Sei Nazioni femminile 2019, Italia-Galles 3-3. Le azzurre premono nel finale ma non trovano il successo


Al Via del Mare di Lecce arriva solo un pareggio per 3-3 per l’Italia del rugby femminile nella seconda giornata del Sei Nazioni nella sfida giocata contro il Galles. Al piazzato di Wilkins al 31′ risponde al 61′ Sillari sempre dalla piazzola. Nel finale, seppur da distanza proibitiva, ancora Sillari manca il calcio di punizione che avrebbe dato il successo alle azzurre. Italia prima per una notte in classifica a quota sette, ma ora il terzo posto finale non è più così scontato.

Nel primo tempo partono bene le azzurre, che nei primi minuti cercano spesso la touche per provare ad andare in meta. Col passare dei minuti però crescono le gallesi, che ci fanno soffrire soprattutto in mischia. Il giallo a Turani ci lascia in 14 per dieci minuti, ma soprattutto ringalluzzisce le britanniche che iniziano a spingere e capitalizzano ottenendo un calcio con cui Wilkins al 31′ centra i pali. Reazione azzurra non pervenuta, le ospiti continuano a produrre gioco e la difesa strenua delle azzurre continua fino al 40′, con la chiusura della prima frazione che dà respiro alle nostre atlete.

La ripresa nei primi minuti vede ancora il Galles nella nostra porzione di campo, poi Giada Franco sale in cattedra e le italiane iniziano a guadagnare campo. Si gioca costantemente nei 22 avversari ma le azzurre non sfondano: al 61′ però un calcio per le azzurre da posizione centrale viene trasformato da Sillari che trova il 3-3. La pressione italiana continua, anche se gli errori sono molti e anche le gallesi hanno le loro opportunità: al 73′ il TMO annulla una meta alle britanniche per un in avanti ad inizio azione. Gli ultimi minuti sono tutti azzurri, ma il Galles si salva a pochi centimetri dalla linea di meta. Ultima occasione a tempo scaduto con un calcio per l’Italia: seppur da distanza proibitiva, Sillari indica i pali ma il suo calcio difetta di precisione. Finisce 3-3.

 

 

roberto.santangelo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Ettore Griffoni

Lascia un commento

scroll to top