Tour of Oman 2019, Alexey Lutsenko vince la terza tappa: bis del kazako che si prende la maglia, Pozzovivo quinto


Alexey Lutsenko ha vinto la terza tappa del Tour of Oman 2019 (192,5 km particolarmente mossi da Al Qurum a Qurayyat), il kazako ha così realizzato un bellissimo bis dopo che si era imposto nella giornata di ieri. Il corridore dell’Astana indossa anche la maglia di leader della classifica generale e si candida al trionfo finale di questa breve corsa a tappe (ora ha 18 secondi di margine su Herrada).

Lutsenko ha tagliato il traguardo di Qurayyat a braccia al cielo, dopo un’accelerazione bruciante nel finale che gli ha permesso di avere la meglio per un secondo sullo spagnolo Jesus Herrada (Cofidis), sul belga Greg Van Avermaet (CCC Team) e sul portoghese Rui Costa (UAE Emirates), quinta piazza invece per il nostro Domenico Pozzovivo (Bahrain Merida) a quattro secondi.

La fuga di giornata prende subito corpo con l’attacco di Preben Van Hecke (Sport Vlaanderen-Baloise) a cui si aggregano Kevin Reza (Vital Concept), Julien Duval (AG2R La Mondiale), Niccolò Bonifazio (Direct Energie), Even Huffman (Rally Cycling), Maurits Lammertink e Arjen Livyns (Roompot-Charles), Piet Allegaert (Sport Vlaanderen-Baloise), Lukas Spengler (Wallonie-Bruxelles) e Daniel Viejo (Euskadi Murias). I dieci battistrada arrivano a toccare i tre minuti di vantaggio in concomitanza della prima salita di giornata e il margine poi raddoppia col passare dei chilometri visto che in gruppo UAE Emirates, CCC Team e Bahrain Merida non si dannano l’anima.

La situazione cambia a 50 chilometri dalla conclusione, il gruppo si spezza a causa del forte vento e rimangono solo una ventina di uomini prima di imboccare il Qurayyat per la prima volta: tra loro spiccano Kristoff (leader della generale), Lutsenko, Van Avermaet, Rui Costa ma anche Greipel e Gaudin mentre la corsa è guidata da Bonifacio e Van Hecke. I due fuggitivi della prima ora vengono però ripresi a dieci chilometri dal traguardo. Sulle pendenze più dure dell’ascesa conclusiva Lutsenko attacca, guadagna qualche metro e lo conserva fino al termine. Domani la quarta tappa, 131 km da Yiti all’Oman Convention Center.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Lascia un commento

scroll to top