Australian Open 2019: Andreas Seppi avanti tutta! Sconfigge Thompson e vola al terzo turno

Andreas Seppi of Italy celebrates defeating Argentina's Diego Schwartzman in the men's singles semi-final match at the Sydney International tennis tournament in Sydney on January 11, 2019. (Photo by PETER PARKS / AFP) / -- IMAGE RESTRICTED TO EDITORIAL USE - STRICTLY NO COMMERCIAL USE --


Andreas Seppi accede con pieno merito al terzo turno degli Australian Open 2019. L’altoatesino è perfetto nel match contro l’australiano Jordan Thompson, numero 72 del mondo, sconfitto in tre set con il punteggio di 6-3 6-4 6-4 dopo neanche due ore di gioco. Un successo che conferma l’ottimo stato di forma del 34enne di Caldaro e che dimostra come l’azzurro si trovi sempre bene a giocare sul cemento australiano, dove ha raggiunto per quattro volte negli ultimi sei gli ottavi di finale.

Il match si mette subito in discesa per Seppi, che strappa per due volte consecutive il servizio all’avversario in apertura di primo set e scappa sul 3-0. Thompson, però, non molla e riesce addirittura a rimontare, recuperando i due break di svantaggio e pareggiando sul 3-3. Nel primo set, però, si va di tre game in tre game e questa volta tocca all’azzurro, che toglie nuovamente la battuta in due occasioni all’australiano e chiude la prima frazione sul 6-3.

Il secondo e il terzo set sembrano uno la fotocopia dell’altro e si decidono entrambi nel decimo game. Equilibrio perfetto al servizio, con Seppi che non concede nulla al proprio avversario ed invece in entrambi i set nel decimo game Thompson concede palle break e l’altoatesino ne approfitta immediatamente. Set vinti per 6-4 e biglietto per il terzo turno guadagnato.

La prossima sfida per Seppi sarà molto più complicata ed insidiosa, perchè il 34enne di Caldaro si troverà di fronte il vincente di uno dei match più attesi della giornata tra il sudafricano Kevin Anderson, numero cinque del mondo, e l’americano Frances Tiafoe, numero 39 del ranking ATP.

 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Lascia un commento

scroll to top