Atletica, Mondiali 2019: i favoriti delle gare maschili. Parata di big, una sfilza di duelli e grande spettacolo: chi vincerà le medaglie?

I Mondiali 2019 di atletica leggera si disputeranno a Doha (Qatar) dal 27 settembre al 6 ottobre, si preannuncia grande spettacolo in Medio Oriente per la rassegna iridata che precede le Olimpiadi di Tokyo 2020 di appena nove mesi. Diamo uno sguardo alle varie gare maschili con favoriti e possibili outsider.

100 METRI – Justin Gatlin riuscirà a difendere il titolo conquistato due anni fa? Lo statunitense, a 37 anni suonati, sembra essere in buone condizioni ma non è il favorito della vigilia: quel ruolo spetta al connazionale Chris Coleman che ha rischiato di non partecipare all’evento dato che non ha risposto a tre controlli antidoping ma che sarà della partita pronto a mettersi l’oro al collo. Possono dire la loro il recuperato canadese De Grasse, due vecchie volpi come Michael Rodgers e Yohan Blake, gli africani Simbine e Oduduru. Outsider? Il britannico Zharnel Hughes (Campione d’Europa), il francese Jimmy Vicaut, il giapponese Sani Brown mentre l’Italia si aggrappa a Filippo Tortu e Marcell Jacobs per scendere sotto i 10 secondi e inseguire una finale molto complicata.

200 METRI – Il favorito della vigilia è lo statunitense Noah Lyles che vuole riportare l’oro negli USA a distanza di dodici anni dall’ultima volta. Indubbiamente il giovane fuoriclasse è l’uomo da battere e sembra decisamente favorito rispetto al connazionale Chris Coleman e al canadese Andre De Grasse. Il turco Ramil Guliyev difende il titolo ma non sembra essere in grandissima forma. Gli outsider possono essere i britannici Francis, Gemili e Hughes mentre l’Italia si affiderà a Fausto Desalu e Antonio Infantino, sulla carta la finale è molto lontana per gli azzurri.

400 METRI – Assente il fuoriclasse Van Niekerk, il sudafricano è ancora alle prese con un infortunio e non potrà andare a caccia dell’oro. Il primatista mondiale abdicherà e sulla carta dovrebbe subentrare lo statunitense Michael Norman che sembra avere una marcia in più rispetto alla concorrenza anche se ha perso i Trials contro Fred Kerley. Più indietro il bahamense Steven Gardiner, il grenadino Kirani James e la possibilità di vedere anche Warholm e Samba dopo i 400 ostacoli. Davide Re può puntare alla finale ma deve correre sui tempi del suo record italiano.

800 METRI – Si preannuncia la consueta gara tattica quando sono in palio le medaglie. Aspettiamoci il botswano Nijel Amos contro i keniani Emmanuel Korir e Ferguson Rotich ma senza dimenticare il polacco Kszczot, il bosniaco Tuka e il francese Bosse che difende il titolo.

1500 METRI – Assente Elijah Manangoi, non vedremo il Campione del Mondo uscente ma ci sarà suo fratello minore George. Il keniano sarà affiancato dai connazionale Timothy Cheruiyot che è il grande favorito della vigilia e da Kwemoi. In seconda battuta i fratelli norvegesi Jakob e Filip Ingebrigtsen, il gibutiano Souleiman e l’etiope Tefera.

5000 METRI – L’Etiopia si presenta con un’autentica corazzata: Edris (oro due anni fa a Londra), Gebrhiwet, Barega, Haile e Hadis (bisogna ancora scegliere la riserva). La famiglia Ingebrigtsen (Jakob, Filip, Henrik) proverà a tenere alto l’onore dell’Europa, altri potenziali outsider sono lo statunitense Chelimo e i keniani Kimeli e Kibet. L’Italia punta su Yeman Crippa che però ha più nelle corde i 10000 metri, in una gara molto tattica potrebbe però dire la sua.

