Rugby, Mondiali 2019: Fiji-Uruguay, i pacifici vogliono il bottino pieno

Dopo il ko con l’Australia tornano in campo domani mattina, fischio d’inizio alle 7.15, le Fiji e avversario di giornata è l’Uruguay. Sfida che non sembra poter prevedere sorprese, con i figiani che dopo l’ottima ora giocata con i Wallabies cercheranno di chiudere il prima possibile il discorso contro una squadra sudamericana sicuramente in crescita in questi anni, ma ancora lontana dalle migliori nazioni al mondo. Per i pacifici il Mondiale inizia ora, con l’obiettivo minimo che è la vittoria con la Georgia per garantirsi un posto diretto alla RWC 2023, mentre il sogno è un colpaccio con il Galles che potrebbe valere i quarti di finale.

Al Kamaishi Recovery Memorial Stadium le Fiji arrivano con gli obbligati pronostici dalla loro parte, troppa la differenza qualitativa e fisica tra le due nazionali per sperare in un equilibrio che possa durare per 80 minuti. Rispetto alla sfida contro l’Australia coach John McKee cambia ben 12 quindicesimi della formazione titolare, lasciando a riposo chi ha combattuto nel 21-39 con i Wallabies e, appunto, preservandoli per le sfide con la Georgia e il Galles.

Per l’Uruguay, invece, la sfida di domani sarà l’esordio nella Rugby World Cup 2019. Cenerentola del girone, i Teros negli ultimi anni sono però in forte crescita e nel recente passato hanno saputo battere nazioni con tradizione ovale ben maggiore della loro come Romania, Canada e Stati Uniti, permettendosi anche il lusso di battere l’Argentina XV, la seconda squadra dei Pumas. Il ct Esteban Meneses punta principalmente sulla sua linea dei trequarti, agile e veloce, mentre la mischia potrebbe essere il tallone d’Achille contro le Fiji. Una curiosità, quattro anni fa l’Uruguay venne inserita nel girone dove c’erano sempre Australia, Galles e Fiji.

Fiji – Uruguay

Fiji: 15 Alivereti Veitokani, 14 Filipo Nakosi, 13 Semi Radradra, 12 Jale Vatubua, 11 Vereniki Goneva, 10 Josh Matavesi, 9 Henry Seniloli, 8 Leone Nakarawa, 7 Mosese Voka, 6 Dominiko Waqaniburotu, 5 Api Ratuniyarawa, 4 Tevita Ratuva, 3 Manasa Saulo, 2 Mesulame Dolokoto, 1 Eroni Mawi
In panchina: 16 Tuvere Vugakoto, 17 Campese Ma’afu, 18 Lee-Roy Atalifo, 19 Tevita Cavubati, 20 Samuel Matavesi, 21 Nikola Matawalu, 22 Ben Volavola, 23 Levani Botia

Uruguay: 15 Gaston Mieres, 14 Nicolas Freitas, 13 Juan Manuel Cat, 12 Andres Vilaseca, 11 Rodrigo Silva, 10 Felipe Berchesi, 9 Santiago Arata, 8 Manuel Diana, 7 Santiago Civetta, 6 Juan Manuel Gaminara, 5 Manuel Leindekar, 4 Ignacio Dotti, 3 Diego Arbelo, 2 German Kessler, 1 Mateo Sanguinetti
In panchina: 16 Guillermo Pujadas, 17 Facundo Gattas, 18 Juan Pedro Rombys, 19 Franco Lamanna, 20 Juan Diego Ormaechea, 21 Agustin Ormaechea, 22 Felipe Etcheverry, 23 Tomas Inciarte

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Tennis, Fabio Fognini: “Deciderò più avanti se operarmi”

Ciclismo, Mondiali 2019: Chloe Dygert domina la cronometro femminile, si arrendono le olandesi. Longo Borghini diciottesima