Tennis, ATP Buenos Aires 2019: continua la crisi di Fabio Fognini. Sconfitta all’esordio con il canadese Auger-Aliassime


Neanche il torneo di Buenos Aires mette la parola fine alla crisi di Fabio Fognini. Il numero uno d’Italia viene sconfitto all’esordio sulla terra rossa argentina dal canadese Felix Auger-Aliassime, numero 104 del mondo, in due set con il punteggio di 6-2 6-3 dopo un’ora e mezza di gioco. Il ligure non vince una partita addirittura dal 17 Gennaio, data della vittoria al secondo turno degli Australian Open contro Leonardo Mayer.

Fognini ha quasi subito l’occasione per indirizzare il primo set in suo favore, ma non sfrutta due palle break nel terzo gioco. Il ligure fatica comunque a trovare ritmo e dall’altra parte il canadese sbaglia davvero poco. Fognini annulla un break point nel quarto game, ma nel sesto è costretto a cedere il servizio. Il passaggio a vuoto del nativo di Arma di Taggia prosegue ed Auger-Aliassime completa la serie di quattro gioco consecutivi, che lo portano a conquistare il primo set per 6-2.

Anche ad inizio secondo set la musica non cambia. Il linguaggio del corpo dell’azzurro è proprio quello di uno che non riesce ad entrare in partita e che sembra quasi rassegnato alla sconfitta. Nel quarto gioco arriva un altro break del canadese, che poi sale fino al 4-1. Fognini ha una minima reazione nel settimo game, quando vince due scambi lunghi e si procura una palla break, che viene annullata con merito dal canadese. Fognini ha ancora una chance nel nono gioco, ma Auger-Aliassime con la prima di servizio annulla due palle break. Occasione sfumata e al terzo match point il canadese chiude sul 6-3 complice un brutto errore di rovescio di Fognini.

Si completa dunque una giornata davvero nera per il tennis italiano, che ha visto l’eliminazione non solo di Fognini, ma anche quelle di Marco Cecchinato e Lorenzo Sonego, sconfitti rispettivamente dallo sloveno Aljaz Bedene e dallo spagnolo Albert Ramos-Vinolas.

 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Lascia un commento

scroll to top