10000 METRI – Il 19enne keniano Rhones Kipruto può fare saltare il banco ma la fortissima Etiopia di Barega, Belihu, Gebrhiwet e Kejelcha dovrebbe giganteggiare. Possibili outsider sono gli ugandesi Cheptegei e Kiplimo, Yeman Crippa ha tutte le carte per essere tra i protagonisti: se la gara dovesse essere molto tattica allora grande attenzione sul bronzo europeo.

110 METRI OSTACOLI – Il giamaicano Omarc McLeod vuole difendere il titolo a tutti i costi ma è stato un po’ altalenante in stagione anche a causa di problemi fisici, si preannuncia dunque una bella battaglia con lo spagnolo Orlando Ortega e il russo Sergey Shubenkov. Un po’ più indietro gli statunitensi Roberts e Holloway, gli azzurri Hassane Fofana e Lorenzo Perini cercheranno la semifinale.

400 METRI OSTACOLI – Sulla carta dovrebbe essere la gara dal maggior tasso tecnico di tutti i Mondiali. Duello pirotecnico tra il norvegese Karsten Warholm e lo statunitense Rai Benjamin dopo il mirabolante confronto visto a Zurigo (46.92 contro 46.98), il terzo incomodo è l’idolo di casa Abderrahman Samba che sta recuperando da un infortunio. Cadrà il record del mondo dopo 27 anni?

3000 METRI SIEPI – Gara storicamente del Kenya che non perde tra Mondiali e Olimpiadi addirittura dal 1987 (Francesco Panetta a Roma). Da quel momento solo trionfi (le uniche eccezioni sono quelle di Shaheen, era keniano ma difendeva i colori del Qatar), questa volta toccherà a Conseslus Kipruto e Benjamin Kigen prolungare la striscia facendo però i conti col marocchino El Bakkali e gli etiopi Wale, Beyo, Chala.

SALTO IN ALTO – Gianmarco Tamberi sarebbe il grande favorito della vigilia se fosse in perfette condizioni fisiche ma la stagione del marchigiano è stata complicata, Stefano Sottile si presenta forte di un 2.30 e vuole sorprendere. Il bielorusso Nedasekau è forse l’uomo con maggiori chance ma l’ex iridato Bondarenko e i russi Akimenko e Ivayuk promettono battaglia. L’idolo di casa Mutaz Barshim non è al massimo, da considerare outsider come l’australiano Starc e il siriano Ghazal.

SALTO CON L’ASTA – Parata di big: il Campione del Mondo Sam Kendricks, il Campione d’Europa outdoor Armand Duplantis, il Campione d’Europa indoor Piotr Lisek (nel 2017). Sono uomini capaci di salire oltre i sei metri e si contenderanno il titolo ma attenzione al Campione Olimpico Thiago Briaz, al polacco Wojciechowski e all’eterno Lavillenie mentre il nostro Claudio Stecchi proverà ad accedere in finale.

SALTO IN LUNGO – Tutti contro il cubano Juan Miguel Echevarria, il predestinato che vuole diventare il primo uomo ad andare oltre i nove metri. Il suo 8.65 di Zurigo promette tantissimo ma dovrà fare i conti col sudafricano Manyonga che difende il titolo, si possono inserire il greco Tentoglou, il giamaicano Gayle e il sudafricano Samaai.

SALTO TRIPLO – Chris Taylor vuole il poker iridato, il due volte Campione Olimpico vuole vincere ancora ma lo statunitense dovrà fare i conti col connazionale Will Claye che quest’anno è volato oltre i 18 metri per due volte. Difficile che qualcuno disturbi i due americani, gli unici a poterci provare sembrano essere il portoghese Pichardo e il cubano Diaz.

GETTO DEL PESO – Addirittura otto atleti hanno superato i 22 metri in questa stagione, ben 24 oltre i 21 metri. Sarà una gara intensissima e dall’elevato contenuto tecnico: il neozelandese Tom Walsh (oro due anni fa), gli statunitensi Ryan Crouser (olimpionico), Joe Kovacs e Darrell Hill, i polacchi Haratyk e Bukowiecki, il primatista sudamericano Romani e il lussemburghese Bertemes promettono scintille.

