Seguici su

Medagliere Olimpiadi Tokyo 2020, la classifica in base ai podi dei Mondiali. USA in testa, Italia 14ma con 34 medaglie

Pubblicato

il

ARRAMPICATA SPORTIVA (Mondiali 2019):

Combinata maschile:
1. Tomoa Narasaki (Giappone)
2. Jakob Schubert (Austria)
3. Rishat Khaibullin (Kazakhstan)

Combinata femminile:
1. Janja Garnbret (Slovenia)
2. Akiyo Noguchi (Giappone)
3. Shauna Coxsey (Gran Bretagna)

 

ATLETICA LEGGERA (Mondiali 2019):

100 metri maschile:
1. Chris Coleman (USA)
2. Justin Gatlin (USA)
3. Andre De Grasse (Canada)

200 metri maschile:
1. Noah Lyles (USA)
2. Andre De Grasse (Canada)
3. Alex Quinonez (Ecuador)

400 metri maschile:
1. Steven Gardiner (Bahamas)
2. Anthony Zambrano (Colombia)
3. Fred Kerley (USA)

800 metri maschile:
1. Donavan Brazier (USA)
2. Amel Tuka (Bosnia Erzegovina)
3. Ferguson Cheruiyot (Kenya)

1500 metri maschile:
1. Timothy Cheruiyot (Kenya)
2. Taoufik Makhloufi (Algeria)
3. Marcin Lewandowski (Polonia)

5000 metri maschile:
1. Muktar Edris (Etiopia)
2. Selemon Barega (Etiopia)
3. Mohammed Ahmed (Canada)

10000 metri maschile:
1. Joshua Cheptegei (Uganda)
2. Yomif Kejelcha (Etiopia)
3. Rhonex Kipruto (Kenya)

110 metri ostacoli:
1. Gran Holloway (USA)
2. Sergey Shubenkov (ANA)
3. Pascal Martinot-Lagarde (Francia)
3. Orlando Ortega (Spagna)

400 metri ostacoli maschile:
1. Karsten Warholm (Norvegia)
2. Rai Benjamin (USA)
3. Abderrahman Samba (Qatar)

3000 metri siepi maschile:
1. Conseslus Kipruto (Kenya)
2. Lamecha Girma (Etiopia)
3. Soufianeel-Bakkali (Marocco)

Maratona maschile:
1. Lelisa Desisa (Etiopia)
2. Mosinet Geremew (Etiopia)
3. Amos Kipruto (Kenya)

20 km di marcia maschile:
1. Toshikazu Yamanishi (Giappone)
2. Vasily Mizinov (ANA)
3. Perseus Karlstrom (Svezia)

50 km di marcia maschile:
1. Yusuke Suzuki (Giappone)
2. Joao Vieira (Portogallo)
3. Evan Dunfee (Canada)

Salto con l’asta maschile:
1. Sam Kendricks (USA)
2. Armand Duplantis (Svezia)
3. Piotr Lisek (Canada)

Salto in alto maschile:
1. Mutaz Essa Barshim (Qatar)
2. Mikhail Akimenko (ANA)
3. Ilya Ivanyuk (ANA)

Salto in lungo maschile:
1. Tajay Gayle (Giamaica)
2. Jeff Henderson (USA)
3. Juan Miguel Echevarria (Cuba)

Salto triplo maschile:
1. Christian Taylor (USA)
2. Will Claye (USA)
3. Hugues Fabrice Zango (Burkina Faso)

Getto del peso maschile:
1. Joe Kovacs (USA)
2. Ryan Crouser (USA)
3. Tomas Walsh (Nuova Zelanda)

Lancio del disco maschile:
1. Daniel Stahl (Svezia)
2. Fedrick Dacres (Giamaica)
3. Lukas Wisshaidinger (Austria)

Lancio del martello maschile:
1. Pawel Fajdek (Polonia)
2. Quentin Bigot (Francia)
3. Bence Halasz (Ungheria)
3. Wojciech Nowicki (Polonia)

Tiro del giavellotto maschile:
1. Anderson Peters (Grenada)
2. Magnus Kirt (Estonia)
3. Johannes Vetter (Germania)

Decathlon:
1. Niklas Kaul (Germania)
2. Maicel Uibo (Estonia)
3. Damian Warner (Canada)

4×100 maschile:
1. USA
2. Gran Bretagna
3. Giappone

4×400 maschile:
1. USA
2. Giamaica
3. Belgio

100 metri femminile:
1. Shelly-Ann Fraser-Pryce (Giamaica)
2. Dina Asher-Smith (Gran Bretagna)
3. Marie-Josée Ta Lou (Costa d’Avorio)

200 metri femminile:
1. Dina Asher-Smith (Gran Bretagna)
2. Brittany Brown (USA)
3. Mujinga Kambundji (Svizzera)

400 metri femminile:
1. Salwa Eid Naser (Bahrain)
2. Shaunae Miller-Uibo (Bahamas)
3. Shericka Jackson (Giamaica)

800 metri femminile:
1. Halimah Nakaayi (Uganda)
2. Raveyn Rogers (USA)
3. Ajeé Wilson (USA)

1500 metri femminile:
1. Sifan Hassan (Paesi Bassi)
2. Faith Kipyegon (Kenya)
3. Gudaf Tsegay (Etiopia)

5000 metri femminile:
1. Hellen Obiri (Kenya)
2. Margaret Chelimo (Kenya)
3. Konstanze Klosterhalfen (Germania)

10000 metri femminile:
1. Sifan Hassan (Paesi Bassi)
2. Letesenbet Gidey (Etiopia)
3. Agnes Tirop (Kenya)

100 metri ostacoli:
1. Nia Ali (USA)
2. Kendra Harrison (USA)
3. Danielle Williams (Giamaica)

400 metri ostacoli femminile:
1. Dalilah Muhammad (USA)
2. Sydney McLaughlin (USA)
3. Rushell Clayton (Giamaica)

3000 metri siepi femminile:
1. Beatrice Chepkoech (Kenya)
2. Emma Coburn (USA)
3. Gesa Felicitas Krause (Germania)

Maratona femminile:
1. Ruth Chepngetich (Kenya)
2. Rose Chelimo (Bahrain)
3. Helalia Johannes (Namibia)

20 km di marcia femminile:
1. Liu Hong (Cina)
2. Qieyang Shenjie (Cina)
3. Yang Liujing (Cina)

Salto con l’asta femminile:
1. Anzhelika Sidorova (ANA)
2. Sandi Morris (USA)
3. Ekaterina Stefanidi (Grecia)

Salto in alto femminile:
1. Mariya Lasitskene (ANA)
2. Jaroslava Mahucich (Ucraina)
3. Vashti Cunningham (USA)

Salto in lungo femminile:
1. Malaika Mihambo (Germania)
2. Maryna Bech-Romanchuk (Ucraina)
3. Ese Brume (Nigeria)

Salto triplo femminile:
1. Yulimar Rojas (Venezuela)
2. Shanieka Ricketts (Giamaica)
3. Caterine Ibarguen (Colombia)

Getto del peso femminile:
1. Gong Lijiao (Cina)
2. Danniel Thomas-Dodd (Giamaica)
3. Christina Schwanitz (Germania)

Lancio del disco femminile:
1. Yaime Perez (Cuba)
2. Denia Caballero (Cuba)
3. Sandra Perkovic (Croazia)

Lancio del martello femminile:
1. DeAnna Price (USA)
2. Joanna Fiodorow (Polonia)
3. Wang Zheng (Cina)

Tiro del giavellotto femminile:
1. Kelsey-Lee Barber (Australia)
2. Liu Shiying (Cina)
3. Lu Huihui (Cina)

Eptathlon:
1. Katarina Johnson-Thompson (Gran Bretagna)
2. Nafissatou Thiam (Belgio)
3. Verena Preiner (Austria)

4×100 femminile:
1. Giamaica
2. Gran Bretagna
3. USA

4×400 femminile:
1. USA
2. Polonia
3. Giamaica

4×400 mista:
1. USA
2. Giamaica
3. Bahrain

 

BADMINTON (Mondiali 2019):

Singolare maschile:
1. Kento Momota (Giappone)
2. Anders Antonsen (Danimarca)
3. B. Sai Praneeth (India)
3. Kantaphon Wangcharoen (Thailandia)

