Gianmarco Tamberi: “Soddisfatto del 2.32, ma non mi accontento! A Glasgow per stupire”


Gianmarco Tamberi illumina la serata di Ancona nella prima giornata dei Campionati Italiani Indoor 2019 di atletica leggera con una prestazione davvero eccellente che lo riporta a misure alle quali ci aveva abituato prima del grave incidente che lo aveva costretto a saltare Rio 2016. Un 2.32 che rappresenta la seconda migliore prestazione stagionale ed il miglior modo possibile per presentarsi con grandi ambizioni agli imminenti Europei al coperto (1-3 marzo a Glasgow).

Le sue parole al termine della gara, rilasciate ai microfoni di FIDAL.it, confermano la bontà della prestazione. Ma per Tamberi, questo sembra solo un punto di partenza, e non di arrivo. “Senza dubbio una grande serata, nella quale ho vissuto una splendida emozione. La misura è l’ultima cosa che conta ed è comunque una prestazione che fa ben sperare: me, in primis, e tutto il movimento”.

Il campione di Civitanova Marche ha le idee ben chiare: “Mi piace essere concentrato, non mi accontento, a Glasgow tra due settimane voglio saltare qualche centimetro in più perché penso di valerlo. Il 2,34 è caduto di un soffio, dopotutto. Agli Europei sarà più difficile senza tutta questo pubblico a sostenermi ma li porterò tutti quanti con me. L’importante è stato uscire da quel tunnel e vedere le tribune esplodere di entusiasmo. Una cosa del genere per l’Italia è una bellissima novità. E sulle tribune c’erano soprattutto tanti curiosi, non soltanto addetti ai lavori”.

 

alessandro.passanti@oasport.it

Twitter: @AlePasso

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Tamberi Atletica Herbert Kratky Shutterstock.com

Lascia un commento

scroll to top