Calcio a 5, Qualificazioni Mondiali 2020: gli azzurri di Musti non possono sbagliare contro l’Inghilterra

La Nazionale italiana di calcio a 5 torna subito in campo quest’oggi per il secondo incontro del Main Round di Qualificazione ai Mondiali 2020 in Lituania. Gli azzurri sono reduci da una partita non positiva, per l’approccio, contro la Bielorussia. Il 3-3 finale, frutto più dei nervi che del gioco, va analizzato e non ci si potranno replicare gli stessi errori.

Troppo molli i nostri portacolori contro la compagine di Aliaksandr Savintsau che, per parte del match, ha fatto un po’ quello che ha voluto. Il raggiungimento del pari, per l’incubo che si stava prefigurando, può essere letto in chiave positiva, ma è chiaro che contro l’Inghilterra, alle ore 19 (diretta Raisport +HD) servirà qualcosa di diverso. Gli inglesi, ko nel match contro l’Ungheria, non dovrebbero rappresentare un ostacolo insormontabile per capitan Ercolessi e compagni. Il Pala Sele di Eboli sarà un fattore determinante per spingere la compagine azzurra al successo, fondamentale poi per arrivare all’ultimo match con i magiari (domenica 27 ottobre) per giocarsi il tutto per tutto per il primato del raggruppamento.

Per trovare una partita contro l’Inghilterra bisogna tornare indietro di oltre 30 anni, al test di Roma (luglio 1985) che vide la Nazionale battere i Leoni 6-1. Si spera, quindi, che il nuovo dato aggiornato sia altrettanto lusinghiero, anche per liberare di un po’ di tensione i ragazzi di Musti, apparsi un po’ bloccati nell’esordio per l’importanza del match in sé. In questa prima fase, come già detto, non saranno ammessi passi falsi e, se vogliamo, il proprio jolly l’Italia se l’è già giocato contro i bielorussi. Ora serve il percorso netto per evitare qualunque tipo di complicazione.

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

 

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Shutterstock.com

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Danilo Petrucci MotoGP, GP Australia 2019: “Noi ducatisti ci stiamo spingendo a fare meglio l’uno con l’altro

Marc Marquez MotoGP, GP Australia 2019: “Nell’ultimo giro mi ha ostacolato Lorenzo, ma abbiamo già chiarito”