Singolare femminile:
1. P.V. Sindhu (India)
2. Nozomi Okuhara (Giappone)
3. Ratchanok Intanon (Thailandia)
3. Chen Yufei (Cina)

Doppio maschile:
1. Ahsan/Setiawan (Indonesia)
2. Hoki/Kobayashi (Giappone)
3. Alfian/Ardianto (Indonesia)
3. Li Junhui/Li Yuchen (Cina)

Doppio femminile:
1. Matsumoto/Nagahara (Giappone)
2. Fukushima/Hirota (Giappone)
3. Polii/Rahayu (Indonesia)
3. Du Yue/Li Yinhui (Cina)

Doppio misto:
1. Zheng Siwei/Huang Yaqiong (Cina)
2. Puavaranukroh/Taerattanachai (Thailandia)
3. Watanabe/Higashino (Giappone)
3. Wang Yiu/Huang Dongping (Cina)

 

BASEBALL (World Classic 2017):

1. USA
2. Porto Rico
3. Giappone

 

BASKET (Mondiali 2019 per gli uomini e Mondiali 2018 per le donne):

Maschile:
1. Spagna
2. Argentina
3. Francia
Femminile:
1. USA
2. Australia
3. Spagna

 

BASKET 3X3 (Mondiali 2019):

Maschile:
1. USA
2. Lettonia
3. Polonia

Femminile:
1. Cina
2. Ungheria
3. Francia

 

BEACH VOLLEY (Mondiali 2019):

Maschile:
1. Oleg Stoyanovskiy/Viacheslav Krasilnikov (Russia)
2. Julius Thole/Clemens Wickler (Germania)
3. Anders Mol/Christian Sorum (Norvegia)

Femminile:
1. Sarah Pavan/Melissa Humana-Paredes (Canada)
2. Alix Klineman/April Ross (USA)
2. Taliqua Clancy/Mariafe Artacho del Solar (Australia)

 

BOXE (Mondiali 2019):

MASCHILE:

52 kg:
1. Shahobidin Zoirov (Uzbekistan)
2. Amit Panghal (India)
3. Billal Bennama (Francia)
3. Saken Bibossinov (Kazakhstan)

57 kg:
1. Mirzizbek Mirzakhaillov (Ubzekistan)
2. Lazaro Alvarez (Cuba)
3. Erdenebatyn Tsendbaatar (Mongolia)
3. Peter McGrail (Gran Bretagna)

63 kg:
1. Andy Cruz (Cuba)
2. Keyshawn Davis (USA)
3. Manish Kaushik (India)
3. Hovhannes Bachkov (Armenia)

69 kg:
1. Andrey Zamkovoy (Russia)
2. Pat McCormack (Gran Bretagna)
3. Ablaikhan Zhussupov (Kazakhstan)
3. Bobo-Usmon Baturov (Uzbekistan)

75 kg:
1. Gleb Bakshi (Russia)
2. Eumir Marcial (Filippine)
3. Hebert Conceiçao (Brasile)
3. Tursynbay Kulakhmet (Kazakhstan)

81 kg:
1. Bekzad Nurdauletov (Kazahstan)
2. Dilshodbek Ruzmetov (Uzbekistan)
3. Julio Cesar La Cruz (Cuba)
3. Benjamin Whittaker (Gran Bretagna)

91 kg:
1. Muslim Gadzhimagomedov (Russia)
2. Julio Castillo (Ecuador)
3. Radoslav Pantaleev (Bulgaria)
3. Vassily Levit (Kazakhstan)

+91 kg:
1. Bakhodir Jalolov (Uzbekistan)
2. Kamshybek Kunkabayev (Kazakhstan)
3. Maksim Babanin (Russia)
3. Justis Huni (Australia)

FEMMINILE:

51 kg:
1. Liliia Aetbaeva (Russia)
2. Buse Naz Cakiroglu (Turchia)
3. Pang Chol-mi (Corea del Nord)
3. Mary Kom (India)

57 kg:
1. Nesthy Petecio (Filippine)
2. Liudmila Voroncova (Russia)
3. Kariss Anrtingstall (Gran Bretagna)
3. Lin Yu-ting (Cina Taipei)

60 kg:
1. Beatriz Ferreira (Brasile)
2. Wang Cong (Cina)
3. Mira Potkonen (Finlandia)
3. Rashida Ellis (USA)

69 kg:
1. Busenaz Surmeneli (Turchia)
2. Yang Liu (Cina)
3. Saadat Dalgatova (Russia)
3. Lovlina Borgohain (India)

75 kg:
1. Lauren Price (Gran Bretagna)
2. Nouchka Fotijn (Paesi Bassi)
3. Khadija El-Mardi (Marocco)
3. Tammara Thibeault (Canada)

 

CALCIO (Mondiali 2018 per gli uomini e Mondiali 2019 per le donne):

Maschile:
1. Francia
2. Croazia
3. Belgio

Femminile:
1. USA
2. Paesi Bassi
3. Svezia

 

CANOA VELOCITA’ (Mondiali 2019):

K1 200 maschile:
1. Liam Heath (Gran Bretagna)
2. Strahinja Stefanovic (Serbia)
3. Carlos Garrote (Spagna)

K4 500 maschile:
1. Germania
2. Spagna
3. Slovacchia

K1 1000 maschile:
1. Balint Kopasz (Ungheria)
2. Josef Dostal (Rep. Ceca)
3. Fernando Pimenta (Portogallo)

K2 1000 maschile:
1. Germania
2. Spagna
3. Francia

C1 1000 maschile:
1. Isaquias Quieroz (Brasile)
2. Tomasz Kaczor (Polonia)
3. Adrien Bart (Francia)

C2 1000 maschile:
1. Cina
2. Cuba
3. Brasile

K1 200 femminile:
1. Lisa Carrington (Nuova Zelanda)
2. Marta Walczykiewicz (Polonia)
3. Emma Jorgensen (Danimarca)
3. Teresa Portela (Spagna)

C1 200 femminile:
1. Nevin Harrison (USA)
2. Olesia Romasenko (Russia)
3. Alena Nazdrova (Bielorussia)

K1 500 femminile:
1. Lisa Carrington (Nuova Zelanda)
2. Volha Khudzenka (Bielorussia)
3. Danuta Kozak (Ungheria)

K2 500 femminile:
1. Bielorussia
2. Polonia
3. Slovenia

K4 500 femminile:
1. Ungheria
2. Bielorussia
3. Polonia

C2 500 femminile:
1. Cina
2. Ungheria
3. Bielorussia

 

CANOA SLALOM (Mondiali 2019):

C1 maschile:
1. Cédric Joly (Francia)
2. Ander Elosegi (Spagna)
3. Luka Bozic (Slovenia)

K1 maschile:
1. Jiri Prskavec (Repubblica Ceca)
2. David Llorente (Spagna)
3. Joan Crespo (Spagna)

C1 femminile:
1. Andrea Herzog (Germania)
2. Jessica Fox (Australia)
3. Nadine Weratschnig (Austria)

K1 femminile:
1. Eva Tercelj (Slovenia)
2. Jessica Fox (Australia)
3. Luuka Jones (Nuova Zelanda)

CANOTTAGGIO (Mondiali 2019):

Singolo maschile:
1. Oliver Zeidler (Germania)
2. Sverri Sandberg Nielsen (Danimarca)
3. Kjetil Borch (Norvegia)

Singolo femminile:
1. Sanita Puspure (Irlanda)
2. Emma Twigg (Nuova Zelanda)
3. Kara Kohler (USA)

Due senza maschile:
1. Sinkovic/Sinkovic (Croazia)
2. Murray/Blake (Nuova Zelanda)
3. Hardy/Hicks (Australia)

Due senza femminile:
1. Prendergast/Gowler (Nuova Zelanda)
2. Morrison/McIntyre (Australia)
3. Filmer/Janssens (Canada)

Doppio maschile:
1. Zhiyu/Liang (Cina)
2. Doyle/Byrne (Irlanda)
3. Zietarski/Biskup (Polonia)

Doppio femminile:
1. Donoghue/Loe (Nuova Zelanda)
2. Ancuta-Bodnar/Radis (Romania)
3. De Jong/Scheenaard (Paesi Bassi)

