Karate, Serie A 2018: Viviana Bottaro e Michele Martina brillano a Shanghai, Silvia Semeraro e Laura Pasqua sotto le aspettative


L’Italia ha ottenuto due podi nella tappa di Shanghai (Cina) della Serie A di karate, ultimo grande appuntamento della stagione 2018. In gara erano presenti oltre 1100 atleti, tra cui 51 italiani. In Cina sono arrivati dei risultati importanti da parte degli azzurri, anche se mancavano all’appello diversi big del nostro movimento. Andiamo quindi ad analizzare nel dettaglio le prestazioni dei nostri portacolori.

Partiamo da Viviana Bottaro, che ancora una volta si è confermata ai vertici mondiali del kata. La 31enne genovese è riuscita ad approdare in finale, dove si è però dovuta arrendere alla campionessa del mondo Sandra Sanchez, oggettivamente superiore all’azzurra. Il secondo posto resta un grande risultato per Bottaro, che chiude così al meglio questo 2018 e dopo il bronzo iridato ottiene altri punti pesanti per il ranking olimpico in chiave qualificazione a Tokyo 2020, che diventa un obiettivo sempre più concreto.

Michele Martina torna invece protagonista nei -84 Kg. Dopo lo straordinario oro agli Europei l’azzurro non era più riuscito a realizzare prove altrettanto brillanti e ai Mondiali di Madrid era arrivata addirittura l’eliminazione al primo incontro. Sul tatami di Shanghai è giunta finalmente la reazione, con un torneo brillante e un terzo posto che lascia ben sperare in vista della prossima stagione, considerano il potenziale di questo atleta.

Non sono mancate però delle prove sotto le aspettative come quelle di Silvia Semeraro (-68 Kg) e Laura Pasqua (-61 Kg). Semeraro è stata eliminata al secondo turno, chiudendo così in calando una stagione che è stata a tratti molto positiva, ma in cui ha fallito l’appuntamento del Mondiale. Nella rassegna iridata era stata invece brillante Pasqua, che aveva sfiorato il bronzo, ma a Shanghai è uscita subito di scena. Non trova l’acuto nemmeno Luca Maresca (-67 Kg), fuori in semifinale di pool.

Infine tra gli altri italiani in gara citiamo invece la buona prestazione di Andrea Minardi, che conferma la sua crescita raggiungendo la finale di pool nei -75 Kg, e dei ragazzi della Master Rapid SKF, che sono protagonisti nel kata a squadre ed in particolare Gabriele Petroni, che è anche il migliore italiano nel kata individuale maschile.

 





 

alessandro.farina@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Fijlkam

Lascia un commento

scroll to top