Dakar 2019, risultati nona tappa camion e quad: Eduard Nikolaev e Manuel Andújar si impongono nella Pisco-Pisco

Czech Republic's truck driver Martin Macik and co-drivers Frantisek Tomasek and Lucas Kalanka compete in the Dakar Rally Stage 4 between Arequipa and Tacna, in Peru, on January 10, 2019. (Photo by Franck FIFE / AFP)


Nona tappa che è andata in archivio quella di questa Dakar 2019. Nella Pisco-Pisco, con 96 km di trasferimento e 313 di prova speciale (311 nel caso dei camion) nel formato mass start, lo spettacolo non è di certo mancato.

CAMION – Tra i camion è stato il giorno della rivincita per il russo Eduard Nikolayev. Dopo aver dovuto subire un pesante distacco ieri, rimanendo bloccato tra le dune peruviane con il suo Kamaz, oggi il riscatto. L’equipaggio dell’Est infatti si è imposto con il tempo di 4h19’37” a precedere il bielorusso Siarhei Viazovich (+14’03”) e il connazionale Dmitry Sotnikov (+27’43”), che ieri aveva ribaltato la situazione nell’overall. Oggi, invece, vi è stato il nuovo rimescolamento delle carte che ha sorriso al tre volte vincitore della Maratona nel deserto. A completare la top-6 odierna il ceco Ales Loprais (+28’30”) su Tatra e il duo Iveco formato dagli olandesi Gerard de Rooy (+31’07”) e da Maurik van den Heuvel (+52’57”).

QUAD – E’ ancora un tango argentino in questa categoria: ben tre centauri di questa origine ad occupare i primi tre posti della stage. Manuel Andujar ha interrotto l’egemonia del connazionale Nicolas Cavigliasso, preceduto di 4’59”, mentre Jeremias Gonzalez Ferioli è giunto terzo a 20’26”. Un riscontro che però cambia decisamente poco nella graduatoria generale, tenendo conto del vantaggio importante di Cavigliasso. Il sudamericano, infatti, è forte del vantaggio di 1h40’19″su Gonzalez Ferioli e di oltre due ore sull’altro argentino Gustavo Gallego, oggi quinto, potendo gestire il margine in quest’ultima parte della rally raid. La vittoria finale è vicina anche se nella Dakar non si può mai dire.

SXS – Infine è stato il brasiliano, campione in carica, Reinaldo Varela a centrare il bersaglio grosso in questa classe particolare. Il pilota verdeoro, protagonista di una prova decisamente convincente, ha preceduto lo spagnolo Gerard Farres Guell di 3’03” e l’attuale leader della generale Francisco Lopez Contardo (+11″26″). Il cileno ha corso in modo molto conservativo, preferendo non commettere errori e non rischiare di perdere tutto il vantaggio costruito precedentemente. Il ‘Chaleco‘ può contare su 59’46” sull’iberico Guell e su 1h11’29” su Varela in una condizione di classifica abbastanza congelata.

 

 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Lascia un commento

scroll to top