Quattro senza maschile:
1. Polonia
2. Romania
3. Gran Bretagna

Quattro senza femminile:
1. Australia
2. Paesi Bassi
3. Danimarca

Quattro di coppia maschile:
1. Paesi Bassi
2. Polonia
3. Italia

Quattro di coppia femminile:
1. Cina
2. Polonia
3. Paesi Bassi

Otto maschile:
1. Germania
2. Paesi Bassi
3. Gran Bretagna

Otto femminile:
1. Nuova Zelanda
2. Australia
3. USA

Doppio pesi leggeri maschile:
1. McCarthy/O’Donovan (Irlanda)
2. Oppo/Ruta (Italia)
3. Rommelmann/Osborne (Germania)

Doppio pesi leggeri femminile:
1. McBride/Kiddle (Nuova Zelanda)
2. Keijser/Paulis (Paesi Bassi)
3. Craig/Grant (Gran Bretagna)

 

CICLISMO SU STRADA (Mondiali 2019):

Corsa in linea maschile:
1. Mads Pedersen (Danimarca)
2. Matteo Trentin (Italia)
3. Stefan Kueng (Svizzera)

Corsa in linea femminile:
1. Annemiek van Vleuten (Paesi Bassi)
2. Anna van der Breggen (Paesi Bassi)
3. Amanda Spratt (Australia)

Cronometro maschile:
1. Rohan Dennis (Australia)
2. Remco Evenepoel (Belgio)
3. Filippo Ganna (Italia)

Cronometro femminile:
1. Chloé Dygert (USA)
2. Anna va der Breggen (Paesi Bassi)
3. Annemiek van Vleuten (Paesi Bassi)

 

CICLISMO SU PISTA (Mondiali 2019):

Velocità individuale maschile:
1. Harrie Lavreysen (Paesi Bassi)
2. Jeffrey Hoogland (Paesi Bassi)
3. Mateusz Rudyk (Polonia)

Velocità individuale femminile:
1. Lee Wai Sze (Hong Kong)
2. Stephanie Morton (Australia)
3. Mathilde Gros (Francia)

Velocità a squadre maschile:
1. Paesi Bassi
2. Francia
3. Russia

Velocità a squadre femminile:
1. Australia
2. Russia
3. Germania

Inseguimento a squadre maschile:
1. Australia
2. Gran Bretagna
3. Danimarca

Inseguimento a squadre femminile:
1. Australia
2. Gran Bretagna
3. Nuova Zelanda

Keirin maschile:
1) Matthijs Buechli (Paesi Bassi)
2) Yudai Nitta (Giappone)
3) Stefan Boetticher (Germania)

Keirin femminile:
1. Lee Wai Sze (Hong Kong)
2. Kaarle McCulloch (Australia)
3. Daria Shmeleva (Russia)

Omnium maschile:
1. Campbell Stewart (Nuova Zelanda)
2. Benjamin Thomas (Francia)
3. Ethan Hayter (Gran Bretagna)

Omnium femminile:
1. Kirsten Wild (Paesi Bassi)
2. Letizia Paternoster (Italia)
3. Jennifer Valente (USA)

Madison maschile:
1. Germania
2. Danimarca
3. Belgio

Madison femminile:
1. Paesi Bassi
2. Australia
3. Danimarca

 

CICLISMO – MOUNTAIN BIKE (Mondiali 2019):

Cross-country maschile:
1. Nino Schurter (Svizzera)
2. Mathias Flueckiger (Svizzera)
3. Stephane Tempier (Francia)

Cross-country femminile:
1. Pauline Ferrand-Prevot (Francia)
2. Jolanda Neff (Svizzera)
3. Rebecca McConnell (Australia)

 

CICLISMO – BMX (Mondiali 2019 per racing e Mondiali 2018 per freestyle):

Racing maschile:
1. Twan van Gendt (Paesi Bassi)
2. Niek Kimmann (Paesi Bassi)
3. Sylvain André (Francia)

Racing femminile:
1. Alise Willoughby (USA)
2. Laura Smulders (Olanda)
3. Axelle Etienne (Francia)

Freestyle maschile:
1. Justin Dowell (USA)
2. Kenneth Tencio Esquivel (Costa Rica)
3. Brandon Loupos (Australia)

Freestyle femminile:
1. Perris Benegas (USA)
2. Angie Marino (USA)
3. Hannah Roberts (USA)

 

EQUITAZIONE (World Equestrian Games 2018):

Dressage Individuale
1. Isabell Werth (Germania)
2. Laura Graves (USA)
3. Charlotte Dujardin (Gran Bretagna)
Dressage Squadre
1. Germania
2. USA
3. Gran Bretagna
Salto ostacoli Individuale:
1. Simone Blum (Germania)
2. Martin Fuchs (Svizzera)
3. Steve Guerdat (Svizzera)
Salto ostacoli Squadre:
1. USA
2. Svezia
3. Germania
Completo Individuale:
1 Rosalind Canter (Gran Bretagna)
2 Padraig McCarthy (Irlanda)
3 Ingrid Klimke (Germania)
Completo Squadre:
1 Gran Bretagna
2 Irlanda
3 Francia

GINNASTICA ARTISTICA (Mondiali 2019):

Gara a squadre maschile:
1. Russia
2. Cina
3. Giappone

Concorso generale individuale maschile:
1. Nikita Nagornyy (Russia)
2. Artur Dalaloyan (Russia)
3. Oleg Verniaiev (Ucraina)

Corpo libero maschile:
1. Carlos Yulo (Filippine)
2. Artem Dolgopyat (Israele)
3. Xiao Ruoteng (Cina)

Cavallo con maniglie:
1. Max Whitlock (Gran Bretagna)
2. Lee Chih-kai (Cina Taipei)
3. Rhys McClenaghan (Irlanda)

Anelli:
1. Ibrahim Colak (Turchia)
2. Marco Lodadio (Italia)
3. Samir Ait Said (Francia)

Volteggio maschile:
1. Nikita Nagornyy (Russia)
2. Artur Dalaloyan (Russia)
3. Igor Radivilov (Ucraina)

Parallele pari:
1. Joe Fraser (Gran Bretagna)
2. Ahmet Onder (Turchia)
3. Kazuma Kaya (Giappone)

Sbarra:
1. Arthur Mariano (Brasile)
2. Tin Srbic (Croazia)
3. Artur Dalaloyan (Russia)

Concorso a squadre femminile:
1. USA
2. Russia
3. Italia

Concorso generale individuale femminile:
1. Simone Biles (USA)
2. Tang Xijing (Cina)
3. Angelina Melnikova (Russia)

Volteggio femminile:
1. Simone Biles (USA)
2. Jade Carey (USA)
3. Elissa Downie (Gran Bretagna)

Parallele asimmetriche:
1. Nina Derwael (Belgio)
2. Rebecca Downie (Gran Bretagna)
3. Sunisa Lee (USA)

Trave:
1. Simone Biles (USA)
2. Liu Tingting (Cina)
3. Li Shijia (Cina)

Corpo libero femminile:
1. Simone Biles (USA)
2. Sunisa Lee (USA)
3. Angelina Melnikova (Russia)

 

GINNASTICA RITMICA (Mondiali 2019):

Concorso generale individuale:
1. Dina Averina (Russia)
2. Arina Averina (Russia)
3. Linoy Ashram (Israele)

Concorso generale a squadre:
1. Russia
2. Giappone
3. Bulgaria

 

GOLF (Ranking Internazionali, fine 2018):

Maschile:
  1. Brooks Koepka (USA)
  2. Justin Rose (Gran Bretagna)
  3. Dustin Johnson (USA)

Femminile:

  1. Ariya Yutanugarn (Thailandia)
  2. Park Sung-hyun (Corea del Sud)
  3. Ryu So-yeon (Corea del Sud)

 

HOCKEY PRATO (Mondiali 2018):

Maschile:
1. Belgio
2. Paesi Bassi
3. Australia

Femminile:
1. Paesi Bassi
2. Irlanda
3. Spagna

 

JUDO (Mondiali 2019):

-48 kg femminili:
1. Daria Bilodid (Ucraina)
2. Funa Tonaki (Giappone)
3. Monkhbatyn Utantsetseg (Mongolia)
3. Distria Krasniqi (Kosovo)

