Seguici su

Artistica

Ginnastica artistica, gli Usa svelano le convocazioni per la Coppa del Mondo: obiettivo Tokyo 2020!

Pubblicato

il

Ieri pomeriggio USA Gymnastics ha ufficializzato i nominativi delle ginnaste che prenderanno parte alle prossime prove di Coppa del Mondo. L’obiettivo della Nazionale più forte del globo, dopo aver qualificato la squadra vincendo il titolo mondiale 2018, ora è indubbiamente quello di ottenere anche i due pass individuali per Tokyo 2020. Ricordiamo infatti, che il nuovo regolamento prevede che ogni Paese possa portare alle Olimpiadi fino a sei ginnaste, quattro in squadra e due individualiste.

La Coppa del Mondo all-around 2019 non assegnerà pass ma sarà importante per scaldare i motori. Il 2 marzo, impegnate nell’American Cup di Greensboro, ci saranno Grace McCallum e Leanne Wong: la prima ha vinto l’oro con la squadra ai Mondiali di Doha, mentre la seconda è la neo-senior di punta, nonché attuale campionessa nazionale categoria junior.

Due settimane dopo, nella prova di Stoccarda, scenderà in campo gara la più forte e titolata ginnasta del mondo, Simone Biles. In Germania, gli occhi saranno tutti puntati su di lei e sui suoi esercizi dalle incredibili difficoltà tecniche. Le ultime due tappe della Coppa del Mondo, quella di Birmingham del 23 marzo e quella di Tokyo del 6 aprile, vedranno protagoniste le già campionesse del mondo Riley McCusker e Morgan Hurd.

Per quanto riguarda invece le ragazze impegnate nelle tappe di Coppa del Mondo di specialità (Baku e Doha), le stesse in cui vedremo Vanessa Ferrari, Martina Rizzelli e Lara Mori, gli USA decidono di puntare tutto sulla vicecampionessa del mondo al volteggio e al corpo libero 2017, Jade Carey. Quest’ultima, in occasione della prima prova, quella di Cottbus, si era piazzata al secondo posto alla tavola, ma “solo” quinta al corpo libero. Risultato che aveva lasciato la stellina di Phoenix con l’amaro in bocca e infatti, proprio per questo motivo ora l’obiettivo è quello di risalire la classifica per poter guadagnare punti utili alla qualificazione.

La sua presenza, soprattutto sul quadrato, potrà dare del filo da torcere alle azzurre, ma se sul livello tecnico è oggettivamente molto forte, è altrettanto vero che non si possa dire lo stesso per la parte artistica ed espressiva, punto di forza invece, di Ferrari e Mori. Mancano ormai pochi giorni all’inizio dei due importanti circuiti di gare e qualificazioni e, mai come quest’anno, le premesse per potersi aspettare una grande ginnastica ci sono tutte!

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Leonard Zhukovsky / Shutterstock.com

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *