Rugby, Mondiali 2019: la Nuova Zelanda batte il Sudafrica dopo 80 minuti di lotta

Doveva essere il match clou di giornata e non ha deluso le aspettative. Sudafrica e Nuova Zelanda combattono palla su palla per 80 minuti, con gli All Blacks che dominano i primi 40 minuti grazie a due fiammate micidiali, mentre nella ripresa il Sudafrica cambia marcia e riapre un match grazie alla classe di Kolbe. Ma non basta e la Nuova Zelanda si impone al termine di un bellissimo incontro.

Dopo un minuto di gioco tenuto degli All Blacks sulla metà campo e il Sudafrica subito va per i pali con Handré Pollard che non sbaglia e primo vantaggio di misura per gli Springboks. Insiste la squadra di Erasmus, con la Nuova Zelanda che cerca di mettere in difficoltà gli avversari con calci alti, mentre i sudafricani spingono palla in mano. Match subito molto fisico, scontri durissimi a dimostrazione che nessuna delle due squadre ha preso la sfida sottogamba. Sudafrica molto aggressiva, All Blacks che faticano a gestire l’ovale, sempre in ritardo e rischiando di perdere palla continuamente. Al 18′ ancora un fallo dei tuttineri e Sudafrica che può allungare di nuovo con Pollard, ma l’apertura colpisce il palo e nulla di fatto.

Al 21′, però, contrattacco velocissimo degli All Blacks su una disattenzione del Sudafrica, Mo’unga viene fermato a un passo dalla meta, ma sul prosieguo dell’azione fallo disperato dei gialloverdi e Mo’unga impatta il risultato dalla piazzola. E subito dopo bellissima azione della Nuova Zelanda che parte con Sevu Reece, poi Ardie Savea, la palla a Beauden Barrett e, infine, ecco che arriva George Bridge per la prima meta del match e 10-3. Dominio tuttonero ora in campo e pochi minuti dopo, al 27′, è Anton Lienert-Brown a bucare una non perfetta difesa sudafricana, palla a Scott Barrett e seconda meta della partita. Match divertente, due squadre che non si nascondono e al 38′ Mo’unga manca i pali su un nuovo falla sudafricano. Primo tempo che, così, finisce 17-3 per la Nuova Zelanda, capace di sfruttare al meglio le occasioni avute.

Soffre il Sudafrica in mischia e la Nuova Zelanda controlla una partita rimasta realmente in equilibrio solo 20 minuti fino a ora. Al 46′, però, fiammata micidiale di Cheslin Kolbe che fa impazzire Mo’unga e arriva a un passo dalla meta prima di venir fermato, con i neozelandesi che ripartono dalla loro area di meta, rischiando tantissimo. E sul prosieguo dell’azione Pieter-Steph du Toit raccoglie l’ovale dalla ruck e va tra i pali, riaprendo la partita. Ancora una magia di Kolbe al 51′, con però possibile avanti sul passaggio, e Springboks che tornano a un passo dalla linea di meta. Si alza ancora di più l’intensità dei contatti in campo, la battaglia diventa ancora più fisica  e al 59′ Pollard tenda un drop e porta il Sudafrica sotto 17-13.

Deve reagire la Nuova Zelanda, che in questa ripresa è stata nettamente surclassata fisicamente dagli Springboks. E al 65′ un fallo permette agli All Blacks di respirare e andare sulla piazzola con Mo’unga che riporta a +7 i tuttineri. Al 72′ c’è la chance di chiudere il discorso e Beauden Barrett va sulla piazzola dalla distanza e non sbaglia e Nuova Zelanda che va sul 23-13. Vince la Nuova Zelanda e prenota il primo posto nel girone.

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Italia-Namibia, Mondiali rugby 2019: a che ora inizia e su che canale vederla in tv gratis e in chiaro

Moto3, Risultato Qualifiche GP Aragon 2019: Aron Canet in pole con un giro stellare, Arbolino 7° e Dalla Porta solo 12°