-52 kg femminili:
1. Uta Abate (Giappone)
2. Natalia Kuziutina (Russia)
3. Majlinda Kelmendi (Kosovo)
3. Ai Shishime (Giappone)

-57 kg femminili:
1. Christa Deguchi (Canada)
2. Tsukasa Yoshida (Giappone)
3. Julia Kowalczyk (Polonia)
3. Rafaela Silva (Brasile)

-63 kg femminili:
1. Clarisse Agbegnenou (Francia)
2. Miku Tashiro (Giappone)
3. Martyna Trajdos (Germania)
3. Juul Franssen (Paesi Bassi)

-70 kg femminili:
1. Marise-Eve-Gahié (Francia)
2. Barbara Timo (Portogallo)
3. Sally Conway (Gran Bretagna)
3. Margaux Pinot (Francia)

-78 kg femminili:
1. Madeleine Malonga (Francia)
2. Shori Hamada (Giappone)
3. Loriana Kuka (Kosovo)
3. Mayra Aguiar (Brasile)

+78 kg femminili:
1. Akira Sone (Giappone)
2. Idalys Ortiz (Cuba)
3. Kayra Sayit (Turchia)
3. Sarah Asahina (Giappone)

-60 kg maschili:
1. Lukhumi Chkwimiani (Georgia)
2. Sharaffudin Lutfillaev (Uzbekistan)
3. Yeldos Smetov (Kazakhstan)
3. Ryuju Nagayama (Giappone)

-66 kg maschili:
1. Joshiro Maruyama (Giappone)
2. Kim Lim-hwan (Corea del Sud)
3. Hifumi Abe (Giappone)
3. Denis Vieru (Moldavia)

-73 kg maschili:
1. Shohei Ono (Giappone)
2. Rustam Orujov (Azerbaijan)
3. Hidayat Heydarov (Azerbaijan)
3. Denis Yartsev (Russia)

-81 kg maschili:
1. Sagi Muki (Israele)
2. Matthias Casse (Belgio)
3. Antoine Valois-Fortier (Canada)
3. Luka Maisuradze (Georgia)

-90 kg maschili:
1. Noel van ‘t End (Paesi Bassi)
2. Shoichiro Mukai (Giappone)
3. Axel Clerget (Francia)
3. Nemanja Majdov (Serbia)

-100 kg maschili:
1. Jorge Fonseca (Portogallo)
2. Niyaz Ilyasov (Russia)
3. Michael Korrel (Paesi Bassi)
3. Aaron Wolf (Giappone)

+100 kg maschili:
1. Lukas Krpalek (Rep. Ceca)
2. Hisayoshi Harasawa (Giappone)
3. Kim Min-jong (Corea del Sud)
3. Roy Meyer (Paesi Bassi)

Gara a squadre mista:
1. Giappone
2. Francia
3. Russia
3. Brasile

 

KARATE (Mondiali 2018):

67 kg maschile:
1. Steven Da Costa (Francia)
2. Vinicius Figueira (Brasile)
3. Camilo Velozo (Cile)
3. Hamoun Derafshipour (Iran)

75 kg maschile:
1. Bahman Askari (Iran)
2. Luigi Busà (Italia)
3.Rafael Agayev (Azerbaijan)
3. Ken Nishimura (Giappone)

+75 kg maschile:
1. Ivan Kvesic (Croazia)
2. Valerij Chobotar (Ucraina)
3. Zabihollah Poursheib (Iran)
3. Ugur Aktas (Turchia)

55 kg femminile:
1. Dorota Banaszzcyk (Polonia)
2. Jana Bitsch (Germania)
3. Wen Tzu-yun (Cina Taipei)
3. Ivet Goranova (Bulgaria)

61 kg femminile:
1. Jovana Prekovic (Serbia)
2. Yin Xiaoyan (Cina)
3. Btissam Sadini (Marocco)
3. Giana Farouk (Egitto)

+61kg femminile:
1. Irina Zaretska (Azerbaijan)
2. Viktoria Isaeva (Russia)
3. Lamya Matoub (Algeria)
3. Miroslava Kopunova (Serbia)

Kata maschile:
1. Ryo Kiyuna (Giappone)
2. Damian Quintero (Spagna)
3. Ali Sofuloglu (Turchia)
3. Mattia Busato (Italia)

Kata femminile:
1. Sandra Sanchez (Spagna)
2. Kiyou Shimizu (Giappone)
3. Grace Lau (Turchia)
3. Viviana Bottaro (Italia)

 

LOTTA (Mondiali 2019):

LOTTA LIBERA MASCHILE:
57 kg:
1. Zaur Uguev (Russia)
2. Suleyman Atli (Turchia)
3. Nurislam Sanayev (Kazakhstan)
3. Ravi Kumar (India)
65 kg:
1. Gadzimurad Rasidov (Russia)
2. Daulet Niyazbekov (Kazakhstan)
3. Bairang Punia (India)
3. Izmail Muszukajev (Ungheria)
74 kg:
1. Zaurbek Sidakov (Russia)
2. Frank Chamizo (Italia)
3. Zelimkhan Khadijev (Francia)
3. Jordan Burroughs (USA)
86 kg:
1. Hassan Yazdani (Iran)
2. Deepak Punia (India)
3. Stefan Reichmuth (Svizzera)
3. Artur Najfonov (Russia)
97 kg:
1. Abdulrasid Sadulajev (Russia)
2. Serif Serifov (Azerbaijan)
3. Kyle Snyder (USA)
3. Magomedgazdhi Nurov (Macedonia del Nord)
125 kg:
1. Geno Petriashvili (Georgia)
2. Taha Akgul (Turchia)
3. Oleksandr Chocjianivskyj (Ucraina)
3. Khasanboy Rakhimov (Uzbekistan)
LOTTA LIBERA FEMMINILE:
50 kg:
1. Marija Stadnyk (Azerbaijan)
2. Alina Vuc (Romania)
3. Valentina Islamova (Kazakhstan)
3. Ekaterina Polescuk (Russia)
53 kg:
1. Pak Yong-mi (Corea del Nord)
2. Mayu Mukaida (Giappone)
3. Vinesh Phogat (India)
3. Pang Qianyu (Cina)
57 kg:
1. Risako Kawai (Giappone)
2. Rong Ningning (Cina)
3. Iryna Kurackina (Bielorussia)
3. Odunayo Adekuoroye (Nigeria)
62 kg:
1. Aisuluu Tynybekova (Kirghizistan)
2. Taijbe Jusein (Bulgaria)
3. Henna Johansson (Svezia)
3. Yukako Kawai (Giappone)
68 kg:
1. Tamyra Mensah (USA)
2. Jenny Fransson (Svezia)
3. Soronzonbold Battsetseg (Mongolia)
3. Anna Schell (Germania)
76 kg:
1. Adeline Gray (USA)
2. Hiroe Suzuki (Giappone)
3. Epp Mae (Estonia)
3. Aline Focken (Germania)
LOTTA GRECO-ROMANA:
60 kg:
1. Kenichiro Fumita (Giappone)
2. Sergej Emelin (Russia)
3. Meirambek Ainagutov (Kazakhstan)
3. Alireza Nejati (Iran)
67 kg:
1. Ismael Borrero (Cuba)
2. Artem Surkov (Russia)
3. Frank Stabler (Germania)
3. Mate Nemes (Serbia)
77 kg:
1. Tamas Lorincz (Ungheria)
2. Alex Kessidis (Svezia)
3. Mohammadali Geraei (Iran)
3. Jalgasbay Berdimuratov (Uzbekistan)
87 kg:
1. Zan Belenjuk (Ucraina)
2. Viktor Lorincz (Ungheria)
3. Rustam Assakalov (Uzbekistan)
3. Denis Kudla (Germania)
97 kg:
1. Musa Evloev (Russia)
2. Artour Aleksanyan (Armenia)
3. Mihail Kadzaja (Serbia)
3. Cenk Ildem (Turchia)
130 kg:
1. Riza Kayaalp (Turchia)
2. Oscar Pino (Cuba)
3. Heiki Nabi (Estonia)
3. Iakob Kajaia (Georgia)

NUOTO (Mondiali 2019):

