severin Kiefer, mattatori assoluti della gara con 119.73 (59.41, 60.32) per 186.80, e degli statunitensi Audrey Lu-Mischa Mitrofanov, secondi con 110.54 (54.66, 56.88) per 173.48. Bene la seconda coppia azzurra in gara, formata da Vivienne Contarino-Marco Pauletti, settimi classificati con 93.45 (45.81, 48.64) per 144.09.

CLASSIFICA FINALE INDIVIDUALE FEMMINILE

FPl. Name Club Nation Points SP FS
1 Rika KIHIRA JPN 230.65 1 1
2 Yuhana YOKOI JPN 214.56 2 2
3 Madeline SCHIZAS CAN 175.56 6 3
4 Natasha McKAY GBR 169.02 5 4
5 Sierra VENETTA USA 160.96 3 9
6 Julia LANG HUN 159.66 12 5
7 Niki WORIES NED 156.20 11 6
8 Jenni SAARINEN FIN 154.85 4 13
9 Yasmine Kimiko YAMADA SUI 152.73 9 8
10 Ivett TOTH HUN 152.37 10 7
11 Emily BAUSBACK CAN 151.89 7 14
12 Kristina ISAEV GER 151.41 8 11
13 Josefin TALJEGARD SWE 150.12 13 10
14 Gerli LIINAMÄE EST 142.73 16 12
15 Dasa GRM SLO 139.76 17 15
16 Elzbieta KROPA LIT 134.80 14 20
17 Lenne VAN GORP NED 134.32 20 17
18 Sophia SCHALLER AUT 130.80 21 16
19 Angelina KUCHVALSKA LAT 130.51 19 18
20 Antonia DUBININA SRB 128.90 15 21
21 Kyarha VAN TIEL NED 121.87 22 19
22 Alina IUSHCHENKOVA ISR 121.16 18 22

CLASSIFICA FINALE COPPIE D’ARTISTICO

FPl. Name Club Nation Points SP FS
1 Miriam ZIEGLER / Severin KIEFER AUT 186.80 1 1
2 Audrey LU / Mischa MITROFANOV USA 173.48 2 2
3 Rebecca GHILARDI / Filippo AMBROSINI ITA 162.97 3 5
4 Louila CHTCHETININA / Márk MAGYAR HUN 162.60 4 3
5 Anna VERNIKOV / Evgeni KRASNAPOLSKY ISR 153.36 7 4
6 Coline KERIVEN / Noel Antoine PIERRE FRA 146.41 9 6
7 Vivienne CONTARINO / Marco PAULETTI ITA 144.09 6 7
8 Lana PATRANOVIC / Antonio SOUZA KORDEIRU CRO 141.93 8 8
9 Laura BARQUERO / Ton CONSUL ESP 139.37 10 9
10 Daria DANILOVA / Michel TSIBA NED 137.73 5 10
11 Isabella GAMEZ / Alexandre PARADIS PHI 128.12 11 11
12 Alexandra HERBRIKOVÁ / Nicolas ROULET
Coline KERIVEN / Noel Antoine PIERRE / Coline KERIVEN / Noel Antoine PIERRE
SUI 118.99 12 12
13 Olivia BOYS-EDDY / Livio MAYER AUT 113.11 13 13
WD Sara CONTI / Niccolo MACII ITA

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

ATP Rio de Janeiro 2020: continua il sogno di Gianluca Mager! Battuto in tre set Attila Balazs, stasera la finale!

Volley femminile, Serie A1: cinque partite rinviate per coronavirus! Si gioca solo Scandicci-Filottrano 3-1