MotoGP, tutti i numeri di Valentino Rossi nel 2019. Due soli podi e settimo posto finale in classifica generale

Il 2019 è stato senz’ombra di dubbio un anno da dimenticare per Valentino Rossi, costretto ad annaspare a lungo nelle posizioni di rincalzo alla 24esima stagione disputata nel Motomondiale, la prima da quarantenne. Il leggendario nove volte campione del mondo ha illuso tutti (incluso se stesso) con una primissima parte di campionato da grande protagonista in cui ha chiuso quinto in Qatar (a 6 decimi dal vincitore) e due volte secondo in Argentina e Texas sfiorando in quest’ultima occasione addirittura la vittoria, ma a partire dal weekend successivo a Jerez lo scenario è cambiato notevolmente.

Da quel momento in avanti il centauro di Tavullia non è più stato in grado di salire sul podio, collezionando la bellezza di quattro quarti posti (Austria, Gran Bretagna, San Marino e Malesia) ed un solo altro piazzamento nella top5 (quinto a Le Mans). Oltre ai quattro ritiri inanellati in Italia, Catalogna, Olanda e Giappone, il peggior risultato di Rossi è stato l’ottavo posto raccolto però in cinque diverse località. Un quadro della situazione non confortante che alla fine trova riscontro nella settima piazza finale (a -2 da Petrucci 6°) nel Mondiale MotoGP 2019 con uno score di 174 punti, il più basso della sua carriera in Yamaha.

Non è andata molto meglio se ci limitiamo ad analizzare i numeri collezionati in qualifica, con il n.46 che è stato capace di partire dalla prima fila ed in particolare dalla seconda posizione ad Austin e a Silverstone, per poi ottenere 6 piazzamenti in seconda fila in griglia. Il Dottore però spesso ha fatto molta fatica fin dalle prove libere, dovendo così affrontare il Q1 e fallendo per ben quattro volte l’accesso al Q2 compromettendo di fatto l’intero weekend. Anche se non porta punti in classifica, va comunque registrato come exploit il giro veloce (record della pista in 1’59″661) in gara fatto segnare a Sepang da Rossi dopo un digiuno lungo tre anni e mezzo su questo fronte.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Mondiale MotoGP 2019 Motomondiale 2019 Valentino Rossi

ultimo aggiornamento: 27-12-2019


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Volley femminile, Serie A1: licenziamenti in massa a Caserta. Addio di staff e alcune giocatrici

Zlatan Ibrahimovic torna al Milan: l’ingaggio è ufficiale, lo svedese in campo all’Epifania