50 stile libero maschili:
1. Caeleb Dressel (USA)
2. Bruno Fratus (Brasile)
2. Kristian Golomeev (Grecia)
50 stile libero femminili
1. Simone Manuel (USA)
2. Sarah Sjoestroem (Svezia)
3. Cate Campbell (Australia)
100 stile libero maschili
1. Caeleb Dressel (USA)
2. Kyle Chalmers (Australia)
3. Vladislav Grinev (Russia)
100 stile libero femminili
1. Simone Manuel (USA)
2. Cate Campbell (Australia)
3. Sarah Sjoestroem (Svezia)
200 stile libero maschili
1. Sun Yang (Cina)
2. Katsuhiro Matsumoto (Giappone)
3. Martin Maljutin (Russia)
3. Duncan Scott (Gran Bretagna)
200 stile libero femminili
1. Federica Pellegrini (Italia)
2. Ariarne Titmus (Australia)
3. Sarah Sjoestroem (Svezia)
400 stile libero maschili
1. Sun Yang (Cina)
2. Mack Horton (Australia)
3. Gabriele Detti (Italia)
400 stile libero femminili
1. Ariarne Titmus (Australia)
2. Katie Ledecky (USA)
3. Leah Smith (USA)
800 stile libero maschili
1. Gregorio Paltrinieri (Italia)
2. Henrik Christiansen (Norvegia)
3. David Aubry (Francia)
800 stile libero femminili
1. Katie Ledecky (USA)
2. Simona Quadarella (Italia)
3. Ariarne Titmus (Australia)
1500 stile libero maschili
1. Florian Wellbrock (Germania)
2. Mykhailo Romanchuk (Ucraina)
3. Gregorio Paltrinieri (Italia)
1500 stile libero femminili
1. Simona Quadarella (Italia)
2. Sarah Koehler (Germania)
3. Wang Jiangiahe (Cina)
100 dorso maschili
1. Xu Jiayu (Cina)
2. Jevgeny Rylov (Russia)
3. Mitch Larkin (Australia)
100 dorso femminili
1. Kylie Masse (Canada)
2. Minna Atherton (Australia)
3. Olivia Smoliga (USA)
200 dorso maschili
1. Jevgeny Rylov (Russia)
2. Ryan Murphy (USA)
3. Luke Greenbank (Gran Bretagna)
200 dorso femminili
1. Regan Smith (USA)
2. Kaylee McKeown (Australia)
3. Kyle Masse (Canada)
100 rana maschili
1. Adam Peaty (Gran Bretagna)
2. James Wilby (Gran Bretagna)
3. Yan Zibei (Cina)
100 rana femminili
1. Lilly King (USA)
2. Yulya Efimova (Russia)
3. Martina Carraro (Italia)
200 rana maschili
1. Anton Chupkov (Russia)
2. Matthew Wilson (Australia)
3. Ippei Watanabe (Giappone)
200 rana femminili
1. Yuliya Efimova (Russia)
2. Tatjana Schoenmaker (Sudafrica)
3. Sydney Pickrem (Canada)
100 farfalla maschili

1. Caeleb Dressel (USA)
2. Andrey Minakov (Russia)
3. Chad le Clos (Sudafrica)

100 farfalla femminili
1. Margaret MacNeil (Canada)
2. Sarah Sjoestroem (Svezia)
3. Emma McKeon (Australia)
200 farfalla maschili
1. Kristof Milak (Ungheria)
2. Daiya Seto (Giappone)
3. Chad le Clos (Sudafrica)
200 farfalla femminili
1. Boglarka Kapas (Ungheria)
2. Hali Flickinger (USA)
3. Katie Drabot (USA)
200 misti maschili
1. Daiya Seto (Giappone)
2. Jeremy Desplanches (Svizzera)
3. Chase Kalisz (USA)
200 misti femminili
1. Katinka Hosszu (Ungheria)
2. Ye Shiwen (Cina)
3. Sydney Pickrem (Canada)
400 misti maschili
1. Daiya Seto (Giappone)
2. Jay Litherland (USA)
3. Lewis Clareburt (Nuova Zelanda)
400 misti femminili
1. Katinka Hosszu (Ungheria)
2. Ye Shiwen (Cina)
3. Yui Ohashi (Giappone)
4×100 stile libero maschile
1. USA
2. Russia
3. Australia
4×100 stile libero femminile
1. Australia
2. USA
3. Canada
4×200 stile libero maschile
1. Australia
2. Russia
3. USA
4×200 stile libero femminile
1. Australia
2. USA
3. Canada
4×100 mista maschile
1. Gran Bretagna
2. USA
3. Russia
4×100 mista femminile
1. USA
2. Australia
3. Canada
4×100 mista mista:
1. Australia
2. USA
3. Gran Bretagna

NUOTO DI FONDO (Mondiali 2019):

10 km maschile:
1. Florian Wellbrock (Germania)
2. Marc-Antoine Olivier (Francia)
3. Rob Muffels (Germania)
10 km femminile:
1. Xin Xin (Cina)
2. Haley Anderson (USA)
3. Rachele Bruni (Italia)

NUOTO SINCRONIZZATO (Mondiali 2019):

N.B.: Ai Mondiali si svolgono libero e tecnico separati, alle Olimpiadi vengono sommati i punteggi.
Duo:
1. Kolesnichenko/Romasina (Russia)
2. Xuechen/Wenyan (Cina)
3. Fjedina/Savchuk (Ucraina)
Squadre:
1. Russia
2. Cina
3. Ucraina

PALLAMANO (Mondiali 2019):

Maschile:
1. Danimarca
2. Norvegia
3. Francia

Femminile:
1. Olanda
2. Spagna
3. Russia

PALLANUOTO (Mondiali 2019):

Maschile:
1. Italia
2. Spagna
3. Croazia

Femminile:
1. USA
2. Spagna
3. Australia

VOLLEY (Mondiali 2018):

Maschile:
1. Polonia
2. Brasile
3. USA
Femminile:
1. Serbia
2. Italia
3. Cina

PENTATHLON (Mondiali 2019):

Femminile:
1. Volha Silkina (Bielorussia)
2. Elena Micheli (Italia)
3. Kate French (Gran Bretagna)

Maschile:
1. Valentin Belaud (Francia)
2. Joseph Choong (Gran Bretagna)
3. Jun Woong-tae (Corea del Sud)

RUGBY A 7 (Mondiali 2018):

Maschile:
1. Nuova Zelanda
2. Inghilterra
3. Sudafrica
Femminile:
1. Nuova Zelanda
2. Francia
3. Australia

SCHERMA (Mondiali 2019):

Fioretto maschile:
1. Enzo Lefort (Francia)
2. Marcus Mepstead (Gran Bretagna)
3. Son Young-ki (Corea del Sud)
3. Dmitriy Zherebchenko (Russia)

Spada maschile:
1. Gergely Siklosi (Ungheria)
2. Sergey Bida (Russia)
3. Andrea Santarelli (Italia)
3. Igor Reizlin (Ucraina)

Sciabola maschile:
1. Oh Sang-uk (Corea del Sud)
2. Andras Szatmari (Ungheria)
3. Mojtaba Abedini (Iran)
3. Luca Curatoli (Italia)

Fioretto femminile:
1. Inna Deriglazova (Russia)
2. Pauline Ranvier (Francia)
3. Arianna Errigo (Italia)
3. Elisa Di Francisca (Italia)

Spada femminile:
1. Nathalie Moelhausen (Brasile)
2. Lin Sheng (Cina)
3. Olena Kryvytska (Ucraina)
3. Vivian Kong (Hong Kong)

Sciabola femminile:
1. Olga Kharlan (Ucraina)
2. Sofya Velikaya (Russia)
3. Theodora Gkountoura (Grecia)
3. Bianca Pascu (Romania)

Fioretto Squadre maschile:
1. USA
2. Francia
3. Italia

Fioretto Squadre femminile:
1. Russia
2. Italia
3. USA

Spada squadre maschile:
1. Francia
2. Ucraina
3. Svizzera

Spada squadre femminile:
1. Cina
2. Russia
3. Italia

Sciabola squadre maschile:
1. Corea del Sud
2. Ungheria
3. Italia

Sciabola squadre femminile:
1. Russia
2. Francia
3. Corea del Sud

 

SKATEBOARD (Mondiali 2019):

