Calcio a 5, Italia fuori dai Mondiali. Ma il ct Musti è sereno: “Perse solo 2 partite su 14. Ora un ricambio generazionale verso il 2022”

L’Italia è fuori dai Mondiali 2020 di calcio a 5: fatale la sconfitta odierna subita dagli azzurri per mano del Portogallo, che si è imposto per 4-1. A fine gara ha parlato il commissario tecnico della Nazionale italiana, Alessio Musti, che ha analizzato tutto il percorso degli azzurri in queste qualificazioni.

Così al sito federale il CT Alessio Musti: “Dispiace, perché comunque abbiamo avuto un buon percorso fin qui. Il girone si è complicato con il doppio exploit della Finlandia, con noi e col Portogallo. Ci siamo ritrovati alle strette e comunque sapevamo che i lusitani fossero più forti di noi. Non abbiamo retto l’urto emotivo della partita. Della gara di oggi c’è poco da dire, nel cammino invece ci mancano i punti con la Finlandia”.

Il tecnico guarda il bicchiere mezzo pieno: “Si è chiuso qui un anno di lavoro, abbiamo iniziato un percorso ed è complicato rigenerare e ricreare in soli 365 giorni. Volevamo portare al Mondiale questo gruppo, per poi cambiare strada, ma evidentemente, se ci sarà la possibilità di farlo, anticiperemo queste scelte. In un anno abbiamo fatto 14 partite e due sole sconfitte. Sono sereno”.

Ora è inevitabile un ricambio generazionale in seno alla squadra: “Dovremo sederci a mente lucida e fare quello che servirà: un ricambio generazionale, puntando a Euro ’22 con un gruppo diverso, riformandolo. Ciò che di fatto era già successo nel 2000, l’ultima volta che non ci qualificammo al Mondiale”.

Questa la chiusura del CT: “Mi dispiace per i ragazzi, alcuni non volevano chiudere il ciclo così, volevano farlo con l’ultimo Mondiale della loro carriera, se lo meritavano. Ci hanno provato in tutti modi e non posso che ringraziarli per l’intensità e la passione con cui hanno lavorato. In questo momento, dati anagrafici alla mano, sarà complicato continuare. A tutto il gruppo va la mia solidarietà, insieme abbiamo cominciato, insieme abbiamo chiuso oggi, non è giusto prendere le distanze da loro in questo momento”.

roberto.santangelo@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Comunicato stampa Divisione Calcio a 5

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
1 Comment
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
ghost
ghost
1 anno fa

un altro (s)Ventura!
principale responsabile di un disastro epocale e nemmeno se ne rende conto.
con uno così in panca, il futuro è garantito!

Ciclismo, Matteo Moschetti si impone in volata nel Trofeo Playa de Palma – Palma 2020

Speed skating, Four Continents 2020: concluse le gare a Milwaukee