Rugby, la Benetton Treviso cede alla distanza con Leinster nell’ultima di Champions Cup

Lotta alla pari per un tempo, meriterebbe un vantaggio che – però – non arriva per la Benetton Treviso contro il Leinster nella sesta giornata di Champions Cup che gli ospiti vincono per 0-18. Così i veneti non sfruttano il miglior momento del match e quando gli irlandesi alzano il livello per Barbini e compagni le cose si complicano e i dubliners possono scappare via.

Parte subito molto bene la Benetton Treviso, che fin da subito spinge e con un paio di falli degli irlandesi si trova sui cinque metri e la solita maul fa guadagnare metri, ma un errore di Keatley e nulla di fatto. Insistono i padroni di casa, ma ancora un errore ferma la spinta Benetton. Quando però Leinster è palla in mano gli viene strappata da Marco Barbini che obbliga al tenuto e ancora Treviso a spingere. Dubliners fallosi, ancora una touche, maul, poi Tebaldi cerca di sorprendere Leinster, ma viene fermato a un metro dalla meta. Ancora fallo degli ospiti, ancora rimessa laterale, ancora un fallo (6 in meno di un quarto di match) e cartellino giallo per Caelan Doris. Ma Treviso non trova la meta e il primo quarto dominato da Benetton si chiude senza marcature.

Pericoloso Leinster palla in mano, con i dubliners che trovano qualche buco di troppo, ma Treviso recupera ogni volta e si continua a restare fermi nel punteggio. Crescono, però, gli ospiti, ma l’indisciplina costa cara ai ragazzi di Cullen. Si è, però, spostato nella metà campo biancoverde il baricentro del match e al 34′ un fallo di Treviso manda Ross Byrne sulla piazzola per i primi punti del match. Si chiude, così, sullo 0-3 un primo tempo in cui Treviso gioca bene, ma non concretizza, mentre il Leinster esce soprattutto negli ultimi dieci minuti.

Inizia nel peggiore dei modi, però, la ripresa, con Irne Herbst ammonito dopo un minuto di gioco e Leinster che subito spinge in attacco. Ma Treviso difende benissimo, Tito Tebaldi è aggressivo e Leinster che è costretto all’errore. Al 50′ infortunio per Hayward dopo un contatto con un avversario, con gli animi che iniziano a scaldarsi. Soffre in mischia la squadra di Crowley, che ha ancora fuori Herbst per il giallo, e dubliners che ottengono un fallo a loro favore. E Byrne mette altri tre punti sul tabellone. Prova ad alzare il ritmo la Benetton, ma un pallone rubato mette in difficoltà Monty Ioane e i dubliners conquistano una mischia sui cinque metri. E arriva la prima meta del match, ma marca Caelan Doris, concretizzando un miglior gioco in questa ripresa.

Ora il Leinster ha la partita in mano e al 66′ chiude la pratica con touche, maul e James Tracy che schiaccia per lo 0-18. Prova a cambiare ritmo la Benetton e a riaprire il match, ma la difesa dei dubliners è asfissiante e per Sgarbi e compagni diventa impossibile costruire qualcosa in attacco. Insistono i padroni di casa, ma non sfondano in un match in cui lo zero sul tabellino è ingiusto per una squadra che ha giocato bene, ma non ha saputo concretizzare le occasioni avute.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI RUGBY

ducciofumero@gmail.com

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Ettore Griffoni – LPS

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Benetton Treviso Champions cup rugby 2019-2020 Leinster

ultimo aggiornamento: 18-01-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Combinata nordica: doppio oro austriaco con Hirner e Rettenegger alle Olimpiadi Invernali Giovanili Losanna 2020

Pallanuoto, Sandro Campagna: “Occhio al Montenegro nei quarti. Puntiamo alle Olimpiadi”