Park maschile:
1. Heimana Reynolds (USA)
2. Luiz Francisco (Brasile)
3. Pedro Quintas (Brasile)

Park femminile:
1. Misugu Okamoto (Giappone)
2. Sakura Yosozumi (Giappone)
3. Sky Brown (Gran Bretagna)

Street maschile:
1. Nyjah Huston (USA)
2. Yuto Horigome (Giappone)
3. Gustavo Ribeiro (Portogallo)

Street femminile:
1. Pamela Rosa (Brasile)
2. Rayssa Leal (Brasile)
3. Aori Nishimura (Giappone)

 

SOLLEVAMENTO PESI (Mondiali 2019):

49 kg femminili:
1. Jiang Huihua (Cina)
2. Hou Zhihui (Cina)
3. Ri Song-gum (Corea del Nord)

55 kg femminili:
1. Liao Qiuyun (Cina)
2. Zhang Wanqiong (Cina)
3. Hidyilyn Diaz (Filippine)

59 kg femminili:
1. Kuo Hsing-chun (Cina Taipei)
2. Choe Hyo-sim (Corea del Nord)
3. Chen Guiming (Cina)

64 kg femminili:
1. Deng Wei (Cina)
2. Rim Un-sim (Corea del Nord)
3. Loredana Toma (Romania)

76 kg femminili:
1. Rim Jong-sim (Corea del Nord)
2. Zhang Wangli (Cina)
3. Neisi Dajomes (Ecuador)

87 kg femminili:
1. Wang Zhouyu (Cina)
2. Kim Un-ju (Corea del Nord)
3. Tamara Salazar (Ecuador)

+87 kg femminili:
1. Li Wenwen (Cina)
2. Tatyana Kasirina (Russia)
3. Meng Suping (Cina)

61 kg maschili:
1. Li Fabin (Cina)
2. Eko Yuli Irawan (Indonesia)
3. Francisco Mosquera (Colombia)

67 kg maschili:
1. Chen Lijun (Cina)
2. Feng Ludong (Cina)
3. Pak Jon-ju (Corea del Nord)

73 kg maschili:
1. Shi Zhiyong (Cina)
2. O Kang-chol (Corea del Nord)
3. Bozidar Andreev (Bulgaria)

81 kg maschili:
1. Lu Xiaojun (Cina)
2. Li Dayin (Cina)
3. Brayam Rodallegas (Colombia)

96 kg maschili:
1. Tian Tao (Cina)
2. Faris Ibrahim (Qatar)
3. Anton Pliesnoi (Georgia)

109 kg maschili:
1. Simon Martirosyan (Armenia)
2. Andrej Aramnau (Bielorussia)
3. Yang Zhe (Cina)

+109 kg maschili:
1. Lasha Talakhadze (Georgia)
2. Gor Minasyan (Armenia)
3. Ruben Aleksanyan (Armenia)

 

SOFTBALL (Mondiali 2018):

1. USA
2. Giappone
3. Canada

 

SURF (World Surfing Games 2019):

Competizione maschile:
1. Italo Fereira (Brasile)
2. Kolohe Andino (USA)
3. Gabriel Medina (Brasile)
Competizione femminile:
1. Sofia Mulanovich (Perù)
2. Silvana Lima (Brasile)
3. Bianca Buitendag (Sudafrica)

 

TAEKWONDO (Mondiali 2019):

-58 kg maschili:
1. Jang Jun (Corea del Sud)
2. Brandon Plaza (Messico)
3. Rui Bragança (Portogallo)
3. Lucas Guzman (Argentina)

-68 kg maschili:
1. Bradly Sinden (Gran Bretagna)
2. Javier Perez (Spagna)
3. Aleksey Denisenko (Russia)
3. Lee Dae-hoon (Corea del Sud)

-80 kg maschili:
1. Milad Beigi (Azerbaijan)
2. Apostolos Telikostoglou (Grecia)
3. Moises Hernandez (Repubblica Dominicana)
3. Park Woo-hyeok (Corea del Sud)

+80 kg maschili (risultati dei +87 kg ai Mondiali):
1. Rafael Alba (Cuba)
2. Carlos Sansores (Messico)
3. Hamza Kattan (Giordania)
3. Maicon Andrade (Brasile)

-49 kg femminili:
1. Panipak Wongpattanakit (Thailandia)
2. Wu Jingyu (Cina)
3. Kristina Tomic (Croazia)
3. Rukiye Yildirim (Turchia)

-57 kg femminili:
1. Jade Jones (Gran Bretagna)
2. Lee Ah-reum (Corea del Sud)
3. Skylar Park (Canada)
3. Zhou Lijun (Cina)

-67 kg femminili:
1. Zhang Mengyu (Cina)
2. Nur Tatar (Turchia)
3. Farida Azizova (Azerbaijan)
3. Milena Titoneli (Brasile)

+67 kg femminili (risultati dei +73 kg ai Mondiali):
1. Bianca Walkden (Gran Bretagna)
2. Zheng Shuyin (Cina)
3. Briseida Acosta (Messico)
3. Doris Pole (Croazia)

 

TENNIS (Ranking ATP e WTA, fine 2019):

Singolare maschile:
1. Rafael Nadal (Spagna)
2. Novak Djokovic (Serbia)
3. Roger Federer (Svizzera)
Singolare femminile:
1. Ashleigh Barty (Australia)
2. Karolina Pliskova (Repubblica Ceca)
3. Naomi Osaka (Giappone)
Doppio maschile:
1. Cabal/Robert (Colombia)
2. Mahut/Hugues Herbert (Francia)
3. Krawietz/Mies (Germania)
Doppio femminile:
Non ci sono coppie con atlete connazionali nella top 20.

Doppio misto:
Non ci sono riferimenti.

 

TENNISTAVOLO (Mondiali 2019, squadre Mondiali 2018):

Singolare maschile:
1. Ma Long (Cina)
2. Mattias Falck (Svezia)
3. Liang Jingkun (Cina)
3. An Jae.hyun (Corea del Sud)
Singolare femminile:
1. Liu Shiwen (Cina)
2. Chen Meng (Cina)
3. Ding Ning (Cina)
3. Wang Manyu (Cina)
Squadre maschile:
1. Cina
2. Germania
3. Svezia
3. Corea del Sud
Squadre femminile:
1. Cina
2. Giappone
3. Hong Kong
3. Corea Unificata
Doppio misto:
1. Xiu Xin / Liu Shiwen (Cina)
2. Maharu Yoshimura / Kasumi Ishikawa (Giappone)
3. Fang Zendong / Ding Ning (Cina)
3. Patrick Franziska / Petrissa Solja (Germania)

 

TIRO A SEGNO (Mondiali 2018):

Carabina 10 metri maschile:
1. Sergey Kamenskiy (Russia)
2. Petar Gorsa (Croazia)
3. Miran Maricic (Croazia)
Carabina tre posizioni 50 metri maschile:
1. Tomasz Bartnik (Polonia)
2. Petar Gorsa (Croazia)
3. Michael McPhail (USA)
Pistola 10 metri maschile:
1. Jin Jongoh (Corea del Sud)
2. Artem Chernousov (Russia)
3. Lee Daemyung (Corea del Sud)
Pistola automatica 25 metri maschile:
1. Lin Junmin (Cina)
2. Zhang Jian (Cina)
3. Jean Quiquampoix (Francia)
Carabina 10 metri femminile:
1. Im Hana (Corea del Sud)
2. Anjum Moudgil (India)
3. Jung Eunhea (Corea del Sud)
Carabina tre posizioni 50 metri femminile:
1. Yulia Karimova (Russia)
2. Isabella Straub (Germania)
3. Snjezana Pejcic (Croazia)
Pistola 10 metri femminile:
1. Anna Korakaki (Grecia)
2. Zorana Arunovic (Serbia)
3. Kim Bomi (Corea del Sud)
Pistola 25 metri femminile:
1. Olena Kostevych (Ucraina)
2. Vitalina Batsarashkina (Russia)
3. Doreen Vennekamp (Germania)
Carabina 10 metri mista:
1. Zhao Ruozhu / Yang Haoran (Cina)
2. Wu Mingyang / Song Buhan (Cina)
3. Anastasiia Galashina / Vladimir Maslennikov (Russia)
Pistola 10 metri mista:
1. Vitalina Batsarashkina / Artem Chernousov (Russia)
2. Wang Qian / Wang Meng Yi (Cina)
3. Olena Kostevych / Oleh Omelchuk (Ucraina)

