Tennis, Australian Open 2019: la grande attesa per Fabio Fognini. Il ligure non può fallire


Manca davvero pochissimo all’inizio degli Australian Open 2019. In campo maschile l’Italia si presenta con ben sette tennisti nel tabellone principale e il migliore in termini di classifica è Fabio Fognini. Il ligure arriva a Melbourne da numero tredici del mondo e sarà la dodicesima testa di serie nel primo Slam dell’anno.

C’è davvero tanta pressione sul nativo di Arma di Taggia perchè dall’azzurro ci si aspetta il grande risultato. La seconda settimana è un traguardo praticamente obbligatorio e Fognini deve provare a spingersi anche oltre gli ottavi di finale raggiunti nella passata stagione. Fabio non centra i quarti di finale in uno Slam ormai da troppo tempo e lo ha fatto una sola volta in tutta la sua carriera nel 2011 al Roland Garros.

Il sorteggio di ieri può essere anche ritenuto positivo per il numero uno d’Italia, anche perchè dal primo turno agli ottavi di finale le sfide che dovrà affrontare sono tutte alla sua portata, anche se con avversari da non sottovalutare e contro i quali servirà un Fognini molto attento.

Fabio affronterà all’esordio lo spagnolo Jaume Munar, 74 del ranking ATP. In caso di vittoria, il ligure troverebbe uno tra Nicolas Jarry (Cile) e Leonardo Mayer (Argentina), per poi probabilmente arrivare a Pablo Carreno Busta nel terzo turno. Eventualmente ci sarebbe un ottavo molto interessante e comunque giocabile contro Kei Nishikori. Il quarto di finale sarebbe poi contro Novak Djokovic, ma a quel punto tutto quello che viene sarebbe solo di guadagnato.

La speranza è quella che a Melbourne si veda il vero Fognini e non una brutta copia del giocatore capace di arrivare ad un passo dai primi dieci. Le possibilità di fare un grande risultato ci sono e a quel punto la Top Ten diventerebbe un obiettivo molto più che realizzabile.

 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL TENNIS

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credits: lev radin / Shutterstock

Lascia un commento

scroll to top