Pattinaggio artistico, Finlandia Trophy 2019: Alena Kostornaia trionfa atterrando due tripli axel, seconda Tuktamysheva

Il momento è finalmente arrivato. Alena Kostornaia ha vinto con merito il Finlandia Trophy 2019, competizione internazionale di pattinaggio di figura andata in scena questa settimana nella Metro Aarena di Espoo, atterrando non uno, ma ben due tripli axel.

La pattinatrice allenata dal team guidato da Eteri Tutberidze ha eseguito il difficile elemento con grande velocità, con un’altezza notevole e con un’ottima parabola, realizzandolo prima in combinazione con il doppio toeloop e subito dopo singolarmente (chiamato sottoruotato dal pannello). Presentando per la prima volta in una competizione ufficiale il nuovo, bellissimo, programma interpretato sulle note di “The Meadow” di Alexandre Desplat, “Eyes on Fire” di Blue Foundation e “Supermassive Black Hole” dei Muse, l’atleta moscovita classe 2003 ha snocciolato con eleganza salti di grande qualità come il doppio axel e il triplo rittberger, inserendo in zona bonus le due combinazioni triplo flip/triplo toeloop, triplo flip/euler/triplo salchow e il triplo lutz singolo, elementi che, insieme alle tre trottole ed alla serie di passi chiamate di livello 4, hanno fatto impennare il punteggio a 157.59 (85.91, 71.61) arrivando all’altissimo totale di 234.84, nuovo record personale. Uno step di fondamentale importanza quello di Kostornaia, pronta a vivere una stagione da protagonista assoluta.

Al secondo posto si è posizionata l’esperta connazionale Elizaveta Tuktamysheva, anche lei autrice di una performance impreziosita da due tripli axel ben eseguiti (prima combinato con il doppio toeloop, poi singolo) e da due notevoli tripli lutz di cui uno in combinazione con il doppio toeloop ma leggermente depotenziata da una chiamata di filo non corretto nel triplo flip; nonostante l’imprecisione l’allieva di Alexei Mishin ha raccolto 139.87 (72.31, 67.56) per 212.53. Da menzionare inoltre la bella gara della nipponica Yuhana Yokoi, artefice di una prestazione più che positiva con cui ha raccolto 126.81 (64.73, 62.08) per 191.90 punti totali.

Nella danza sul ghiaccio vittoria per dispersione di Madison Chock-Evan Bates grazie a un’ottima free dance costellata di elementi di alto profilo tra cui spiccano i sollevamenti, tutti di livello 4 esattamente come la sequenza di twizzles. A causa di una sbavatura in un elemento coreografico, chiamato non valido dal pannello, gli statunitensi hanno conquistato un punteggio sotto i 120 punti nel segmento, nello specifico 119.46 (64.06, 55.50) arrivando nel totale a quota 198.26. Interessante infine la coppia cinese Shiyue Wang-Xinyu Liu, piazzatasi in seconda posizione con 111.41 (62.70, 48.71) per 183.09 soffiando il posto ai russi Betina Popova-Sergey Mozgov, terzi con 103.13 (55.88, 47.25).

CLASSIFICA FINALE INDIVIDUALE FEMMINILE

FPl. Name Nation Points SP FS
1 Alena KOSTORNAIA RUS 234.84 1 1
2 Elizaveta TUKTAMYSHEVA RUS 212.53 2 2
3 Yuhana YOKOI JPN 191.90 3 3
4 Jenni SAARINEN FIN 181.20 4 4
5 Starr ANDREWS USA 169.10 6 5
6 Eva Lotta KIIBUS EST 162.77 5 6
7 Linnea CEDER FIN 151.48 7 8
8 Megan WESSENBERG USA 148.21 9 9
9 Sofia SULA FIN 147.41 13 7
10 Josefin TALJEGARD SWE 143.74 8 12
11 Tanja ODERMATT SUI 142.79 11 10
12 Vera STOLT FIN 141.35 10 13
13 Gabrielle DALEMAN CAN 138.89 15 11
14 Nina POVEY GBR 131.77 14 14
15 Alisson Krystle PERTICHETO PHI 122.86 18 15
16 Nikola RYCHTARIKOVA CZE 118.33 16 17
17 Niki WORIES NED 117.62 12 18
18 Kristina ISAEV GER 112.30 20 16
19 Sara HONG KOR 105.61 19 19
20 Alizee CROZET FRA 102.33 17 20
21 Maral-Erdene GANSUKH MGL 70.79 21 21

CLASSIFICA FINALE DANZA SUL GHIACCIO

Pl. Name Nation Points RD FD
1 Madison CHOCK / Evan BATES USA 198.26 1 1
2 Shiyue WANG / Xinyu LIU CHN 183.09 3 2
3 Betina POPOVA / Sergey MOZGOV RUS 175.24 2 3
4 Marjorie LAJOIE / Zachary LAGHA CAN 173.69 4 4
5 Allison REED / Saulius AMBRULEVICIUS LTU 168.33 5 6
6 Anastasia SHPILEVAYA / Grigory SMIRNOV RUS 165.81 6 5
7 Yuka ORIHARA / Juho PIRINEN FIN 157.72 7 7
8 Leia DOZZI / Michael Albert VALDEZ HUN 133.38 8 8
9 Emily MONAGHAN / Ilias FOURATI HUN 131.44 9 9

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: International Skating Union (Figure Skating)

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Triathlon, Campionato italiano distanza olimpica Cervia 2019: nella staffetta mista si impone il Minerva Roma

Superbike, Risultato Superpole Race GP Argentina 2019: Rea vince in solitaria, Bautista in seconda posizione