TIRO A VOLO (Mondiali 2019):

Trap maschile:
1. Matthew Coward-Holley (Gran Bretagna)
2. Mauro De Filippis (Italia)
3. Jaled Al-Mudhaf (Kuwait)
Trap femminile:
1. Ashley Carroll (USA)
2. Wang Xiaojing (Cina)
3. Fatima Galvez (Spagna)
Skeet maschile:
1. Tomas Nydrie (Repubblica Ceca)
2. Tammaro Cassandro (Italia)
3. Jeremy Bird (Gran Bretagna)
Skeet femminile:
1. Diana Bacosi (Italia)
2. Wei Meng (Cina)
3. Victoria Larsson (Svezia)
Trap misto:
1. Laetisha Scanlan/James Willett (Australia)
2. Yuliya Savelieva/Maxim Smykov (Russia)
3. Penny Smith/Thomas Grice (Australia)

TIRO CON L’ARCO (Mondiali 2019):

Individuale maschile:
1. Brady Ellison (USA)
2. Khairul Anuar Mohamad (Malesia)
3. Ruman Shana (Bangladesh)
Individuale femminile:
1. Lei Chien-ying (Cina Taipei)
2. Kang Chae Young (Corea del Sud)
3. Choi Mi-sun (Corea del Sud)
Gara a squadre maschile:
1. Cina
2. India
3. Corea del Sud
Gara a squadre femminile:
1. Cina Taipei
2. Corea del Sud
3. Gran Bretagna
Gara a squadre mista:
1. Corea del Sud
2. Paesi Bassi
3. Italia

 

TRAMPOLINO ELASTICO (Mondiali 2019):

Individuale maschile:
1. Gao Lei (Cina)
2. Ivan Litvinovich (Bielorussia)
3. Dong Dong (Cina)

Individuale femminile:
1. Hikaru Mori (Giappone)
2. Chisato Doihata (Giappone)
3. Rosannagh MacLennan (Canada)

 

TRIATHLON (World Series 2019, Mondiali 2019 per la staffetta mista):

Maschile:
1. Vincent Luis (Francia)
2. Mario Mola (Spagna)
3. Javier Gomez (Spagna)

Femminile:
1. Katie Zaferes (USA)
2. Jessica Learmonth (Gran Bretagna)
3. Georgia Taylor-Brown (Gran Bretagna)

Staffetta mista:
1. Francia
2. Germania
3. Australia

 

TUFFI (Mondiali 2019):

3 Metri maschile:
1. Xie Siyi (Cina)
2. Cao Yuan (Cina)
3. Jack Laugher (Gran Bretagna)

Piattaforma maschile:
1. Yang Jian (Cina)
2. Yang Hao (Cina)
3. Oleksandr Bondar (Russia)

3 Metri Sincro maschile:
1. Yuan/Siyi (Cina)
2. Goodfellow/Laugher (Gran Bretagna)
3. Castillo/Celaya (Messico)

Piattaforma Sincro maschile:
1. Yuan/Aisen (Cina)
2. Bondar/Minibaev (Russia)
3. Daley/Lee (Gran Bretagna)

3 Metri femminile:
1. Shi Tingmao (Cina)
2. Wang Han (Cina)
3. Maddison Keeney (Australia)

Piattaforma femminile:
1. Chen Yuxi (Cina)
2. Lu Wei (Cina)
3. Delaney Schnell (USA)

3 Metri Sincro femminile:
1. Shi/Wang (Cina)
2. Abel/Citrini-Beaulieu (Canada)
3. Espinosa/Hernandez (Messico)

Piattaforma Sincro femminile:
1. Lu/Zhang (Cina)
2. Yee Leong/Rinong (Malesia)
3. Bromberg/Young (USA)

 

VELA (Mondiali 2019-2020):

470 maschile:
1. Belcher/Ryan (Australia)
2. Xammar/Rodriguez (Spagna)
3. Dahlberg/Bergstroem (Svezia)

470 femminile:
1. Mills/McIntyre (Gran Bretagna)
2. Yoshida/Yosnioka (Giappone)
3. Lecointre/Retornaz (Francia)

49er (2020):
1. Burling/Tuke (Nuova Zelanda)
2. Botin/Lopez Marra (Spagna)
3. Heil/Ploessel (Germania)

49er FX (2020):
1. Echegoyen/Barcelò (Spagna)
2. Dobson/Tidey (Gran Bretagna)
3. Roble/Shea (USA)

Finn:
1. Zsombor Berecz (Ungheria)
3. Max Salminen (Svezia)
3. Pieter-Jan Posma (Paesi Bassi)

Laser (2020):
1. Philipp Buhl (Germania)
2. Matt Wearn (Australia)
3. Tonci Stipanovic (Croazia)

Laser Radial:
1. Anne-Marie Rindom (Danimarca)
2. Marit Boumweester (Paesi Bassi)
3. Alison Young (Gran Bretagna)

Nacra 17 (2020):
1. Gimson/Burnet (Gran Bretagna)
2. N. Outteridge/H. Outterdige (Australia)
3. Waterhouse/Darmanin (Australia)

RS:X maschile:
1. Kiran Badloe (Paesi Bassi)
2. Dorian van Rijsselberghe (Paesi Bassi)
3. Pierre Le Coq (Francia)

RS:X femminile:
1. Lu Yunxiu (Cina)
2. Katy Spychakov (Israele)
3. Lillian de Geus (Paesi Bassi)

 

CLICCA PAGINA 1 PER IL MEDAGLIERE VIRTUALE ED I PODI DELL’ITALIA





Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto:  Ink Drop / Shutterstock.com

Pagine: 1 2

13 Commenti

13 Comments

  1. giuforest

    31 Luglio 2019 at 12:57

    Mi auguro che a Tokyo non sarà così perché altrimenti sarà un fallimento, 7 medaglie d’oro per una nazione come l’Italia sono davvero poche, dovremmo rientrare almeno tra i primi 10 per far si che sia una buona Olimpiade, paghiamo cara l’assenza di medaglie d’oro nello scherma, se l’anno prossimo si ripeterà il mondiale di scherma di quest’anno l’Olimpiade fallirà ancora prima di iniziare, perché se non vincessimo ori nella disciplina che per noi dovrebbe essere una miniera d’oro buonanotte al secchio come si vuol dire! Mi auguro davvero che non si ripetano le prestazioni dello scherma di quest’anno altrimenti saranno cavoli amari, spero davvero che alle Olimpiadi sarà un’altra storia e che Giomi e la federazione ne prendano atto perché parliamoci chiaro, non è accettabile che l’Italia nello scherma non vinca neanche una medaglia d’oro, va bene in altre discipline ma nello scherma proprio no, capisco la concorrenza ma l’Italia deve farsi rispettare in uno sport dove dovrebbe sfondare

    • Lorenzo1984

      31 Luglio 2019 at 17:22

      Capisco che bisogna puntare sempre al meglio e al massimo però chiamare fallimentare o disastrosa un’Olimpiade con 36 medaglie (con 7 ori) mi pare eccessivo.

      • Lorenzo1984

        31 Luglio 2019 at 17:30

        36 medaglie l’Italia le ha raggiunte 2 volte nella storia delle Olimpiadi: Los Angeles 32 e Roma 60, nelle ultime 3 Olimpiadi l’Italia ha preso 8 Ori, non molti di più degli eventuali 7 Ori.

