Seguici su

Biathlon

Biathlon, Mondiali Anterselva 2020: Dominik Windisch e Lukas Hofer rinnoveranno la gloriosa tradizione azzurra nella sprint maschile?

Pubblicato

il

Il 15 febbraio 2020 si assegna il XXXVI titolo mondiale maschile della sprint. La gara, ideata negli anni ’70, rappresenta il primo format individuale alternativo rispetto all’originale venti chilometri, cui si è affiancata nel programma iridato a partire dal 1974. Questa competizione è estremamente cara all’Italia del biathlon, poiché è quella in cui è arrivato il maggior numero di medaglie. Dunque massima attenzione su Lukas Hofer e Dominik Windisch.

Sino a oggi sono ventidue i biathleti capaci di laurearsi campioni del mondo della sprint. Fra di essi il più vincente in assoluto è il norvegese Ole Einar Bjørndalen, unico uomo in grado di conquistare 4 ori iridati (2003, 2005, 2007, 2009). Lo scandinavo non detiene però il primato di successi consecutivi, che appartiene ai tedeschi Frank Ullrich (1979, 1981, 1982) e Mark Kirchner (1990, 1991, 1993), entrambi capaci di firmare una serie di 3 vittorie.

CLICCA QUI PER LA DIRETTA LIVE DELLA SPRINT MASCHILE DEI MONDIALI DI BIATHLON DALLE 14.45 (SABATO 15 FEBBRAIO)

Sono quattro i campioni del mondo della sprint tutt’ora in attività. Si tratta del francese Martin Fourcade (2012, 2016), del norvegese Johannes Thingnes (2015, 2019), dei tedeschi Arnd Peiffer (2011) e Benedikt Doll (2017).

Invece si contano undici uomini in azione ad aver già conquistato una medaglia mondiale in questo format. La graduatoria è capitanata da Martin Fourcade.
5 – FOURCADE Martin [FRA] (Oro 2012, 2016; Argento 2011, 2013; Bronzo 2017)
3 – BØ Johannes [NOR] (Oro 2015, 2019; Argento 2017)
2 – BØ Tarjei [NOR] (Bronzo 2011, 2015)
1 – PEIFFER Arnd [GER] (Oro 2011)
1 – DOLL Benedikt [GER] (Oro 2017)
1 – SLESINGR Michal [CZE] (Argento 2007)
1 – SMITH Nathan [CAN] (Argento 2015)
1 – LOGINOV Alexander [RUS] (Argento 2019)
1 – FAK Jakov [SLO] (Bronzo 2013)
1 – SEMENOV Sergey [UKR] (Bronzo 2016)
1 – FILLON MAILLET Quentin [FRA] (Bronzo 2019)

Volgendo lo sguardo ai movimenti nazionali, quello più blasonato è quello tedesco, con 12 affermazioni (7 marchiate DDR e 5 dopo la riunificazione). Segue la Norvegia a quota 10. Hanno vinto 4 volte la defunta Unione Sovietica e la Francia, mentre la Russia si è imposta in 3 occasioni. Abbiamo infine 1 successo per Finlandia e Italia.

Sotto quindici i Paesi ad aver raccolto almeno una medaglia iridata nella sprint. Questo il medagliere complessivo.
28 (10-10-8) – NORVEGIA
26 (12-9-5) – GERMANIA (All-inclusive)
12 (4-3-5) – URSS
8 (4-2-3) – FRANCIA
8 (3-4-1) – RUSSIA
8 (1-3-4) – ITALIA
2 (1-1-0) – FINLANDIA
2 (0-1-1) – AUSTRIA
2 (0-1-1) – REP.CECA
2 (0-0-2) – SVEZIA
2 (0-0-2) – UCRAINA
1 (0-1-0) – CANADA
1 (0-0-1) – BIELORUSSIA
1 (0-0-1) – LETTONIA
1 (0-0-1) – SLOVENIA

