Ciclismo, gli obiettivi di Elia Viviani per il 2020: Milano-Sanremo e Tour de France prima delle Olimpiadi

Agli Europei 2019 di ciclismo su pista, che si stanno svolgendo al velodromo Omnisport di Apeldoorn (Olanda), Elia Viviani ha conquistato una splendida medaglia d’oro nell’eliminazione. In questa stagione il veronese ha lasciato così per la seconda volta il segno in una rassegna continentale, visto che ad agosto aveva ottenuto il titolo su strada ad Alkmaar. Il doppio impegno resterà anche nel prossimo anno, in cui il velocista azzurro ha già ben chiaro su quali gare punterà.

Nel 2020 Viviani passerà alla Cofidis, lasciando così dopo due stagioni la Quick Step, e proverà a vincere Milano-Sanremo e Gand-Wevelgem per quanto riguarda le classiche. Due corse molte adatte alle sue caratteristiche, ma in cui quest’anno non è riuscito a imporsi. Di seguito le sue dichiarazioni in merito a DirectVelo: “È semplice, punterò alle corse che non ho ancora vinto, quindi Milano-Sanremo e Gand-Wevelgem. Queste sono le due classiche di primavera che voglio nel mio palmares”.

In estate i riflettori saranno puntati sulle Olimpiadi di Tokyo 2020, in cui il veronese cercherà di difendere il titolo nell’omnium e bissare così l’oro di Rio 2016. Prima del grande impegno su pista, ci sarà però un’altra importante corsa su strada, ovvero il Tour de France, in cui punterà al successo di tappa e potrà affinare la condizione in vista della trasferta giapponese. Queste le sue parole: “Sarà diverso rispetto a Rio, perché ho già vinto il titolo olimpico. Ciò però non vuol dire che sarà un obiettivo meno importante. A Rio c’era il chilometro e l’inseguimento nell’Omnium, mentre a Tokyo non ci saranno e per me sarà un bene. Potrò fare una preparazione meno specifica per la pista e quindi puntare anche al Tour”.

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

alessandro.farina@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Pier Colombo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Golf, Open di Francia 2019: Coetzee e Fox in testa dopo il primo round, Paratore a quattro colpi dalla vetta

Pattinaggio artistico, i giovani da tenere sotto osservazione: Gabriele Frangipani la terza forza maschile, tante ottime atlete in campo femminile