Pattinaggio artistico, ISU Junior Grand Prix Danzica 2019: inizia il cammino di Daniel Grassl verso la Finale. Prova insidiosa per Lucrezia Beccari



Entra nella fase calda la Nazionale azzurra di pattinaggio artistico, impegnata questa settimana dal 19 al 21 settembre presso l’Ice Rink Olivia di Danzica (Polonia), palazzo del ghiaccio che sarà teatro della quinta tappa del circuito ISU Junior Grand Prix 2019-2020.

I fari saranno puntati su Daniel Grassl, pronto a fare il suo esordio in stagione con l’obiettivo di centrare la prima Finale Grand Prix della carriera, mai come quest’anno assolutamente alla portata. L’altoatesino allenato da Lorenzo Magri infatti, dopo aver conquistato con qualche rimpianto la medaglia di bronzo ai Mondiali 2019 di Zagabria (Croazia), cercherà fin da subito di imporsi sugli avversari per poi completare la pratica in casa, ad Egna (Bolzano), i primi di ottobre per l’ultimo appuntamento della serie. Per l’azzurro sarà importantissimo pattinare un primo segmento di gara di qualità riducendo le sbavature al minimo, sfoderando il suo ampio parco di salti quadrupli, suo elemento di forza, nel programma libero.Tuttavia il pattinatore tesserato con la Young Goose Academy non avrà vita facile, complice la presenza di concorrenti che già si sono distinti nelle prime tappe, uno su tutti il nipponico Yuma Kagiyama, trionfatore dell’evento inaugurale di Courchevel (Francia) e atleta che, al momento, ha registrato tra tutti il punteggio totale più alto (234.87). Saranno della partita inoltre i russi Gleb Lutfullin, terzo a Lake Placid (Stati Uniti), e Daniel Samsononov, sul gradino più basso del podio a Riga (Lettonia) oltre che Joseph Plan, pattinatore canadese che si è già fatto notare nel 2018 conquistando il quarto posto nella rassegna iridata e che si è piazzato in sesta posizione nella tappa lettone due settimane fa.

Loading...
Loading...

In campo femminile banco di prova importantissimo per Lucrezia Beccari, reduce dall’ottimo debutto nella massima categoria al Lombardia Trophy 2019 dove ha registrato il nuovo primato personale di 167.94. Per l’allieva di Franca Bianconi sarà importante provare ad alzare ancora di più l’asticella delle performance dei suoi due ottimi programmi di gara, provando magari a raggiungere l’importante soglia dei 60 punti nello short. La torinese classe 2003 dovrà essere brava, e ne ha tutte le caratteristiche, a riuscire a divincolarsi tra le quasi proibitive avversarie; a cominciare dalla statunitense Alysa Liu, atleta entrata nella storia della disciplina per aver realizzato nella tappa di casa un triplo axel e un quadruplo (il lutz, chiamato misteriosamente completo dal pannello) nello stesso programma; ma anche dalle sempre temibili russe Anastasia Tarakonova, Victoria Vasileva (rispettivamente sul gradino più basso del podio in America e in Francia) e dalle talentuose sudcoreane Seoyeong Wi (seconda in Francia) e Seoyeon Ji (quarta a Lake Placid) senza dimenticare la nipponica Tomoe Kawabata e l’asso di casa, Ekaterina Kurakova, atleta di Brian Orser che ha ben figurato in Lettonia posizionandosi al quarto posto.

Nella danza faranno il loro esordio stagionale i Campioni Nazionali Junior in carica Francesca Righi-Aleksei Dubrovin, coppia motivata ad entrare nella top 10 mondiale dopo aver conquistato un’incoraggiante tredicesima posizione nella rassegna iridata lo scorso anno. I danzatori guidati da Stefano Caruso condivideranno il ghiaccio con i quotati canadesi Miku Makita-Tyler Gunara, con i francesi Loicia Demougeot-Theo Le Mercier, interessante coppia che ha raggiunto il posto d’onore tra le mura amiche e, infine, con i russi Ekaterina Katashinskaia-Aleksandr Vaskovich (terzi a Courchevel) e Elizaveta Khudaiberdieva-Andrey Filatov, primi a Riga.

Oltre agli azzurri “esperti” già citati, nella specialità delle coppie d’artistico assisteremo ad un significativo debutto, quello di Federica Zamponi-Marco Zandron, atleti di stanza all’IceLab di Bergamo guidati da Luca Dematte ed Ondrej Hotarek, pronti a macinare esperienza dopo le prime gare internazionali all’Inge Solar Memorial/Alpen Trophy ( dove hanno ottenuto il quarto posto) e all’Egna Spring Trophy 2018 (secondo posto). Per i nostri azzurri sarà importantissimo valutare e analizzare le prestazioni delle coppie più blasonate come le due favorite russe Apollinariia Panfilova-Dmitry Rylov, i quali con tutta probabilità staccheranno il pass per le Finali di Torino, e Alina Pepeleva-Roman Pleshkov.

Le competizioni inizieranno dunque giovedì 19 settembre alle ore 10:15 con lo short program individuale femminile, seguito da quello delle coppie d’artistico (15:55) e da quello maschile (18:40). Venerdì 20 saranno invece i danzatori a scendere in pista per primi per eseguire la rhythm dance (10:00) per lasciare spazio ai secondi segmenti di gara delle coppie (13:10) e delle femmine. La serie si chiuderà quindi sabato 21 prima con il libero maschile (11:00) e, infine, con la danza libera (15:35). Si potrà seguire l’evento integralmente sul canale YouTube “ISU Junior Grand Prix” con la telecronaca in lingua inglese dell’esperto Ted Barton.

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: ISU Junior Grand Prix (Gdansk Event)

Loading...

Lascia un commento

scroll to top