Come si può notare l’Italia si è tolta parecchie soddisfazioni in questo format. A conti fatti solo le quattro storiche superpotenze della disciplina vantano un palmares più ricco di quello azzurro, che nel corso degli anni è stato costruito come segue.
Il 31 gennaio 1979 a Ruhpolding Luigi Weiss fu bronzo alle spalle del tedesco dell’Est Frank Ullrich e del norvegese Odd Lirhus.
Il 16 febbraio 1985, sempre a Ruhpolding, Johann Passler fu a sua volta bronzo dietro al tedesco dell’Est Frank-Peter Roetsch e al norvegese Eirik Kvalfoss.
Il 9 febbraio 1996, ancora una volta a Ruhpolding, René Cattarinussi ottenne il bronzo, venendo preceduto dai russi Vladimir Dratchev (oro) e Viktor Maigourov (argento).
Il 1 febbraio 1997 a Brezno Osrblie il biathlon italiano toccò una delle sue vette storiche. Wilfried Pallhuber vinse la medaglia d’oro, precedendo Cattarinussi, argento. Inoltre il bielorusso Oleg Ryzhenkov impedì una clamorosa tripletta, poiché nella stessa gara Patrick Favre chiuse quarto.
Il valdostano si rifece un paio di anni dopo. Infatti il 12 febbraio 1999 a Kontiolahti Favre fu d’argento inserendosi fra il tedesco Frank Luck e il norvegese Frode Andresen.
Il 19 febbraio 2000 a Oslo Cattarinussi tornò sul podio, arpionando il bronzo alle spalle di Frode Andresen e del russo Pavel Rostovtsev.
Infine lo stesso Cattarinussi ottenne la sua quarta medaglia iridata nella sprint il 3 febbraio 2001 a Pokljuka, quando si fregiò dell’argento, superato da Rostovtsev e precedendo il norvegese Halvard Hanevold.

STAGIONE 2019-2020
Nella stagione in corso si sono disputate 5 sprint in cui si sono imposti tre atleti diversi e sono complessivamente saliti sul podio dieci differenti uomini.

Hanno conquistato 2 successi Johannes (Östersund, Hochfilzen) e Martin Fourcade (Oberhof, Ruhpolding). Inoltre 1 vittoria è stata firmata da Benedikt Doll (Le Grand Bornand).

Curiosamente, nessun atleta ha ancora raccolto più di 2 podi. Coloro che hanno bissato un piazzamento nella top-three sono Johannes (2-0-0), Martin Fourcade (2-0-0), Benedikt Doll (1-0-1), Tarjei (0-2-0) e Quentin Fillon Maillet (0-1-1).
Simon Desthieux ed Emilien Jacquelin hanno ottenuto un secondo posto; mentre Matvey Eliseev, Alexander Loginov e Johannes Kühn si sono attestati una volta in terza piazza.
A onor del vero, va rimarcato come Johannes Bø abbia preso parte a sole tre delle cinque sprint andate in scena.

Alla luce di quanto esposto, sinora sul podio delle sprint hanno sventolato le bandiere di sole quattro diverse nazioni. La graduatoria è comandata dalla Francia con 6 (2-3-1). Segue la Norvegia a 4 (2-2-0). Vengono poi la Germania a 3 (1-0-2) e la Russia a 2 (0-0-2).

Per quanto riguarda l’Italia, il miglior risultato è un quinto posto ottenuto da Lukas Hofer in quel di Hochfilzen.
Questi i piazzamenti di tutti gli azzurri impegnati finora durante l’inverno nelle gare sprint:
HOFER Lukas: 15 – 5 – 9 – 71 – 75
WINDISCH Dominik: 49 – 7 – 7 – 70 – 25
BORMOLINI Thomas: 13 – 79 – 60 – 63 – 32
MONTELLO Giuseppe: 71 – X – X – X – X
CAPPELLARI Daniele: 103 – 82 – X – X – 109
ZINI Saverio: X – X – X – 85 – X
CHENAL Thierry: X – X – X – 94 – X
La “X” indica assenza.
L’ordine delle competizioni è Östersund, Hochfilzen, Le Grand Bornand, Oberhof, Ruhpolding.

[sc name=”banner-article”]

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI BIATHLON

paone_francesco[at]yahoo.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *