US Open 2019, secondo turno qualificazioni maschili: eliminati Stefano Napolitano e Filippo Baldi

Giornata totalmente negativa agli US Open per il tennis italiano: nel secondo turno delle qualificazioni, dopo l’eliminazione dell’ultima azzurra nel tabellone femminile, ecco che perdono in quello maschile anche Filippo Baldi e Stefano Napolitano, sconfitti entrambi in due set dai rispettivi avversari.

Nel primo dei due match che riguardavano da vicino gli azzurri, Filippo Baldi viene sconfitto dal tedesco Tobias Kamke con lo score di 6-4 7-6 (5) in una gara molto equilibrata. Nel primo set dopo uno scambio di break tra terzo e quarto gioco, il teutonico allunga al termine del settimo gioco, concretizzando la sesta palla break ed andando così sul 4-3. Il tedesco non sbaglia nulla negli ultimi due turni al servizio e chiude sul 6-4. Nel secondo set l’equilibrio regna sovrano, anche se Baldi in avvio deve annullare un break point all’avversario. Scambio di break tra undicesimo game e dodicesimo game, così si va al tiebreak, vinto dal tedesco con l’unico minibreak centrato proprio sul match point.

Nell’altro incontro di giornata c’è meno battaglia tra il sudcoreano Hyeon Chung e Stefano Napolitano: il numero 29 del seeding cadetto si impone con un eloquente 6-2 6-3. Nella prima frazione l’azzurro parte male e si ritrova subito ad inseguire sullo 0-2 prima e sull’1-4 pesante poi. Il sudcoreano amministra e porta a casa la prima frazione per 6-2. Il secondo parziale si apre con tre break consecutivi, ma anche in questo caso è Napolitano ad inseguire. L’azzurro sciupa nel quarto gioco tre occasioni per rientrare sul 2-2 e non aggancia più l’avversario: Chung trova un secondo strappo proprio quando l’azzurro è al servizio per restare nel match e così Napolitano deve cedere sul 6-3.

US Open – Qualificazioni maschili – Secondo turno
Hyeon Chung (Corea de Sud, 29) b. Stefano Napolitano (Italia) 6-2 6-3
Tobias Kamke (Germania) b. Filippo Baldi (Italia) 6-4 7-6 (5)

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

 

roberto.santangelo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Roberta Corradin LPS

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket, Pre-Qualificazioni Europei 2021: Danimarca, Gran Bretagna, Svizzera e Romania vanno avanti

Classica di Amburgo 2019: la startlist e l’elenco completo dei partecipanti