F1, Mondiale 2021: la FIA sposa la linea della standardizzazione e impone un unico fornitore della scatola del cambio


Estremizzazione della competizione e standardizzazione dei materiali. Da sempre la Formula Uno ha convissuto tra due variabili antitetiche, perché le esigenze di chi fa parte del Circus non sono spesso coincidenti con quelle del pubblico, desideroso di sorpassi e di “caos” in pista.

E dunque la FIA ha deciso di dare il via al processo di standardizzazione. Un cambio epocale? Sicuramente, non trascurabile. La Federazione Internazionale dell’Automobile ha intenzione, come scrive Autosprint, di realizzare un cambio che sia uguale per tutte le scuderie a partire dal 2021, stagione nella quale sono diversi gli aspetti in ballo: dalle gomme alle power unit. L’obiettivo è quello di coinvolgere i possibili fornitori che dovranno presentare la propria candidatura entro il 3 marzo. La scelta su quale sarà l’azienda che si occuperà di questo componente così importante sarà poi effettuata entro il mese di aprile e varrà dal 2021 al 2024.

Una decisione che rientra nella logica del risparmio dei costi che la FIA, in accordo con Liberty Media, vuol portare avanti. Una scatola del cambio comune, di fatto, sarebbe un mutamento importante anche nel modo di sviluppare un progetto. Il nome più gettonato, in questo senso, è quello di Xtrac ma è ancora presto per pronunciarsi.

 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

FOTOCATTAGNI

Lascia un commento

scroll to top