Pattinaggio artistico, ISU Junior Grand Prix Egna-Neumarkt 2019: Daniel Grassl a caccia della Finale tra le mura amiche, banco di prova importante per le azzurre

Il circuito di qualificazione ISU Junior Grand Prix 2019-2020 di pattinaggio artistico si avvia alla conclusione. Questa settimana, all’interno della Wurth Arena situata ad Egna-Neumarkt (Bolzano), andrà infatti in scena il settimo e ultimo appuntamento della serie che culminerà con la Finale del PalaVela di Torino in programma dal 5 all’8 dicembre di quest’anno.

Tanti i giovani pattinatori in lizza per conquistare il pass per il capoluogo piemontese. Uno su tutti Daniel Grassl, reduce dalla buona terza posizione guadagnata nella difficile gara di Danzica (Polonia) dove ha raccolto l’alto punteggio totale di 228.64. L’atleta di casa allenato da Lorenzo Magri dovrà cercare di vincere la tappa scontrandosi principalmente con i russi Petr Gumennik –  il quale ha conquistato tra le mura amiche la prima posizione tentando di atterrare il quadruplo lutz – e Ilya Yablokov, terzo sempre nella tappa russa. Ma attenzione, potrebbero dare fastidio anche atleti ormai fuori dai giochi che non hanno brillato nella prima uscita come il francese Adam Siao Him Fa (ottavo in Croazia) e gli statunitensi Ilia Malninin e Matthew Nielsen, rispettivamente quarto a Lake Placid e sesto in Francia a Courchevel.

In campo femminile la russa Ksenia Sinitsina, già seconda a Chelyabinsk (Russia) alle spalle della fortissima Kamila Valieva con un risultato sopra i 200 punti,  salvo sorprese avrà la strada spianata verso la Finale. Discorso più complesso per la compagna di squadra Anna Frolova che, in virtù dei piazzamenti delle rivali, dovrà per forza ottenere una complicata prima posizione per sperare nella qualificazione. Alla sudcoreana Yeonjeong Park basterà invece replicare il secondo posto ottenuto negli Stati Uniti per prenotare il biglietto per Torino. Non sarà invece della partita la nipponica Rino Matsuike, cancellata dall’elenco ufficiale dei partecipanti all’ultimo momento.

Nella danza sul ghiaccio sarà certamente tutto facile per i russi Elizaveta Khudaiberdieva-Andrey Filatov, i quali completeranno agilmente la pratica iniziata con la vittoria a Riga battendosi con coppie sulla carta inferiori tra cui spiccano i canadesi Natalie D’Alessandro-Bruce Waddell, i francesi Marie Dupayage-Thomas Nabais (quarti e settimi in Lettonia) e, soprattutto, i nostri azzurri Francesca Righi-Aleksei Dubrovin che, forti dei loro 141 punti ottenuti la scorsa settimana scorsa in Croazia, potrebbero avere serie possibilità di conquistare per la prima volta in carriera una posizione sul podio in una tappa Grand Prix.

Rimanendo in clima azzurro sono pronte a dare il massimo le tre pattinatrici che più si sono distinte in questa serie, ovvero (in ordine di risultato) Lara Naki Gutmann, sesta in Francia con 164.23, Alessia Tornaghi, nona a Zagabria con 148.86, e Lucrezia Gennaro, nona a Lake Placid con 140.42. Per le nostre ragazze questa tappa sarà di fondamentale importanza non solo per confermare quanto già di buono fatto fino a questo momento, ma anche per spingere l’acceleratore e alzare ancora di più il livello delle prestazioni cercando un piazzamento tra le prime dieci posizioni, ampiamente alla portata per tutte e tre. Tra i maschi tornerà inoltre Nikolaj Memola, deciso a ritoccare i propri punteggi personali, oltre che fare il suo debutto assoluto Raffaele Francesco Zich. Tra i danzatori invece disputeranno la seconda gara dopo l’undicesimo posto statunitense Sara Campanini-Francesco Riva e gli esordienti Nicole Calderari / Marco Cilli.

Le competizioni cominceranno giovedì 3 ottobre a partire dalle ore 15:15 con la rhythm dance, per poi proseguire con lo short program individuale maschile (18:15). Venerdì 4 saranno le atlete del singolo femminile a dare inizio alle ostilità (14:30), per lasciare spazio poi alla danza libera (19:20). La  fase di qualificazione si concluderà ufficialmente quindi sabato 5 prima con il libero maschile (12:30) e poi con quello femminile (16:45). Sarà possibile seguire interamente l’evento sul canale YouTube “ISU Junior Grand Prix” con il commento in inglese di Ted Barton.

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: ISU Junior Grand Prix (Egna-Neumarkt Event)

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Andrea Dovizioso MotoGP, GP Thailandia 2019: “Avevo bisogno del podio di Aragon, guardo alle ultime cinque gare con fiducia”

Superbike: ufficiale il passaggio di Toprak Razgatlioglu in Yamaha Pata nel 2020 al fianco di Van der Mark