        • giuforest

          31 Luglio 2019 at 19:43

          Mah onestamente non credo conti solo la quantità delle medaglie ma anche il valore, 7 ori per l’Italia sono pochi così come non raggiungere la top ten, pochi considerando che non ne abbiamo vinto nemmeno uno nello scherma dove dovremmo dominare! L’Olanda ha vinto solo una medaglia in più di noi ma molto più ori di noi, conta anche questo, poi nessuno pretende che l’Italia arrivi a 14, 15 ori ma alla top ten almeno negli sport estivi l’Italia ci dovrebbe stare sempre come accade sempre dal 96, i bronzi sono troppi rispetto agli argenti e agli ori, poi per carità ci sta portare a casa alcuni bronzi ma quando poi diventano troppi rispetto al resto delle medaglie onestamente da tifoso non li gradisco molto, significa che la mentalità non è del tutto vincente e mi riferisco in particolare modo allo scherma dove almeno all’olimpiade non possiamo permetterci passi falsi, parlo di una disciplina in cui l’Italia negli ultimi anni abbiamo vinto più volte il medagliere, non vincere nessuna medaglia d’oro sarebbe un fallimento in questo sport e rischierebbe di contribuire in modo molto negativo all’olimpiade, cmq mi auguro davvero che all’olimpiade sarà un’altra storia, poi è vero a Rio e a Londra abbiamo vinto 8 ori ma almeno eravamo in top ten

          • Lorenzo1984

            1 Agosto 2019 at 11:14

            Se l’Italia si mantiene costante con le sue 7-8-9 medaglie d’oro e le sue circa 30 medaglie totali, ma allo stesso tempo perde la top ten nella Classifica generale non è un problema dell’Italia, il problema nascerebbe se passi dalle 8 medaglie d’oro a 4-5 oppure se passi dalle 30 medaglie totali a 20…la posizione nel medagliere totale non dipende solo da noi. Se la Croazia (per esempio) vince 15 medaglie d’Oro l’Italia può farci ben poco, l’obiettivo è mantenersi costanti…se poi si vuole parlare dei vari sport allora il discorso cambia e sarebbe molto lungo, la Scherma alle Olimpiadi con 0 medaglie non sarebbe una bella notizia, ma prenderne 0 d’Oro ma comunque con 8 totali non farebbe della Scherma un movimento in crisi o un disastro, semplicemente saremmo (o siamo visti i Mondiali) in un periodo senza Campionissimi ma con tanti ottimi atleti competitivi, e non è mica sempre un male.

        • cavabara

          1 Agosto 2019 at 09:09

          Lorenzo hai ragione a dire che abbiamo raggiunto 36 medaglie solo in 2 occasioni ma è altrettanto vero che il numero degli sport e delle medaglie in palio è aumentato negli ultimi anni quindi ci si aspetterebbe qualche medaglia in più del passato.
          Poi dobbiamo sottolineare che grazie alla globalizzazione è aumentato anche il numero di nazioni che presentano atleti buoni e/o ottimi e quindi è più difficile raggiungere il podio.
          Cmq preferisco partire da sfavorito per la top 10 e poi fare faville a Tokyo piuttosto che partire da favorito per poi racimolare meno del previsto 🙂

          • giuforest

            1 Agosto 2019 at 13:33

            Infatti per quello penso che 7 medaglie d’oro sono poche, proprio perché il numero delle discipline è aumentato, ad esempio c’è anche il karate che spesso dà soddisfazioni all’Italia e poi nello scherma secondo me si possono vincere tutte le medaglie di bronzo e argento di questo mondo ma una nazionale come l’Italia almeno una medaglia d’oro dovrebbe portarla a casa sempre (pensiamo anche al fatto che uno 0 titoli ai mondiali non accadeva dal 1987!), comunque mi auguro che l’Italia vada in top ten, indipendentemente dalla quantità di medaglie una delle prime cose che cade all’occhio è la posizione del medagliere, poi è vero anch’io preferisco raccogliere meno del previsto a questi mondiali piuttosto che alle olimpiadi, a Rio ad esempio ci eravamo presentati con 4-5 ori ai mondiali per poi vincerne il doppio alle olimpiadi, mi auguro che la stessa cosa accada a Tokyo, del resto in una competizione come le Olimpiadi l’Italia dovrebbe esaltarsi data la sua importanza, per cui mi auguro che alle olimpiadi sarà un’altra storia!

  2. OLIMPIONICO

    29 Luglio 2019 at 18:26

    Sono sicuro che SCHERMA, CICLISMO, TIRO CON L’ ARCO, si riscatteranno e ci porteranno 5 ORI. ITALIA !!!!

  3. Graziano

    17 Luglio 2019 at 14:14

    L’impressione che ho è che mai come questa volta entrare nella Top 10 sarà difficile: l’epicentro dello sport si è spostato in Estremo Oriente (al pari di quello economico), quindi Cina, Giappone, Sud Corea faranno razzie di titoli ma anche da altri Paesi asiatici (vedi l’India nel tiro o la Thailandia negli sport di combattimento) arriveranno molte medaglie. Poi ci sono le Nazioni storicamente avanti come Usa, Russia, Germania, Gran Bretagna, la stessa Francia nostra antica rivale. Dieci ori forse non basteranno. Poi ci sarà una rivale in più, l’Olanda e mi piacerebbe molto conoscere la vostra opinione su quali sono le cause della repentina crescita dello sport arancione in tante discipline

    • Fabio90

      18 Luglio 2019 at 11:22

      Chiaro che quando si ottengono risultati del genere, è perchè si è svolto un lavoro certosino; ma se andiamo nello specifico penso sia dovuto sopratutto al lavoro fatto sullo sport femminile (ricordo sopratutto campionesse olandesi attuali, rispetto ai campioni) individuale, ma anche di squadra, basta pensare che l’Olanda femminile sia forte nella pallanuoto e pallavolo, cosa che non si può dire degli uomini (nella pallanuoto sopratutto) e poi anche per il fatto che gli olandesi riescono sempre ad ottenere tanto in singoli sport,non come negli sport invernali dove addirittura raccolgono tutto solo in uno sport, ma tutto sommato anche in quelli estivi il ciclismo la fa da padrona.

  4. OLIMPIONICO

    15 Luglio 2019 at 18:47

    SAREI FELICISSIMO SE L’ ITALIA VINCESSE 33 MEDAGLIE CON 10 ORI ! Mi auguro una prestazione sottotono di un paio di squadre previste davanti alla Nostra. Se la pellegrini rivincesse 12 anni dopo pechino sarebbe incredibile: non credo che possa avvenire e non lo merita; altrimenti le altre sarebbero tutte diventate scarse e sarebbe una sconfitta per il Nuoto. IO darei più’ fiducia a Tiro a Volo, Atletica-Leggera, Nuoto, Ciclismo, Tiro con l’ Arco, Pallanuoto. ITALIA !!!!

    • Lorenzo1984

      16 Luglio 2019 at 17:21

      Secondo me faremo grandi cose col Nuoto (anche senza una medaglia di Federica Pellegrini, quella sarebbe un qualcosa di inaspettato), Scherma (ovviamente) e Tiro a volo (nello skeet dominiamo, nel trap se riusciamo a qualificarci qualcosa uscirà sempre), ma sono fiducioso anche per il Canottaggio (4 di coppia e doppio PL sono da medaglie pesanti), il Ciclismo su Pista (una squadre forte che può ancora migliorare), il Karate e il Tiro con l’Arco (Nespoli e qualche ragazza possono sorprendere)

      • Fabio90

        18 Luglio 2019 at 11:35

        Concordo con Lorenzo sugli Sport dove dovremmo avere più soddisfazioni, anche se è bene sottolineare come nel ciclismo su pista abbiamo ottimi elementi, si possono puntare a medaglie..ma gli ori saranno complicati.
        E sul nuoto per noi non è mai semplice, 1 anno è lungo possono uscire tanti tempi pazzeschi oltreoceano, per dire la Panziera che ora è una carta da oro possibile ai mondiali (ma vediamo se riesce ad ottenerlo) tra un anno dovremmo vedere se sarà ancora cosi, e Paltrinieri? sembra in leggero calo rispetto ai nuovi fenomeni…io punto molto su Detti per tokyo…gli 800 saranno la gara nettamente con piu possibilita..il resto sarà molto ma molto complicato.
        Fondamentali saranno i possibili ori ottenuti qua e là, sperando che almeno una squadra ci riesca (le maggiori indiziate per me sono pallavolo donne e pallanuoto, ma ovviamente ci vogliono imprese) e che ci siano elementi come un Chamizo..tamberi..bruni..kerschbaumer….o altri ( non è che ce ne siamo molti ahimè, ma qualcun altro si) che ottengano il bottino pieno. Senza alcune di queste vittorie individuali, praticamente saremmo appesi al dominio totale della scherma, sport dove mi aspetto tanto ma non si può pensare di fare 10 ori in 12 gare per dire.

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *