Basket: Virtus Bologna crolla in EuroCup. Il Partizan Belgrado domina e vince la prima partita delle Top 16

Si aprono con una pesantissima sconfitta la Top 16 di EuroCup della Virtus Bologna. La formazione di Sasha Djordjevic esce travolta dalla Stark Arena di Belgrado, in cui il Partizan domina fin dal secondo quarto e porta a casa la vittoria per 99-81. Il miglior realizzatore è Torrian Walden con 23 punti, ma la parte più consistente del lavoro la fa Nemanja Gordic, che chiude a quota 22. In doppia cifra anche Marcus Paige (19) e Novica Velickovic (10). Per le V nere 21 punti di Frank Gaines e 14 a testa di Milos Teodosic e Julian Gamble. Il prossimo appuntamento avrà già un’enorme importanza, contro il Darussafaka al PalaDozza.

L’inizio di partita è particolarmente combattuto, con Velickovic a far soffrire spesso e volentieri Ricci da una parte e Gamble a depositare a canestro i palloni che gli regalano ora Markovic, ora Teodosic. Proprio il numero 44 delle V nere trova il secondo vantaggio della partita degli ospiti sul 12-14, ma lì Redding, Jaramaz e Walden spediscono il Partizan sul 20-14 costringendo Djordjevic al time out. Nonostante il 5/8 da tre dei padroni di casa nel primo quarto, la mira di Gaines e la valida regia di Pajola lasciano Bologna con un margine di svantaggio ridotto dopo dieci minuti: 26-23.

Il problema, però, nasce poco dopo: le due triple di Paige e la difficoltà degli ospiti nel fermare le idee di Gordic si trasformano nell’inizio di un momento in cui il Partizan semina devastazione. La Virtus è in grandissima difficoltà nel segnare dal campo e i padroni di casa, spinti da sedicimila voci e dal doppio delle mani, arrivano prima sul +12 (35-23) e poi volano ancor più in su con le triple di Velickovic e Gordic. Jaramaz firma anche il +22 e le V nere non riescono sostanzialmente a ridurre il distacco. A metà gara il tabellone della Stark Arena dice 62-42.

Il terzo quarto vede una reazione virtussina, nel nome soprattutto di Teodosic, che trova un assist dei suoi e la tripla del 62-51. Dopo 3 minuti, però, il Partizan ricomincia a martellare e stavolta è Zagorac il protagonista, con Redding che riporta i suoi oltre i 20 punti di vantaggio (74-53). Gordic seguita a divertirsi, colpendo in ogni maniera possibile la difesa ospite, e finendo con il buzzer beater dai sei metri che vale l’84-63 alla penultima sirena.

L’ultimo periodo inizia come il precedente, ma con un protagonista diverso: Pajola, che prova a dare la scossa con cinque punti consecutivi. Weems firma l’84-70, ma Paige e Walden non concedono spazio, rispedendo indietro le V nere fino al -25 (97-72). Gli ultimi minuti proseguono nel canto dell’arena di Belgrado fino al punteggio finale, che è di 99-81.

PARTIZAN BELGRADO-SEGAFREDO VIRTUS BOLOGNA 99-81 (26-23, 62-42, 84-63)

PARTIZAN – Walden 23, Zagorac 7, Paige 19, Gordic 22, Jaramaz 5, Velickovic 10, Bircevic 1, Redding 7, Jankovic 2, Thomas, Trifunovic ne, Mosley 3. All. Trinchieri

VIRTUS – Gaines 21, Pajola 5, Baldi Rossi 3, Markovic 1, Ricci 5, Delia 2, Cournooh ne, Hunter 7, Weems 9, Nikolic ne, Teodosic 14, Gamble 14. All. Djordjevic

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL BASKET

federico.rossini@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credit: Ciamillo

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Slalom Madonna di Campiglio, Vinatzer: “Ho sbagliato troppo nella parte centrale”. Moelgg: “Seconda manche migliore”

Sci alpino, pagelle Madonna di Campiglio 2020: Daniel Yule concede il bis, Kristoffersen risorge, Noel ci prova, italiani opachi