Show Player

Sci alpino, Alex Vinatzer a mezzo secondo dal podio nella prima manche a Madonna di Campiglio 2020! Yule davanti a Kristoffersen



Daniel Yule va a caccia del bis. Lo svizzero è al comando della classifica dopo la prima manche dello slalom di Madonna di Campiglio, prova valida per la Coppa del Mondo 2020 di sci alpino. L’elvetico ha confermato il suo ottimo feeling con la pista italiana, dove ha vinto la sua unica gara della carriera nel massimo circuito. Yule ha fatto la differenza in particolare sul ghiacciatissimo muro finale, chiudendo con la sua prova con il miglior tempo (47”56).

Seconda posizione per il norvegese Henrik Kristoffersen, staccato di 19 centesimi dallo svizzero complice qualche sbavatura proprio negli ultimi tratti di gara. Una buona gara comunque per lo slalomista scandinavo, che deve riscattare la deludente prestazione di Zagabria, dove ha chiuso solamente al diciannovesimo posto.

Loading...
Loading...

In cinque decimi ci sono comunque sei atleti. Sul podio virtuale, infatti, al terzo posto c’è lo svedese Andre Myhrer (+0.40), che precede un ritrovato Alexander Khoroshilov (+0.42). Il russo è stato bravissimo ad inserirsi nelle posizioni che contano con il pettorale 26, precedendo il norvegese Sebastian Foss-Solevaag (+0.53) e lo svizzero Ramon Zenhaeusern (+0.54). Settimo posto per l’austriaco Marco Schwarz, staccato di 76 centesimi, ma unico a guadagnare nel finale su Yule.

Francia un po’ deludente, rispetto alla aspettative della vigilia, in questa prima manche. Clement Noel, vincitore di Zagabria, è ottavo ad 80 centesimi, mentre è decimo il connazionale Alexis Pinturault, staccato di 91 centesimi e apparso un po’ imballato proprio come nella gara croata. In mezzo ai due transalpini lo svizzero Tanguy Nef, nono con il pettorale 34 a 87 centesimi.

Alex Vinatzer chiude appena fuori dalla top-10 e si trova a mezzo secondo dal podio (+0.95). Una buona gara quella del giovane altoatesino, che ha sciato alla pari con Yule nella parte alta, perdendo poi nel tratto finale. Il 20enne è stato il migliore degli azzurri e proverà a ripetersi dopo il terzo posto di Zagabria.

Gara abbastanza in fotocopia per Manfred Moelgg e Giuliano Razzoli, staccati rispettivamente di 1.23 e 1.29 dal leader della classifica. Simon Maurberger perde molto sul muro (quasi otto decimi) e chiude con un ritardo di 1.45. Molti errori, invece, per Stefano Gross, che paga 1.54 da Yule e subito dietro di lui c’è Riccardo Tonetti (+1.61). Ancora più lontano Tommaso Sala (+1.77).

 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI SCI ALPINO

andrea.ziglio@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Fisi/Pentaphoto

Loading...

Lascia un commento

scroll to top