Pallone d’Oro 2019, Leo Messi premiato senza vincere in Europa e con la Nazionale? Sorpasso in vista su Cristiano Ronaldo

Lionel Messi ha vinto il Pallone d’Oro 2019. Questa è stata l’apertura di ieri del Mundo Depurtivo, il quotidiano sportivo spagnolo ha lanciato questa indiscrezione in prima pagina e ha anticipato di una settimana la cerimonia ufficiale di consegna del prestigioso premio insignito da France Football per il miglior calciatore della stagione. Il nome ufficiale del trionfatore verrà svelato soltanto lunedì 2 dicembre ma a quanto pare sarà ancora la Pulce a festeggiare a meno che il Mundo Deportivo non abbia preso un grossissimo granchio e le sue fonti abbiano commesso un grave errore.

Nel frattempo si è aperta la consueta discussione riguardo all’assegnazione del riconoscimento: lo meritava davvero Leo Messi? Gli appassionati di calcio si sono divisi: l’argentino quest’anno si è fermato in semifinale di Champions League col suo Barcellona (eliminato in maniera rocambolesca dal Liverpool) e in semifinale di Coppa America con l’Argentina (ennesimo naufragio in Nazionale per il fuoriclasse, eliminato con i compagni dal Brasile poi trionfatore), ha festeggiato l’ottava Liga in undici anni e ha portato a casa la sesta Scarpa d’Oro a suon di gol ma forse è poco per meritarsi il premio. Questo sarebbe il sesto Pallone d’Oro per il 32enne che scavalcherebbe così Cristiano Ronaldo fermo a quota cinque, sarebbe forse un riconoscimento alla sua classe indiscussa e alla sua carriera più che a un 2019 un po’ sottotono e poco vincente per i suoi standard.

A recriminare possono essere il brasiliano Alisson (ha vinto la Champions League col Liverpool e la Copa America col Brasile, si confermerebbe la tradizione dei portieri poco considerati) e l’olandese Virgil Van Dijk che ha giganteggiato nella difesa dei Reds. E Cristiano Ronaldo? Per lui la Serie A con la Juventus e la Nations League col Portogallo, è stato meno straripante degli anni passati ma in linea con i risultati di Messi (anzi, ha vinto in Nazionale…). Lunedì prossimo avremo una conferma o una smentita.

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

MotoGP, Valentino Rossi: “La Yamaha è buona, va migliorata. Prendere 10 km/h sul rettilineo è un problema”

Champions League, le possibili avversarie della Juventus agli ottavi di finale. Verso il sorteggio: chi evitare e chi sognare