LANCIO DEL DISCO – Si preannuncia un duello tra lo svedese Daniel Stahl e il giamaicano Fedrick Dacres ma due vecchie volpi come il lituano Gudzius (detentore del titolo) e il polacco Malachowski vorranno dire la loro. Tra gli outsider l’austriaco Wisshaidinger e il rumeno Firfirica.

LANCIO DEL MARTELLO – L’eterna battaglia tra i polacchi Wojciech Nowicki e Pawel Fajdek: chi riuscirà ad avere la meglio? Per il podio attenzione allo spagnolo Cienfuegos, all’ungherese Halasz e al britannico Miller.

TIRO DEL GIAVELLOTTO – La Germania vuole dominare con Vetter (Campione uscente), Rohler (Campione Olimpico) e Hofmann ma l’estone Hirt è il capofila stagionale e vanno tenuti in considerazione anche i cechi Vadlejch e Vesely.

DECATHLON – Il francese Kevin Mayer, campione iridato e primatista mondiale, non ha risultati in stagione ma è sempre l’uomo da battere negli eventi di prima fascia. Alle sue spalle il canadese Damian Warner e il tedesco Niklas Kaul. Possibili outsider il teutonico Kazmirek, l’estone Uibo e il canadese LePage.

20 KM DI MARCIA – Si preannuncia un gara combattutissima con arrivo all’una di notte locale. I giapponesi Yamanishi, Ikeda e Takahashi hanno offerto le migliori prestazioni in questa stagione ma l’Italia può dire la sua con Massimo Stano fresco del record nazionale, senza sottovalutare i cinesi Wang Kaihua e Cai Zelin oltre al tedesco Linke. Il colombiano Eider Arevalo è il Campione uscente, una conferma sembra improbabile.

50 KM DI MARCIA – Il francese Yohann Diniz è come sempre l’uomo da battere: il Campione del Mondo e dominatore in Coppa Europa partirà favorito ma attenzione allo slovacco Matej Toth (Campione Olimpico) e ai solidi giapponesi Suzuki e Noda reduci da una buona stagione. Michele Antonelli e Teodorico Caporaso per una buona prestazione.

MARATONA – L’Africa ha vinto le ultime quattro edizioni, ci sarà anche il keniano Geoffrey Kirui dopo il trionfo di Londra e sarà tra i favoriti insieme al connazionale Amos Kipruto, all’etiope Lelisa Desisa e all’ugandese Stephen Kiprotich. Gli europei partono in seconda battuta, ci proveranno lo svizzero Abraham e magari anche gli azzurri Yassine Rachik (bronzo continentale), Daniele Meucci ed Eyob Faniel.

STAFFETTA 4X100 – Gli USA sono chiamati a dominare con lo squadrone formato da Rodgers, Gatlin, Coleman e Lyles. Salvo incidenti di percorso gli States si imporranno mentre alle loro spalle si infiammerà la lotta con Canada, Brasile, Giamaica, Giappone, Gran Bretagna e Cina. L’Italia può puntare alla finale trascinata da Tortu e Jacobs.

STAFFETTA 4X400 – Trinidad & Tobago si impose due anni fa in maniera inattesa, i caraibici cercheranno una nuova imprea ma questa volta gli USA si faranno difficilmente battere. Da tenere in considerazione la solita Giamaica e il Qatar che può contare su due fuoriclasse come Samba e Haroun. L’Italia punta dritto all’atto conclusiva e poi proverà a giocarsela trascinata da Davide Re.

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Shutterstock

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Ciclismo, Mondiali 2019: modificati orario e percorso della prova maschile Under23

Rugby, Mondiali 2019: Fiji-Uruguay 27-30, la Cenerentola corona il suo sogno